Friborgo
2
Zurigo
3
2. tempo
(1-2 : 1-1)
Friborgo
2
Zurigo
3
2. tempo
(1-2 : 1-1)
TiPress/archivio
HCL
31.03.20 - 13:010
Aggiornamento : 22:00

«Julien Vauclair lasciava il segno. Non ricordo nemmeno un Lugano senza di lui»

Vicky Mantegazza, presidente del Lugano: «Doveroso ritirare la maglia numero 3. Coronavirus? Dura fermarsi di colpo»

LUGANO - Conclusa in maniera brusca e inaspettata la sua 20esima stagione in riva al Ceresio, Julien Vauclair è arrivato anche al termine della sua carriera, vissuta tra mille emozioni e tutta a tinte bianconere. Autentica bandiera entrata nel cuore dei tifosi, “Julio” verrà omaggiato dalla società, che ieri ha comunicato una notizia attesa. «Sarà strano non vedere più il numero 3 caracollare con energia da un lato all’altro della pista, ma la sua maglia resterà per sempre appesa alla Cornèr Arena e nessun altro giocatore potrà mai più indossarla». 

Insomma il giurassiano entra ancor di più nella schiera degli indimenticabili del mondo bianconero, in attesa che la vita torni alla normalità e si possa celebrare l’evento come si deve. «Esattamente, organizzeremo qualcosa all'altezza - interviene Vicky Mantegazza, presidente del Lugano - Mi fa male al cuore pensare a come ha finito un giocatore come lui, con un derby a porte chiuse e i playoff giustamente cancellati per l’emergenza coronavirus».

Ritirare il numero 3 è stata una decisione semplice.
«Se non si ritira una maglia così… allora non se ne ritirano più (ride, ndr). Julio è diventato la bandiera bianconera per eccellenza. Non ha raggiunto le 1000 presenze anche per i tanti infortuni, ma ha giocato una vita con noi. Faccio fatica a immaginare il Lugano senza di lui e, in realtà, non ricordo nemmeno com’era».

Julien Vauclair è stato “adattato” dal nostro Cantone. Con il Lugano ha giocato 939 partite condite da 291 punti (115 gol): 2 i titoli messi in bacheca.
«È arrivato a 16 anni e, come dice sempre, ha vissuto più in Ticino che nel canton Giura… ormai si sente ticinese al 100%. Siamo felici che adesso potrà rimanere nella famiglia bianconera come responsabile per lo scouting». 

Tante vittorie, tante soddisfazioni: c’è un momento particolare nei ricordi di Vicky Mantegazza?
«Su tutti il gol nel 2006 che lanciò la nostra rimonta nei quarti di finale contro l’Ambrì. Capovolta quella serie, andammo a vincere il titolo. Di lui ricordo anche un gran gol nei playout contro il Rapperswil, in un momento di difficoltà. Ci aveva tolto un peso dallo stomaco. Ci ha sempre deliziato con reti importanti, che lasciano il segno. Questo fa anche la differenza tra i giocatori “normali” e i campioni. Era sempre pronto a dare qualcosina in più». 

Tornando alla stretta attualità, Vicky Mantegazza come sta vivendo la lotta al Covid-19?
«Mentalmente e moralmente sono momenti anche difficili. Sono abituata ad andare a cento all’ora, fermarsi di colpo è stato complicato. Non sono abituato a questo genere di vita. Ho dormito i primi due-tre giorni… ma ora non sono neanche più stanca. Lavoro da casa e guardo qualche serie tv, poi mi diletto con i Lego Technic (ride, ndr). Quando è bel tempo sfrutto il giardino per stare all’aperto e curare un po’ l’orto. Una serie da consigliare ai lettori? Direi “Suits”, in questo momento la sto guardando e mi piace».

HOCKEY: Risultati e classifiche

TiPress/archivio
Guarda le 2 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Zarco 1 anno fa su tio
Hai dato molto (preso anche molto, sia chiaro), ma il ritiro logico e forse un po’ in ritardo ....
polonord 1 anno fa su tio
Grazie Julien. Ci hai fatto vivere grandi emozioni !
Potrebbe interessarti anche
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
HCL
2 ore
McSorley ringhia: «Niente scacchi, contro il Ginevra dovremo giocare a bowling»
McSorley: «Tömmernes? Gran persona e gran giocatore, ma è sulla mia lista dei nemici»
HCAP/HCL
5 ore
Ambrì frustrato e a mani vuote, Lugano dai due volti
L’Ambrì, reduce da 4 sconfitte, cerca soluzioni e più costanza nei 60’. Pure il Lugano ha bisogno di maggiore continuità
TENNIS
9 ore
Vaccino-Djokovic: ora parla il padre Srdjan
Nole potrebbe mancare il primo Slam stagionale. Il padre: «Ha il diritto di decidere come vuole»
BELLINZONA
22 ore
A Bellinzona spunta Yakin
Al Comunale un ospite d’eccezione: Murat Yakin
SCI ALPINO
1 gior
Spaventosa Shiffrin, che show a Killington
Mikaela Shiffrin ha vinto lo slalom di Killington davanti a Vlhova e Holdener
LUGANO
1 gior
«È una svolta, un passo in avanti a tutti i livelli»
Angelo Renzetti raggiante per il sì espresso dalla città di Lugano.
LUGANO
1 gior
Brindisi al Polo: FC Lugano salvo (e, ora, ambizioso)
«Il Polo sportivo darà lustro alla città? Non servono quattro anni di università per capirlo»
MOTOGP
1 gior
Marc Marquez, alti e bassi emotivi
Valentino Rossi in pensione e Marquez malato: la Dorna trema
SERIE A
1 gior
Terremoto plusvalenze, Juve nella bufera: «Confidiamo di chiarire»
La società bianconera prende posizione: «Collaboreremo con gli inquirenti per chiarire ogni aspetto».
HCAP
1 gior
Illusione Ambrì: avvio stellare, ma lo Zugo rimonta e vince
Portatosi avanti 4-0 dopo soli 8', l’Ambrì di Cereda si è fatto rimontare dai Tori.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile