TiPress/archivio
HCAP
25.05.20 - 08:000
Aggiornamento : 22:11

«Salary cap, licenze e retrocessioni: giusto riflettere a 360°»

Luca Cereda: «Dal 1. giugno comincerà il secondo blocco della preparazione. Flynn e D'Ags? Ci raggiungeranno in luglio»

AMBRÌ - Da una parte le incertezze legate al Covid-19, dall’altra una preparazione da portare avanti e un roster da completare. È questa la situazione alla quale sono confrontati tutti i club di National League, che normalmente di questi tempi si allenerebbero a secco tra ripetute, palestra ed esercizi in gruppo. Ricevuto già dall’11 maggio il via libera per le sedute collettive, nelle varie società regna comunque il buon senso e la prudenza.

«Ad Ambrì abbiamo appena finito un primo blocco di tre settimane, dove ogni giocatore si è allenato a casa seguendo il nostro programma - interviene coach Cereda, alla sua quarta stagione alla guida dei biancoblù - Ora abbiamo di fronte un’altra settimana di lavoro individuale, dopodiché dal 1. giugno comincerà il secondo blocco e valuteremo se iniziare in piccoli gruppetti. Vogliamo rispettare la situazione sanitaria e vale la pena restare cauti».

Oltreoceano stanno lavorando anche Matt D’Agostini e Brian Flynn, freschi di rinnovo.
«Siamo felici di continuare insieme, sono due giocatori che ormai conosciamo bene e già questo è un vantaggio. Si va avanti con continuità e con due elementi che si trovano benissimo nell’ambiente biancoblù. Sono reduci da un’ottima stagione dove hanno dato tanto al gruppo sia in pista che fuori. Preparazione? Loro rientreranno in Ticino a fine luglio, per quando inizieremo sul ghiaccio. C’è anche la possibilità che tornino un po’ prima per fare una parte della preparazione a secco con noi, ma in questo momento è ancora difficile fare previsioni».

Nell’ultima Assemblea della Lega sono state prese decisioni importanti. Introdotti i pre-playoff e congelate le retrocessioni per il prossimo anno. Resta in sospeso la questione legata agli stranieri (da 4 a 8) e l’addio alle licenze svizzere. Cereda cosa ne pensa?
«Della questione degli stranieri non so quanto se ne sia realmente discusso e come si svilupperà in futuro. Ad ogni modo credo che questa sia l’occasione giusta per riflettere a 360° su come migliorare il nostro hockey. Non solo per la prossima stagione, ma sul medio-lungo termine. Trovo giusto discutere anche di un possibile tetto salariale. Poi, se devo dire la mia sull’aumento degli stranieri, personalmente sono contrario. Credo che si andrebbero a snaturare le squadre togliendo via via la loro identità. A livello giovanile, i ragazzi che vengono da noi e poi “ottengono” la licenza svizzera portano qualcosa. Come livello e come competitività. Penso che sarebbe un peccato perdere questa possibilità. D’altro canto, mentre la Nazionale maggiore sta crescendo costantemente, a livello giovanile ci siamo un po’ staccati dalle migliori. Insomma non è semplice e sono tanti gli aspetti da considerare». 

Nessun dubbio invece sulla bontà della formula che prevede i ”pre-playoff”.
«Sono intriganti, ci saranno due squadre in più che entrano nella corsa al titolo. È una buona mossa, un qualcosa che avevo sperimentato anche da giocatore in Nordamerica qualche anno fa. È una formula che funziona bene e non vedo lati negativi». 

La retrocessione congelata per un anno sembra invece una scelta logica che permetterà ai club di lavorare con maggior serenità.
«Sì e no. Ormai, per il prossimo anno, le squadre erano già praticamente fatte prima di questa decisione. È qualcosa di positivo, ma bisognerebbe ragionare sul medio-lungo termine. Si potrebbe pensare se non sia il caso di estendere questo blocco anche nei prossimi anni, quando la crisi legata al Covid-19 si farà ancora sentire per le società. Favorevole a una Lega chiusa nei prossimi 5 anni? Sì. Sarebbe una misura concreta per far crescere i giovani. Toglierla solamente un anno cambierebbe poco a livello di pianificazione. Mentre in 5 anni i vari direttori sportivi avrebbero più facilità nel pianificare e sostituire dei giocatori con dei giovani. Per chi, in questo momento, gioca nelle giovanili e ha 15-16 anni, si aprirebbero scenari davvero interessanti».

HOCKEY: Risultati e classifiche

TiPress/archivio
Guarda le 2 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Evry 4 mesi fa su tio
Preparazione nella PlayOut Arena.... auguri
albertolupo 4 mesi fa su tio
Cereda decisamente uno che vede molto oltre la punta del naso… Tetto salariale e lega aperta solo a chi rispetta parametri di gestione aziendale. Nordamericani maestri in questo campo. Lo sport è un'attività economica e come tale la trattano.
Potrebbe interessarti anche
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
SWISS LEAGUE
2 ore
Anche il Winterthur in quarantena
Due casi di positività al virus fermano il club di Swiss League. Rinviate le sfide contro Sierre, Ajoie e Ticino Rockets
BIENNE
4 ore
«Per fare finta di far qualcosa, le autorità hanno colpito lo sport»
Rabbia Steinegger: «Cosa faremo ora? Non so».
CHAMPIONS LEAGUE
6 ore
Eurostelle, bentornate
Questa sera riparte la coppa dalle grandi orecchie. Pandemia permettendo, ci sarà da divertirsi.
MOTOGP
14 ore
Valentino Rossi, coronavirus (quasi) battuto
Il 41enne è in isolamento domiciliare; non ha perso gusto e olfatto.
SUPER LEAGUE
17 ore
Basilea, quasi tutti in quarantena
L'isolamento è stato ordinato dal Medico Cantonale renano. Verso il rinvio la sfida col Losanna
HCAP
20 ore
«Temevamo questo scenario»
Il Canton Berna, per correre ai ripari, ha optato per una nuova riduzione a 1'000 spettatori. Il commento di Nicola Mona
HCAP
1 gior
Nuova Valascia, terminata la costruzione grezza
In casa Ambrì ora continueranno i lavori per rispettare i termini di consegna e inaugurare l'impianto a fine agosto 2021
HCAP
1 gior
Weekend di alti e bassi per l'Ambrì: brillano Ciaccio e Nättinen
Due punti in un fine settimana non certo semplice: qualche rimpianto però rimane.
SUPER LEAGUE
1 gior
Bene Lugano, ma puoi (e devi) far meglio
Buon pari a Vaduz per Sabbatini e soci, che hanno carattere da vendere.
TENNIS
1 gior
«Djokovic piatto, sta facendo tanta fatica dopo la squalifica per la pallata»
Ben Rothenberg: «Voglio vederlo spaccare una racchetta o urlare»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile