Ti-press (Samuel Golay)
+20
DERBY
26.03.21 - 22:260
Aggiornamento : 27.03.21 - 16:09

Sei su sei, la truppa di Pelletier si prende anche l’ultimo derby

I bianconeri, con una clamorosa contro-rimonta maturata negli ultimi minuti, hanno superato 6-4 l'Ambrì.

I biancoblù, raggiunti al 57'07" da Heed (4-4), sono stati castigati al 57'35", quando un retropassaggio di Trisconi - in situazione di penalità differita - si è infilato nella porta lasciata vuota da Ciaccio.

di Antonio Fontana

LUGANO - Il Lugano è riuscito a fare bottino pieno nel conto dei derby stagionali, facendo suo anche l’ultimo confronto dell’anno contro i cugini biancoblù con il punteggio di 6-4.

Questa sera sulla sponda biancoblù si è rivisto il ristabilito Julius Nättinen, impiegato da Cereda come tredicesimo attaccante. Anche i sottocenerini hanno potuto contare su un rientro importante, quello di Elia Riva, al ritorno sul ghiaccio dopo più di due mesi di stop. Tra le fila dei bianconeri ha inoltre debuttato il canadese Troy Josephs, aggregatosi proprio ieri alla corte di Pelletier.

Nei primissimi minuti l’Ambrì ha tentato di aggredire i rivali, facendosi vedere in più di un’occasione dalle parti di Schlegel. Tuttavia, a seguito di un inizio a tinte biancoblù, Sannitz e soci hanno man mano conquistato il controllo del gioco. I padroni di casa sono infatti riusciti a passare in vantaggio grazie ad una conclusione chirurgica di Fazzini (07’05”), imparabile per Ciaccio che per giunta era ostacolato dal traffico. Dopo aver sfiorato la gioia del raddoppio con un palo colpito da Heed, la compagine sottocenerina ha potuto effettivamente esultare a 17’31”, quando Boedker ha infilato in tap-in la rete del 2-0.

Nel periodo centrale il match ha però radicalmente cambiato rotta. In avvio di terzo infatti la banda di Cereda è tornata impetuosamente in partita agguantando il pareggio con un rapido uno- due firmato da Fischer (20’59”) e Perlini (23’56”). Il Lugano ha poi ripreso a condurre nel parziale, mettendo a segno il 3-2 in powerplay con la rete del debuttante Josephs (25’50”).

Tuttavia il vantaggio bianconero si è nuovamente rivelato soltanto momentaneo. Flynn e soci questa volta non si sono solo accontentati di trovare la rete del pari – arrivata con Fora a 29’51” – ma hanno continuato a mettere pressione agli avversari fino a segnare il 3-4. A portare in avanti l’Ambrì è stato il gol di Müller, imbeccato davanti allo slot dall’assist di Kostner (37’59”).

Per quanto eclatante fosse stata la parziale rimonta dei leventinesi avvenuta nel secondo periodo, ha ancor più del clamoroso la contro-rimonta luganese concretizzatasi nell’ultimo terzo. A poco meno di tre minuti dalla fine Heed ha portato ancora una volta i conti in equilibrio (57’07”), dando così l’impressione che la gara potesse protrarsi fino all’overtime. Ma in situazione di penalità differita a favore dell’Ambrì – a porta biancoblù dunque sguarnita – un retropassaggio di Trisconi non controllato da Fischer ha condannato gli uomini di Cereda (57’35”), regalando ai rivali bianconeri la rete del 5-4, e, di fatto, anche la vittoria. Sul finire di partita il Lugano ha centrato anche il definitivo 6-4 con Suri, che ha trovato il gol a porta vuota mentre i leventinesi cercavano il vano assalto finale.

Entrambe le compagini torneranno sul ghiaccio domani sera (ore 19.45): il Lugano dovrà affrontare la trasferta di Davos, mentre l’Ambrì ospiterà proprio il Rapperswil in uno spareggio in chiave decimo posto.

LUGANO – AMBRÌ 6-4 (2-0; 1-4; 3-0)

Reti: 07’05” Fazzini 1-0; 17’31” Boedker (Bürgler) 2-0; 20’59” Fischer 2-1; 23’56” Perlini (Zwerger) 2-2; 25’50” Josephs (Heed, Arcobello) 3-2; 29’51” Fora (Zwerger) 3-3; 37’59” Müller (Kostner) 3-4; 57’97” Heed 4-4; 57’35” Sannitz 5-4; 59’40” Suri 6-4.

LUGANO: Schlegel; Wellinger, Heed; Chiesa, Loeffel; Wolf, Nodari; Riva, Romanenghi; Boedker, Arcobello, Bürgler; Suri, Morini, Fazzini; Josephs, Herburger, Lammer; Haussener, Sannitz, Zangger.

AMBRÌ: Ciaccio; Isacco Dotti, Fora; Fischer, Hächler; Zaccheo Dotti, Fohrler; Perlini, Flynn, Zwerger; Müller, Novotny, Grassi; Mazzolini, Kostner, Trisconi; Kneubuehler, Dal Pian, Incir; Ngoy; Nättinen.

Penalità: Lugano 5x2’ + 2x10’; Ambrì 4x2’.
Note: Cornèr Arena, zero spettatori. Arbitri: Tscherrig, Stolc, Fuchs, Gnemmi.

HOCKEY: Risultati e classifiche

Ti-press (Samuel Golay)
Guarda tutte le 24 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Frankeat 4 mesi fa su tio
Un altro derby vinto dal Lugano che entrerà nella storia dell'hockey ticinese. Sto solo pensando che esplosione ci sarebbe stata con il pubblico sugli spalti. Occasioni così non capitano ogni anno...no, neanche contro l'Ambrì. Grazie comunque al Grande Trisconi e all'Immenso Fischer, siamo tutti fieri di voi.
angie2020 4 mesi fa su tio
comunque i derby vinto sono 8 su 8 (anche le amichevoli). Il Ticino era, é e sarà sempre bianconero!!!
Evry 4 mesi fa su tio
@angie2020 eh si, mentre i piottini hanno voglia e tenacia ma non sanno giocare all'hockey il pesce inizia a puzzare dalla testa, il Coach non ha più polvere da sparare, senza idee e senta sistema ......
Evry 4 mesi fa su tio
GRANDE LUGANO, a parte qualche fallo di troppo come pure l'impegno del 22 e del 27 meritate un mega complimento per la qualità del gioco. L'avversario, come sempre gioca con grande voglia, impegno e rabbia ma in modo sconcertato. Il Cereda, allenatore "moderno" non riesce ha trovare il sistema del gioco moderno,... ha finito la polvere e serve una svolta, fatti avanti Paolo perchè altrimenti non riuscirete mai a liberarvi del "fanalino di coda" auguri e grazie HCL.
Bibo 4 mesi fa su tio
@Evry Dimmi dove ieri sera hai visto un grande lugano...a parte il risultato (che è ciò che conta) hanno giocato male imbrigliati dall'Ambrì che meritava sicuramente di vincere guardando ciò che ha fatto in tutta la partita. Se il lugano avesse un allenatore come Cereda potrebbe leccarsi le mani! Pelletier è incapace di valorizzare i molti giovani che ci sono a lugano e spreme sempre i soliti, può ringraziare Arcobello che fa il boia e l'impiccato sempre e qualche indivualità dei soliti talentuosi giocatori che ha in rosa altrimenti sarebbe in lotta per i playoff come l'Ambrì, di questo ci puoi scommettere!
cle72 4 mesi fa su tio
@Bibo Bibo complimenti! Finalmente un tifoso hcl che non ha le fette di salame sugli occhi. Ieri l Ambri ha giocato bene e ha messo in difficoltà il Lugano, purtroppo non riusciamo a finalizzare le azioni. L Ambri ha una rosa di giocatori giovani e che si devono fare le ossa, il nostro gioco è basato sul gioco semplice, disco negli angoli e pressione, questo per sopperire al tasso tecnico inferiore. La gente che billanta d'essere esperto non lo capisce e spara sentenze a vanvera. Cmq. Un peccato per noi, un plauso a voi. Un unica nota fare giocare spesso i soliti giocatori alla fine peserà... Arcobello non è eterno, ocio...
gigios 4 mesi fa su tio
Forza luuuuuugaaaanoooo 6/6
Findus 4 mesi fa su tio
Beh che dire Un circo infinito Una pena infinita Troppe braccia rubate al l’agricoltura
Tato50 4 mesi fa su tio
@Findus Hai fatto il diploma al Conservatorio di Lenzburg ?
Nano10 4 mesi fa su tio
È ancora più bello e godoso vincere così 👍🤣🤣
Evry 4 mesi fa su tio
@Nano10 Certo GRANDE LUGANO e eccellente qualità di gioco !!! bravissimi.
Alex 4 mesi fa su tio
@Evry Beh sulla qualità di gioco ho qualche dubbio...siamo stati dominati nel.secondo tempo da una squadra che per la metà proviene dai rockets....cmq avanti così il 2 posto è alla nostra portata. Forza Magico Lugano
Evry 4 mesi fa su tio
@Alex per la maggior parte della partita ha giocato molto bene e non dimentichiamo che ci ha assistito anche la sfortuna... ciaoo
Potrebbe interessarti anche
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
LIVE TV
TOKYO 2020
49 min
Ambizione olimpica: Svizzera, l'appetito vien mangiando
Venticinque titoli in palio: a Tokyo si continua a fare sul serio
L’OSPITE - ARNO ROSSINI
4 ore
«Petkovic via non per soldi»
«Il sostituto di Vlado? La Svizzera farà un passo indietro»
NAZIONALE
5 ore
Ufficiale, Vlado se ne va: «Sette anni meravigliosi»
L'ASF ha reso noto che il 57enne ha chiesto e ottenuto la rescissione del contratto.
SUPER LEAGUE
5 ore
Derby (amichevole) infrasettimanale: il Lugano sfida il Bellinzona
La partita fra bianconeri e granata avrà luogo ad Arbedo.
PREMIER LEAGUE
6 ore
Dal Real allo United: quinquennale da 12 milioni in vista per Varane
Manca ancora l'ufficialità, ma la squadra di Manchester ha già confermato di aver trovato l'intesa con il club di Madrid.
TOKYO 2020
9 ore
Oro, argento e bronzo: «Un'impresa folle, sentimenti indescrivibili»
La tripletta firmata dalla Svizzera nel cross-country (MTB) resterà per sempre nella storia dello sport rossocrociato.
BASKET
10 ore
Il basket ticinese è in lutto: Ken Brady è morto
L'ex stella di Lugano e Viganello - draftato anche dai Pistons - si è spento all'età di 71 anni.
TOKYO 2020
20 ore
Medaglie, conferme e colpacci rossocrociati
Tripletta sensazionale nella MTB femminile. Nel doppio brillano Bencic e Golubic.
HCL
1 gior
Ultima stagione a Lugano per Romain Loeffel
Niente rinnovo: Chris McSorley “saluta” Loeffel
TOKYO 2020
1 gior
«Quando si dà tutto è difficile avere rimpianti»
Filippo Colombo, fermato in maggio da un infortunio al bacino, aveva rischiato di veder sfumare il sogno Olimpico.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile