Ti-press (Pablo Gianinazzi)
+5
HCL
24.11.20 - 22:010
Aggiornamento : 25.11.20 - 12:08

Sacrificio e guizzi per il quarto successo consecutivo

Pesante e convincente successo per i bianconeri, avanti 2-0 contro un buon Ginevra.

Schlegel grande protagonista, ma è tutto l'impianto di gioco a convincere.

di Redazione
Alex Isenburg

LUGANO - Al termine di un combattuto e intenso incontro, il Lugano è riuscito a imporsi tra le mura casalinghe al cospetto del Ginevra con il risultato di 2-0. La vittoria odierna rappresenta, per i bianconeri, la quarta affermazione consecutiva in campionato, mentre la squadra di Emond, dopo aver perso sabato sera alla Valascia, ha nuovamente dovuto inchinarsi a una ticinese.

L’inizio di partita, caratterizzato da un buon ritmo e poche interruzioni, ha mostrato un Ginevra più intraprendente e propositivo, con il Lugano invece pronto a rendersi minaccioso in contropiede. A proporre le trame migliori, sono state le rispettive prime linee offensive: sul fronte granata è stato, per due volte, Fehr a mettersi in luce, mentre dall’altra parte Arcobello e Boedker non sono riusciti a scardinare la resistenza di Descloux. Poi, sul finire di frazione, il Lugano ha potuto giostrare per la prima volta con l’uomo in più, creandosi la migliore chance dei primi 20’. Infatti, in seguito a un’azione atipica di “powerplay”, è stata un’azione personale di Fazzini a cogliere impreparata la difesa ospite, ma il polsino sul primo palo del numero 17 ha “solamente” colto il ferro.

In avvio di secondo tempo, i ginevrini hanno aumentato la pressione offensiva, mettendo in seria difficoltà la retroguardia bianconera. Tuttavia, grazie agli ottimi interventi di Schlegel, il Lugano è dapprima riuscito a reggere l’urto delle “Aquile” e poi ha persino trovato il primo gol del confronto. Infatti, dopo aver ben fronteggiato la superiorità numerica avversaria guidata da Omark, è stato il “powerplay” bianconero a colpire. Al 32’40” una veloce transizione di gioco ha permesso a Fazzini (di nuovo lui) di liberarsi da ottima posizione e, questa volta, Descloux nulla ha potuto sul suo tiro di polso. Gli uomini di Pelletier sono quindi riusciti ad andare al secondo riposo sul punteggio di vantaggio di 1-0, malgrado qualche sbavatura difensiva ottimamente compensata dall’onnipresente e solidissimo Schlegel, capace in particolare di annullare le buone chances Vermin e Berthon.

Durante la terza frazione di gioco, i padroni di casa sono stati molto ordinati e disciplinati difensivamente, riuscendo a sorreggere il muro eretto dal proprio estremo difensore. In concreto, sono state poche le grandi occasioni da rete fino a 4’ dalla fine, momento in cui, contro l’andamento del gioco, Bertaggia ha colpito il palo. A soli 26” dall’ultima sirena, è stato poi Bürgler a porre fine alle velleità romande, trovando il secondo gol della serata a porta sguarnita.

Il Lugano questa sera ha senza dubbio sofferto l’intensità e il talento degli uomini di Emond, che per lunghi tratti sono stati migliori e hanno concluso di più sulla porta avversaria. Tuttavia, Bertaggia e compagni hanno avuto il merito di reggere l’urto, sacrificandosi a più riprese davanti al proprio portiere, autore di una prestazione maiuscola. Schlegel è così riuscito a strappare un meritatissimo “shutout” al cospetto di uno dei migliori attacchi dell’intera lega, garantendo ai suoi 3 punti importanti per la classifica.

LUGANO-GINEVRA 2-0 (0-0; 1-0; 1-0)
Reti: 32’40” Fazzini (Kurashev, Herburger, 5c4) 1-0; 59’34” Bürgler 2-0.
LUGANO: Schlegel; Riva, Heed; Wellinger, Löffel; Wolf, Nodari; Chiesa. Morini, Arcobello, Boedker; Bertaggia, Kurashev, Fazzini; Suri, Lajunen, Bürgler; Herburger, Sannitz, Walker; Traber.
Penalità: 2x2’ + 1x10’ (Traber) Lugano; 2x2’ Ginevra.
Note: Cornèr Arena, 30 spettatori. Arbitri: Salonen, Fluri; Fuchs, Wolf.

HOCKEY: Risultati e classifiche

Ti-press (Pablo Gianinazzi)
Guarda tutte le 9 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Evry 5 mesi fa su tio
Grande Lugano, ma ancora troppi falli inutili ! Forza Lugano auguri per le prossime due partite
Capra 5 mesi fa su tio
Schlegel da rinnovare subito
Evry 5 mesi fa su tio
@Capra certo, non dubitare sarà cosi....
Evry 5 mesi fa su tio
@Capra certo, sarà cosi, buona giornata a sabato ?
Potrebbe interessarti anche
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
CHAMPIONS LEAGUE
1 ora
Festa Blues: l'ultimo atto parla inglese
Il Chelsea ha liquidato il Real Madrid 2-0 e in finale ci sarà il derby con il Manchester City di Guardiola.
Hockey
3 ore
Immenso Simion, lo Zugo piega ancora il Ginevra
I Tori si sono imposti fuori casa con il punteggio di 2-1. Gara-3 avrà luogo venerdì
COPPA SVIZZERA
5 ore
Zampata di Stillhart all'83', il San Gallo vola in finale
I biancoverdi hanno superato di misura il Servette: 1-0 il risultato finale in loro favore.
Il SORPASSO… A 4 RUOTE
8 ore
Agguerriti e... disarmati, Hamilton-Verstappen non possono sgomitare
Se una regola stoppa lo show.
SUPER LEAGUE
9 ore
Tegola Lugano: stagione finita per Maric... e anche Bottani è ai box
Il difensore bianconero ha terminato anzi tempo il suo campionato, mentre l'attaccante non ci sarà contro il Vaduz.
SWISS LEAGUE
12 ore
Mottis e i Rockets: «È un grande giorno»
Davide Mottis: «Non dovremo snaturarci, ma in futuro non saremo più soltanto un club di formazione».
SWISS LEAGUE
14 ore
Pericolo scongiurato: i Rockets troveranno ancora spazio in Swiss League
I rivieraschi vogliono diventare un club con una propria identità e una base di tifosi
L’OSPITE - ARNO ROSSINI
17 ore
Conte-Mou schiavi dei milioni
Arno Rossini: «Triplete strepitoso ma irripetibile: quel gioco è superato».
CHAMPIONS LEAGUE
1 gior
Grandine, rigori (cancellati) e magie: City a un passo dal sogno
I Citizens si sono qualificati per la finale superando (anche) nel ritorno Neymar e soci.
HCL
1 gior
«Pelletier? La decisione più difficile da quando sono GM del Lugano»
Hnat Domenichelli: «Scelta fatta per il bene del club. Siamo alla fine di un ciclo, per la società inizia una nuova era»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile