Ti-press (Alessandro Crinari)
+9
DERBY
14.11.20 - 20:190
Aggiornamento : 23:21

Successo in rimonta del Lugano

Sotto 2-0 dopo 40' gli uomini di Pelletier hanno capovolto la contesa: 4-2 il risultato finale.

Per il Lugano un weekend da sei punti.

di Alex Isenburg

LUGANO - Come in occasione della prima sfida stracantonale, anche il secondo derby stagionale è andato al Lugano, capace di battere in rimonta l’Ambrì-Piotta con il punteggio di 4-2.

Entrambe le compagini erano reduci dai sofferti successi di venerdì sera, ma sia Pelletier che Cereda hanno, volenti o nolenti, attuato qualche accorgimento nei rispettivi lineup (sul fronte biancoblù da notare in particolare il debutto stagionale di Pinana).

L’inizio di partita, contraddistinto da un discreto ritmo e poche interruzioni, è stato tutto fuorché spettacolare: con le due compagini improntate maggiormente sul rigore difensivo, a latitare sono state le occasioni. Il primo squillo del confronto è andato in scena solo all’ottavo minuto, quando Carr ha scagliato un preciso polsino che si è infranto sul palo alla sinistra di Ciaccio. I leventinesi, dal canto loro, si sono affacciati di rado dalle parti Schlegel, andando però vicini alla rete del vantaggio con Flynn, abile a smarcarsi nello slot ma incapace di concretizzare una ghiotta chance dopo 16’ di gioco. Lo stesso numero 10 statunitense, a pochi secondi dalla prima sirena della sirena, ha altresì sciupato un interessante due contro uno, concludendo centralmente.

Nella frazione centrale la partita si è di colpo animata, infatti, dopo alcune occasioni per parte, è stato l’ex di turno Kostner a sbloccare le marcature. L’altoatesino, alla prima rete stagionale, ha trafitto Schlegel con un pregevole tiro di polso. Il secondo gol di serata per i biancoblù è invece arrivato in powerplay, scaturito da un’ingenua penalità rimediata da Arcobello, e a timbrare il cartellino è stato Zwerger (anch’egli a digiuno di gol sino a questa sera). L’austriaco ha svestito i panni da assistman per indossare quelli dello scorer: suo lo slapshot di rara precisione che è andato a togliere le ragnatele nel “sette” alla destra dell’incolpevole Schlegel. Lo stesso estremo difensore dei padroni di casa ha poco dopo rischiato oltremodo su un innocuo appoggio da centro pista a opera di Hächler, venendo però graziato dal palo. Da lì in poi i bianconeri hanno ulteriormente esercitato una pressione enorme sui rivali (costringendo anche Cereda a chiamare il timeout), tuttavia Ciaccio ha sempre risposto presente, rendendosi protagonista di alcune parate di pregevole fattura. A pochi secondi della sirena e in superiorità numerica i bianconeri erano finalmente riusciti a infrangere il muro eretto dal portiere ex Langnau, ma un erroneo e anticipato fischio di Wiegand ha negato loro la gioia del gol. Ciaccio non aveva infatti coperto il puck con il proprio guantone, quindi il gioco sarebbe dovuto continuare e la rete sarebbe stata valida.

L’inizio dell’ultimo periodo regolamentare ha visto il Lugano premere ancora con veemenza dalle parti dell’eroico Ciaccio, che ha però dovuto arrendersi al 36° tiro in porta. È stato Wolf a dare il là alla rimonta del Lugano con un potente tiro dalla blu. Qualche minuto dopo, il difensore austriaco è stato imitato da Morini che, con Hächler espulso, ha ribadito in rete un disco vagante dalle parti del portiere biancoblù. I padroni di casa hanno avuto il merito di continuare a premere sull’acceleratore e, su una azione di contropiede imbastita da Heed, è stato Suri a trovare fortunosamente il primo di vantaggio di serata per i suoi. Dopo un rapido consulto al monitor, gli arbitri hanno giustamente convalidato il gol del numero 9, che ha deviato il puck in maniera decisiva, ma regolare, con l’ausilio del pattino. Il sigillo finale del confronto lo ha poi messo Carr nel disperato tentativo finale senza portiere dell’Ambrì, chiudendo la contesa sul 4-2

Il Lugano ha, a conti fatti, meritato di vincere questo derby, poiché per ampi tratti ha dominato i rivali sopracenerini. I bianconeri hanno soprattutto avuto il merito di non demordere difronte a un Ciaccio a lungo intrattabile e anzi hanno incrementato i propri sforzi nel terzo tempo. Negli ultimi venti minuti di gioco sono finalmente riusciti a raccogliere i frutti di quanto seminato, incamerando così sei preziosi punti nel weekend.

L’Ambrì esce invece sconfitto in una partita gestita comunque bene fino a metà partita, poiché, seppur tirando meno era riuscito a contenere gli sforzi bianconeri. Tuttavia, una quantità infinita di block shots e un Ciaccio formato extralusso non sono bastati ai leventinesi per impedire la rimonta avversaria. Dopo il gol di Zwerger gli uomini di Cereda hanno abbassato troppo il proprio baricentro, non riuscendo più a rendersi sufficientemente pericolosi davanti.


LUGANO – AMBRÌ PIOTTA 4-2 (0-0, 0-2, 4-0)
Reti: 26’54” Kostner (Grassi, Pezzullo) 0-1; 32’34” Zwerger (Hächler, Nättinen, 5c4) 0-2; 42’38” Wolf (Kurashev) 1-2; 48’22” Morini (5c4) 2-2; 51’09” Suri (Heed) 3-2; 59’10” Carr ( Kurashev) 4-2.
LUGANO: Schlegel; Riva, Heed; Wellinger, Loeffel; Chiesa, Nodari; Wolf. Fazzini, Arcobello, Boedker; Carr, Kurashev, Bürgler; Suri, Herburger, Traber; Bertaggia, Morini, Walker; Romanenghi.
AMBRÌ-PIOTTA: Ciaccio; Ngoy, Fora; Fischer, Hächler; Pezzullo, Fohrler; Pinana. Zwerger, Novotny, Nättinen; Kneubühler, Flynn, Rohrbach; Grassi, Kostner, Trisconi; Mazzolini, Goi, Dal Pian; Neuenschwander.
Penalità: 2x2’ Lugano; 4x2’+ 1x10’ (Hächler) Ambrì.
Note: Cornèr Arena, 30 spettatori. Arbitri: Wiegand, Hungerbühler; Obwegeser, Burgy.

HOCKEY: Risultati e classifiche

Ti-press (Alessandro Crinari)
Guarda tutte le 13 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
pardo54 8 mesi fa su tio
Contento tu, contenti tutti. Comunque ilTicino è rosso-blu, tutto il resto problemi di lana caprina.
Frankeat 8 mesi fa su tio
E' finita come doveva finire. Il Ticino è sempre stato bianconero e continuerà ad esserlo a lungo.
Bibo 8 mesi fa su tio
@Frankeat è bianconero x un terzo e biancoblù pet due terzi...
cle72 8 mesi fa su tio
Un buon Ambri, arrivato con il fiato corto, dopo una battaglia vinta con il cuore contro il Berna. Abbiamo sofferto e siamo stati sorretti da un grande Ciaccio ma nell'ultimo terzo abbiamo ceduto alla pressione del Lugano...il fiato e la benzina erano finiti. Forza Ambri sempre e comunque. Complimenti al Lugano
Evry 8 mesi fa su tio
Bravissimi anche se il primo e secondo terzo siete stati oltre che sfortunati ma molto confusionari, forza e avanti come nell'ultimo terzo, grazie e auguri Ennesima conferma HCAP il solo gioco da leoni non basta serve mente lucida e tattica di gioco la quale manca, auguri
Dani/hcl 8 mesi fa su tio
Et voilà,malgrado un super Ciaccio,meritatissimamente l’abbiamo portata a casa!!! Forse non saremo da titolo e ripeto FORSE)ma abbiamo carattere da vendere!! GRANDE HCL
Topino 8 mesi fa su tio
Vittoria meritata, arbitri? Goal valido annullato e palo di Carr, non visionato... per me era una rete valida
Marcob 8 mesi fa su tio
Grande cuore bianconero
Marcob 8 mesi fa su tio
Grande rimonta e grande cuore bianconero
Marcob 8 mesi fa su tio
Grande rimonta egrande cuore bianconero
Potrebbe interessarti anche
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
LIVE TV
TOKYO 2020
5 min
Desplanches-Ponti... Del Ponte: l'Olimpiade è (ancora) dolcissima
Nuoto, canottaggio, BMX e tanto altro: a Tokyo non si dorme mai
TOKYO 2020
36 min
Ajla Del Ponte brilla alle Olimpiadi
Ajla ha corso le batterie dei 100m in 10”91: primato e qualificazione
LIVE-TICKER
TOKYO 2020
LIVE
Gemme svizzere all'Olimpiade
Desplanches magnifico bronzo, Ponti stupenda finale e una Del Ponte da record
CONFERENCE LEAGUE
8 ore
Servette e Basilea vincono 2-0... ma ai granata non basta
La formazione di Ginevra ha perso il doppio confronto con il Molde, mentre i renani hanno piegato il Partizani Tirana.
HCL/NHL
11 ore
«Se non ho mai mollato lo devo ai miei genitori»
Sabato scorso Brian Zanetti è stato draftato dai Flyers: «Il più grande sogno è un giorno poter giocare in NHL»
IL SORPASSO... A DUE RUOTE
14 ore
Ducati, se sbagli...
Un ulteriore passo falso metterebbe la scuderia di Borgo Panigale con le spalle al muro.
TOKYO 2020
1 gior
Bencic-Golubic: è finale anche in doppio! Ponti al penultimo atto nei 100m delfino
Altra giornata di grandi emozioni a Tokyo, in particolare per i colori rossocrociati.
LIGUE 1
1 gior
Il Bordeaux accoglie Petkovic esaltando la Svizzera. Non tutti l'hanno presa bene...
Il video con cui il club francese ha dato il benvenuto all'ex selezionatore rossocrociato sta facendo molto discutere.
FORMULA 1
1 gior
La Ferrari fa di nuovo paura: «Sarà problematico battere i nostri rivali più... vicini»
Il pilota della McLaren Lando Norris: «Faremo tutto il possibile per mantenere il vantaggio in classifica».
HCAP
1 gior
Müller lascia l'Ambrì, futuro a Zugo
I biancoblù hanno rescisso l'accordo con l'attaccante, che passa ai Tori con effetto immediato (contratto annuale).
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile