Ti-press (Alessandro Crinari)
+2
HCL
02.03.21 - 22:100
Aggiornamento : 03.03.21 - 10:01

Il Bienne punisce un Lugano poco incisivo

La banda di Serge Pelletier è stata sconfitta 2-6 nel match casalingo contro i bernesi.

Venerdì i bianconeri affronteranno il Berna, prima dei due derby consecutivi.

di Antonio Fontana

LUGANO - Il mese di marzo non si è aperto nel migliore dei modi in casa Lugano, sconfitto per 2-6 dal Bienne. I bianconeri hanno convinto solamente nei cinque minuti iniziali, per poi cedere alla compagine bernese le redini della gara.

L’unica novità nello schieramento sottocenerino è stato il ritorno in formazione di Sandro Zangger, il quale ha rimpiazzato l’indisponibile - causa malattia - Tim Traber.

La truppa di Serge Pelletier aveva iniziato la serata con il piede giusto, spingendo fin da subito sull’acceleratore. Dopo meno di un minuto infatti Sannitz ha sfiorato il punto del vantaggio, ma la sua conclusione si è spenta sul palo. La Dea Bendata ha poi ricompensato il Lugano, in quanto una manciata di minuti più tardi è arrivato il gol dell’1-0 in seguito ad una rocambolesca deviazione della retroguardia bernese che ha sorpreso van Pottelberghe (5’12”). Una volta trovato il vantaggio, Chiesa e soci hanno però drasticamente abbassato i giri del motore. Il Bienne non ha quindi esitato ad approfittare del blackout degli avversari e si è servito degli spazi concessi dalla difesa sottocenerina per ribaltare il risultato grazie alle reti di Hofer (6’53”) e Kessler (11’57”). I bianconeri non hanno saputo reagire alla pressione della formazione bernese, che ha continuato ad attaccare fino a trovare anche il punto dell’1-3 con Hofer (17’15”).

Nel periodo centrale il Lugano ha tentato di risalire la china, facendosi vedere con maggiore frequenza dalle parti di van Pottelberghe. Tuttavia la formazione ticinese, poco ispirata e cinica, non è stata in grado di creare grandi minacce e diminuire il disavanzo. Il cinismo non è invece mancato al Bienne che, a ridosso della seconda sirena, ha ulteriormente incrementato il vantaggio con un gol da rapace di Komarek (38’31”).

Nonostante il parziale di 1-4, le speranze di rimonta dei bianconeri non sono tramontate, anzi, all’alba del terzo periodo sono tornate vivide, poiché Bürgler è riuscito ad accorciare le distanze in situazione di powerplay (45’05”). Come accaduto nel periodo centrale, il Lugano non è però riuscito a rendersi abbastanza pericoloso e il Bienne ha potuto quindi amministrare agevolmente il vantaggio, chiudendo definitivamente i giochi nel finale grazie a Pouliot (57’43”) e nuovamente a Hofer (57’59”).

Il prossimo impegno nell’agenda luganese è rappresentato dalla sfida di venerdì al Berna (ore 19:45), match che precederà i due derby consecutivi (in programma domenica 7 marzo e venerdì 12 marzo).

LUGANO - BIENNE 2-6 (1-3; 0-1; 1-2)
Reti: 5’12” Wellinger 1-0; 6’53” Hofer (Fey) 1-1; 11’57” Kessler (Gustafsson) 1-2; 17’15” Hofer 1-3; 38’31” Komarek (Hofer, Fey) 1-4; 45’05” Bürgler (Loeffel, Suri) 2-4; 57’43” Pouliot 2-5; 57’59” Hofer (Fuchs, van Pottelberghe) 2-6.
LUGANO: Zurkirchen; Wellinger, Heed; Chiesa, Loeffel; Wolf, Nodari; Antonietti, Zangger; Boedker, Arcobello, Bürgler; Suri, Lajunen, Walker; Bertaggia, Sannitz, Fazzini; Haussener, Romanenghi, Lammer.
Penalità: Lugano 4x2’ + 1x10; Bienne 3x2’
Note: Cornèr Arena, zero spettatori. Arbitri: Lemelin, Mollard, Kehrli, Duarte.

HOCKEY: Risultati e classifiche

Ti-press (Alessandro Crinari)
Guarda tutte le 6 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Bibo 6 mesi fa su tio
cosa si può prendere da una squadra guidata da uno che preferisce far giocare Antonietti invece di un qualche giovane, e a Lugano ce ne sono di validi, e che si ostina a giocare a poco più di 3 linee...per fortuna che c'è Arcobello che come sempre fa il boia e l'impiccato altrimenti il signor Pelletier sarebbe già disoccupato!
Evry 6 mesi fa su tio
Difesa allo sbando, il 27 oltre che falloso non conclude niente di buono, il 22 ha aumentato il ritmo ma non esegue i doveri da difensore e va dietro la porta avversaria a tripplare poi perde il disco, azione.... confusionaria, il 38 sbaglia a portiere battuto !! Prestazioni di bassissimo livello. auguri ma....
Potrebbe interessarti anche
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
FORMULA 1
1 ora
Wolff su Verstappen: ecco il chiarimento
Il boss della Mercedes ha parlato nuovamente del contatto avvenuto fra i due piloti nell'ultimo Gran Premio.
HCAP
11 ore
L’Ambrì cade ma non piange
Ambrì agguerrito, Zugo implacabile: prima sconfitta in campionato
HCL
11 ore
Tre gol dell'ex Brunner: Lugano colpito e affondato
Il BIenne ha espugnato la Cornèr Arena 5-3. Per i sottocenerini da segnalare la doppietta di Fazzini.
COPPA SVIZZERA
12 ore
Il Lugano soffre ma si qualifica
Lungoyi, in extremis, ha regalato la qualificazione al Lugano
MOTOGP
14 ore
Non solo l'infortunio: «Marquez? Non è più rispettato come prima»
L'ex pilota Sito Pons si è espresso a proposito del motomondiale: «Quartararo, Mir e Martin non hanno paura di lui».
EUROPA LEAGUE
15 ore
Insulti e botte da orbi: arrestati 9 tifosi del Napoli
È successo prima della partita fra il Leicester e i partenopei, terminata in parità (2-2).
NHL
17 ore
Zanetti, il ticinese in NHL: «Devo continuare a lavorare al massimo»
Il difensore - draftato dai Flyers - è reduce dal Camp organizzato dalla franchigia di Philadelphia.
HCAP
21 ore
«Convincere: questa è stata la difficoltà più grande»
L'avvocato Brenno Canevascini: «Venerdì scorso sono rimasto a bocca aperta»
TICINO
22 ore
Miglior sportivo ticinese: ecco i venti finalisti
Guida la classifica provvisoria Ajla Del Ponte, davanti a Noé Ponti e Filippo Colombo.
NATIONAL LEAGUE
1 gior
«Si cresce un passo alla volta: ogni sfida è un’occasione per farlo»
Il Lugano di McSorley e l'Ambrì di Cereda guardano con fiducia agli insidiosi duelli del weekend.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile