keystone-sda.ch / STR (MARCEL BIERI)
+4
HCL
27.11.20 - 22:050
Aggiornamento : 28.11.20 - 17:02

Lugano non in serata: festeggia il Bienne

I bianconeri sono stati battuti 6-4 in terra bernese.

L'occasione del riscatto la truppa di Pelletier l'avrà già domani, quando in Ticino giungerà lo Zurigo.

di Alex Isenburg

BIENNE - La marcia trionfale del Lugano si ferma qui: gli uomini di Pelletier, impegnati in quel di Bienne, sono stati malamente sconfitti dai padroni di casa per 6-4. I bianconeri, reduci da quattro vittorie consecutive, non hanno senza dubbio disputato la loro miglior prestazione stagionale e sono apparsi poco lucidi e disciplinati.

La prima frazione di gioco, a causa delle due difese alquanto ballerine, è stata altamente spettacolare. Nonostante un avvio complicato, a sbloccare le marcature sono stati i bianconeri, grazie soprattutto a un’invenzione di Arcobello. Il Top Scorer canadese, con un passaggio illuminante che ha tagliato tutto il terzo offensivo, ha pescato il liberissimo Loeffel. Il difensore numero 58 non si è fatto pregare, trovando il primo vantaggio di serata, che tuttavia non è durato a lungo. Infatti, meno di due minuti dopo, è giunto il pareggio degli uomini di casa, per merito della propria quarta linea offensiva. La difesa bianconera è apparsa assai statica sulla buona impostazione di Rathgeb, che ha dato il là al due contro uno dei suoi, sfruttato da Kohler. Il primo vantaggio seelandese è invece stato propiziato da un pasticcio di Wellinger sulla linea blu offensiva, che ha permesso a Fuchs di involarsi in solitaria e firmare il provvisorio 2-1. Al 16’ Fey ha raggiunto il compagno Cunti sulla panchina dei puniti, consegnando di fatto al Lugano 49” in 5c3. Il “solito” Fazzini, sugli sviluppi di un ingaggio vinto da Morini, ha punito Paupe con un bel polsino, ritrovando la via del pari. Tuttavia, il susseguirsi di eventi non si è arrestato, poiché poco dopo il Bienne ha trovato il 3-2. Ad andare in rete è stato Ratgheb, che ha solamente dovuto infilare il disco in rete da sottomisura, in seguito a un erroraccio di Schlegel su un tiro all’apparenza innocuo di Cunti.

Dopo la girandola di emozioni dei primi 20’, la seconda frazione di gioco è stata decisamente più avara di spunti. Dopo una buona occasione in powerplay di Bertaggia, è stato Schlegel a mettersi in mostra, risultando decisivo con l’intervento di gambale su Nussbaumer. L’ex estremo difensore del Berna ha poi nuovamente salvato i suoi, impedendo al lanciatissimo Rajala di trovare il gol dell’allungo. A metà partita è invece arrivato il pareggio degli ospiti, grazie a Wellinger, che si è così fatto perdonare per l’errore del primo tempo. La rete del difensore elvetico è stata visionata al monitor per un possibile bastone alto di Suri, tuttavia la coppia arbitrale ha deciso di convalidare il punto del 3-3. In seguito a una grande occasione con l’uomo in meno, non sfruttata da Lajunen, è però giunto il nuovo vantaggio bernese. Infatti, a pochi istanti dalla seconda sirena, Damien Brunner (lasciato solo nello slot) ha sfruttato l’ennesima indecisione di difensiva di serata dei ticinesi, trovando il quarto gol per la compagine di Leuenberger.

Il Lugano, in entrata di terzo, non ha approfittato di diverse buone occasioni avute in 5c4 ed è quindi stato punito dal grande protagonista di serata: Rathgeb. Il difensore, autore di una grandissima prestazione (addirittura quattro i suoi punti di serata!), si è reso protagonista di un pregevole assolo, concluso in backhand. La reazione bianconera si è di fatto limitata a un tiro pericoloso, ma disinnescato, di Fazzini. Dopodiché, i bernesi hanno amministrato agevolmente il vantaggio acquisito, trovando un’ulteriore segnatura con il 6-3 a opera di Hofer. Sul finire di partita, invece, Boedker ha trovato la via del gol, per il definitivo 6-4.

La prestazione odierna della squadra di Pelletier è senz’altro da considerarsi deludente e insufficiente. A immagine di una difesa apparsa tutt’altro che impermeabile: sono state davvero tante le occasioni concesse ai rivali. I ticinesi avranno l’occasione di riscattarsi già sabato sera, in occasione del confronto che li vedrà opposti allo Zurigo, attuale capolista del campionato.

Nell'altra gara della serata il Ginevra ha battuto 1-0 il Rappi. Decisivo il solito Omark al 16'25''.

BIENNE - LUGANO 6-4 (3-2; 1-1; 2-1)
Reti: 06’22” Löffel (Arcobello, Wellinger) 0-1; 08’06” Kohler (Tanner, Rathgeb) 1-1; 12’57” Fuchs 2-1; 15’21” Fazzini (Boedker, Morini, 5c3) 2-2; 18’27” Rathgeb (Cunti, 5c4) 3-2; 32’44” Wellinger (Löffel) 3-3; 39’34” Brunner (Cunti, Rathgeb) 4-3; 47’26” Rathgeb 5-3; 52’09” Hofer (Moser, Rajala, 5c4) 6-3; 57’04”Boedker (Lajunen, Arcobello, 5c4) 6-4.
LUGANO: Schlegel; Riva, Heed; Wellinger, Löffel; Wolf, Nodari; Chiesa. Morini, Arcobello, Boedker; Bertaggia, Kurashev, Fazzini; Suri, Lajunen, Bürgler; Herburger, Sannitz, Walker; Traber.
Penalità: 7x2’ Bienne; 5x2’ Lugano.
Note: Tissot Arena, porte chiuse. Arbitri: Wiegand, Hungerbühler; Huguet, Wermeille.

HOCKEY: Risultati e classifiche

keystone-sda.ch / STR (MARCEL BIERI)
Guarda tutte le 8 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
angie2020 1 mese fa su tio
ma tutti quei pollici alzati, chi sono p8 frustrati o biennesi??
Evry 1 mese fa su tio
malamente sconfitti.. penso proprio che il risultato rispecchi la realtà. troppi falli inutili del n. 10 e 17 ! inoltre il 22 e 27 in difesa lasciano a desiderare. Fora e concentrazione che questa sera si può vincere. AUGURI e mente lucida
Alex 1 mese fa su tio
Ho visto un buon Lugano combattivo veloce grintoso.Peccato per i troppi errori personali
Alessio Pegurri 1 mese fa su fb
sveglia
Luca Lavizzari 1 mese fa su fb
Non è andata per niente BIENNE.
Martina Melera 1 mese fa su fb
Luca Lavizzari 🤣🤣🤣🤣
Potrebbe interessarti anche
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
SCI ALPINO
1 ora
Tremendo schianto per Kryenbühl
Il 26enne è caduto a pochi metri dal traguardo. Paura anche per Cochran-Siegle.
SUPER LEAGUE
2 ore
Ingressi e uscite in bianconero
L’attaccante rimarrà a Lugano. Il laterale arriva in prestito
NATIONAL LEAGUE
6 ore
Importante crocevia per Lugano e Ambrì
I biancoblù a caccia di costanza, i sottocenerini di una veemente reazione.
FORMULA 1
15 ore
«Vettel non è una minaccia»
Helmut Marko, consulente della Red Bull: «Aston Martin? Anche con il miglior Seb, non colmerà il divario con noi».
MOTOMONDIALE
19 ore
«Rossi? Vorrebbe vincere anche guidando una bara»
Dal 2000 sempre insieme, il matrimonio tra il meccanico Alex Briggs e Vale si è chiuso al termine dello scorso Mondiale.
TORINO
23 ore
«Bisessuale, credo di sì», Miss Dybala getta la maschera
L’attrice e cantante argentina senza tabù: «Non c’è niente di più bello che sentirsi ed essere liberi».
NATIONAL LEAGUE
1 gior
Raffainer: un'opportunità irrinunciabile, le sue mansioni e...Cereda
Il 39enne ha spiegato i motivi che l'hanno spinto a dire "sì" alla chiamata degli Orsi.
BELLINZONA
1 gior
Dal calcio ai test per il Covid-19: Martignoni cambia vita
Il difensore ticinese: «Le giornate sono davvero piene, ma è motivo di grande soddisfazione essere utile alla comunità».
SUPER LEAGUE
1 gior
«Sono deluso, non meritavamo di perdere. Bottani? Non potevo crederci»
Maurizio Jacobacci: «Abbiamo messo la museruola all'YB, ma ci hanno castigati. Dispiace per i ragazzi».
SUPER LEAGUE
1 gior
Il Lugano non graffia, l'YB sbanca Cornaredo
Diverse le occasioni sciupate dai bianconeri, piegati 2-0 dalla capolista. Reti di Fassnacht e Nsame.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile