Keystone (foto d'archivio)
+3
NATIONAL&SWISS LEAGUE
11.08.20 - 08:000
Aggiornamento : 21:27

«La sopravvivenza? Riempiamo gli impianti al 75%»

«Le società dipendono finanziariamente dai tifosi. Se non sarà possibile accoglierli, la Lega subirà un danno enorme».

Denis Vaucher spera in buone nuove dal Consiglio federale. A rischio la sua poltrona. E non solo.

GLATTBRUGG - Nella sua riunione di domani, il Consiglio federale sembra indirizzato ad “allentare” il limite delle 1’000 persone per i grandi eventi. 

La scelta non è dettata dalla situazione sanitaria nazionale - sempre delicata - quanto piuttosto dalla necessità di non bloccare del tutto interi settori dell’economia svizzera. Lo sport in toto per esempio, strozzato tra costi da sostenere e obblighi da rispettare. Permettere di accogliere negli stadi e negli impianti più persone non farà però automaticamente sorridere club e leghe i quali, per veder tornare i conti, devono poter aprire le porte a quanti più spettatori possibile.

«Per garantire la sopravvivenza economica di Lega e società, dovremmo poter utilizzare gli impianti per almeno il 75% circa della loro capacità - ha sottolineato Denis Vaucher, direttore di National e Swiss League - Cosa deciderà il Consiglio federale? Cosa faremo? In linea di principio, solo nella riunione (di Lega, ndr) del 14 agosto potremo decidere come muoverci».

La situazione legata alla pandemia sembra in peggioramento. Continuasse il trend, si può affermare che, se non si partisse il 18 settembre, le possibilità di cominciare a ottobre, novembre, dicembre o gennaio sarebbero comunque limitatissime?
«È certo possibile che l'inizio del campionato venga posticipato ma non ha senso speculare su questo adesso. Dipendiamo dalle decisioni dei politici».

Se lo spettacolo non potrà iniziare, come faranno i club a far quadrare i conti?
«Se dovremo posticipare l'inizio del campionato o saremo costretti a giocare a lungo senza o con un massimo di 1’000 spettatori, non tutti i club sopravviveranno. Molti fallirebbero. Questo deve essere chiaro. Le società dipendono finanziariamente dai tifosi. Se non sarà possibile accoglierli, la Lega subirà un danno enorme. A quel punto l'unico modo per salvare l'hockey su ghiaccio, nella sua forma attuale, sarebbe il contributo a fondo perduto da parte del Governo federale.

Milioni di sussidi per non far morire l'hockey? 
«Sì. Vogliamo far cominciare iniziare la stagione il 18 settembre insieme con i nostri tifosi. Non riesco nemmeno a immaginare lo scenario in cui i campionati non possano essere giocati affatto. Sarebbe assolutamente fatale. In quel caso non c’è alcuna certezza che la Lega Nazionale sopravviva fino al prossimo anno».

HOCKEY: Risultati e classifiche

keystone-sda.ch / STF (ANTHONY ANEX)
Guarda tutte le 7 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
VECCHIOTTO 2 mesi fa su tio
Ma daiiiiiiiii basta ridurre i salari di tutti a costi di esercizio sostenibili per le società. Altrimenti si chiude fin quando si trova il vaccino per il virus. Vedrete che tutti ci stanno!
Indira69 2 mesi fa su tio
La cosa è fattibilissima,il distanziamento è possibile e la sopravvivenza dei club può essere garantita,lo ripeto per l'ennesima volta:i dirigenti della SFL vanno sostituiti,gli attuali sono inadatti a gestire il movimento calcistico elvetico.
SSG 2 mesi fa su tio
@Indira69 si sta parlando di hockey... comunque se hai una soluzione per tutto e tutti puoi sempre sederti al tavolo di comando.
Indira69 2 mesi fa su tio
@SSG il calcio si dibatte nella medesima situazione,i problemi sono comuni e si spera nelle medesime soluzioni,sempre si vogliano vedere nuovamente i campionati attivi e non si voglia chiudere baracca e burattini.
Bibo 2 mesi fa su tio
@Indira69 Non è proprio la stessa cosa, all'hockey si gioca al coperto e in spazi molto più ristretti, se sparpagliare 5000 spettatori (esempio) in uno stadio di calcio non creerebbe problemi ai una pista sarebbero molto più vicini... Detto ciò io sono per riprendere con almeno 50% della capienza usando le dovute precauzioni naturalmente...
Indira69 2 mesi fa su tio
@Bibo Sono d'accordo con quanto scrivi,la metà della capienza dispobile occupata,è il minimo sindacale per salvare capra e cavoli.
roma 2 mesi fa su tio
...per quest'anno rinuncio all'hockey
GI 2 mesi fa su tio
basterebbe la "concessione" di un posto a sedere ogni tre disponibili (distanziamento fisico)....senza posti in piedi....no ?
tip75 2 mesi fa su tio
pazienza...
Flavio Zana 2 mesi fa su fb
eh gia', il covid con il 75% delle persone si ferma. io vi adoro.
Potrebbe interessarti anche
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
SUPER LEAGUE
8 ore
«Situazione ridicola, serve un protocollo decente»
Michele Campana, dg del Lugano, si è soffermato sulle quarantene già imposte a molti club e le decisioni del CF
NATIONAL LEAGUE
10 ore
Cinque positivi, pure il Rapperswil in quarantena
Sangallesi fermi fino al 4 novembre.
HCAP
12 ore
«L'Ambrì vuole andare avanti»
Il direttore generale biancoblù ha commentato la decisione presa dal Consiglio federale
BERNA
14 ore
Addio 66%: nessun tifoso nelle piste e negli stadi
Il Consiglio federale ha deciso di vietare gli eventi sportivi con oltre 50 persone
HCAP
14 ore
L'Ambrì perde Müller
Il centro classe '94 è alle prese con un infortunio al ginocchio destro
MILANO
18 ore
Federica Pellegrini fa marcia indietro
La nuotatrice italiana, positiva al coronavirus, negli scorsi giorni aveva lasciato pensare a un addio alle competizioni
SUPER LEAGUE
21 ore
Bottani positivo al coronavirus
Il giocatore del Lugano si è sottoposto al test dopo la comparsa dei sintomi
L’OSPITE - ARNO ROSSINI
22 ore
Per alleviare le sofferenze di Renzetti e per... la gloria
Arno Rossini: «Per la prima volta il Lugano ha 17-18 giocatori veri».
HCAP
1 gior
Nättinen show, l'Ambrì divora i Lions
I leventinesi, trascinati dal finnico, brillano e ritrovano il sorriso anche in campionato: Zurigo battuto 5-2.
AMBRÌ
1 gior
«L’esposizione bovina non sullo stesso piano di una finale di Champions»
Filippo Lombardi: «Pronti ad accettare un deficit ma non a mettere in pericolo l’esistenza stessa di una società».
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile