keystone-sda.ch (URS FLUEELER)
+ 10
HCL
24.01.20 - 22:050
Aggiornamento : 25.01.20 - 10:25

Infilzati anche i Tori, il Lugano non smette di stupire

Importante passo avanti per i bianconeri, andati a vincere 2-1 a Zugo e saliti a +6 sulla riga

ZUGO – Il Lugano è riuscito ad allungare la sua serie positiva: in casa dello Zugo, al termine di una partita temutissima alla vigilia, si è imposto 2-1 e ha messo le mani sull'intera posta in palio.

Rinfrancati dalla cura Pelletier e dai pesantissimi punti raccolti a Zurigo e con il Rapperswil, i bianconeri si sono presentati alla Bossard Arena con la testa sgombra e un grande appetito. Consci di non poter dare spettacolo ma anche di saper essere estremamente solidi, Chiesa e compagni hanno sfidato la prima della classe con rinnovato ottimismo e senza alcun timore reverenziale. E sul ghiaccio si è visto.

Il Lugano non si è infatti accontentato di una difesa passiva e, pur soffrendo le scorribande dei Tori, fin dai primi minuti ha cercato di graffiare dalle parti di Genoni. E ci è riuscito. Certo, prima è stato salvato un paio di volte dall'ispiratissimo Zurkirchen ma poi, con Lajunen (17'), ha trovato un vantaggio non casuale. Lo Zugo non si è fatto condizionare dal gol preso e ha continuato a spingere, vedendo però ogni ondata respinta dal frangiflutti davanti alla porta bianconera. La situazione, per i sottocenerini, si è fatta ancora più dolce già a inizio secondo tempo quando Sannitz, innescato da Lammer (23'), ha affondato un altro colpo nel fianco dei Tori. E questa ferita sì che la truppa di coach Tangnes l'ha sentita. Meno convinti e convincenti – e destabilizzati dalla solidità dell'avversario – i padroni di casa hanno infatti rallentato il ritmo del loro gioco, perdendo in pericolosità ed efficacia. Pur senza speculare, gli ospiti hanno così potuto difendere il doppio vantaggio senza “ballare” troppo. La tranquillità del Lugano è tuttavia evaporata dopo 27” di terzo periodo. Il punto dello sniper per caso Johann Morant ha infatti scosso i Tori, tornati a premere con convinzione sull'acceleratore nel tentativo di riequilibrare le sorti del confronto. Come già accaduto nel primo parziale, la spinta locale ha però solo esaltato l'ottima organizzazione difensiva dei ticinesi i quali, aggrappati al solito attentissimo Zurkirchen, hanno disinnescato ogni pericolo. La porta non è più stata bucata, il punteggio non è più cambiato e i bianconeri hanno così potuto festeggiare la terza vittoria consecutiva.

Tenuto conto della differenza di match giocati tra una squadra e l'altra, la classifica è ancora molto, molto provvisoria, è vero; il Lugano può però davvero cominciare a guardarla con un piccolo sorriso.

ZUGO-LUGANO 1-2 (0-1, 0-1, 1-0)
Reti: 16'34” Lajunen (Bertaggia) 0-1; 22'07” Sannitz (Lammer) 0-2; 40'27” Morant (Lindberg) 1-2.
LUGANO: Zurkirchen; Wellinger, Postma; Riva, Chiesa; Vauclair, Loeffel; Jecker; Bertaggia, McIntyre, Klasen; Suri, Lajunen, Walker; Lammer, Sannitz, Fazzini; Jörg, Romanenghi, Zangger; Haussener.
Penalità: Zugo 2x2'; Lugano 1x2'.
Note: Bossard Arena, 6'650 spettatori Arbitri: Hebeisen, Urban, Progin, Gnemmi.

keystone-sda.ch (URS FLUEELER)
Guarda tutte le 14 immagini
Commenti
 
Carla Roque 1 mese fa su fb
Uau
toto2 1 mese fa su tio
18 pollici versi di 18 piotti frustrati ed invidiosi.
cle72 1 mese fa su tio
@toto2 Niente di nuovo succede anche negli articoli dell Ambrì pollice verso di corvi frustrati e invidiosi...premessa non sono di quelli vIvo lo sport con fair-play che vinca o perda il Lugano indifferenza totale.
Evry 1 mese fa su tio
Bravi, finalmente dimostrate quello che da tempo aspettavamo, lo stipendio e la vittoria vanno sudati, grazie e auguri
pedrito-el-drito 1 mese fa su tio
@Evry Si ma calaa giò do dida e tanta umiltà, auguri
Zarco 1 mese fa su tio
2 portieri hcl top
Zarco 1 mese fa su tio
Sergejville !!!! per lui doveva ancora starci Krapanen....pori num
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Sport
FOTO GALLERY
ZERNEZ
1 ora
Le leggende a Zernez: «Che spettacolo! Ora vogliamo anche Duca e Cereda»
Daniel Pita è l'ideatore dell'evento “Old Stars and Legends”: «Su chiamata di Von Arx è arrivato anche Josef Marha apposta da Praga»
L'OSPITE - ARNO ROSSINI
3 ore
«Vlado l'è mia un barlafüs»
Arno Rossini ha promosso il rinnovo di Petkovic: «Con lui in semi all'Europeo. Sarà come Guglielmo Tell»
NATIONAL LEAGUE
12 ore
Crolla il Berna, il Lugano torna sopra la riga
Gli Orsi sono stati sconfitti 4-2 a Davos. Nello stesso tempo vittorie per Friborgo (ai rigori) e Losanna
FORMULA 1
14 ore
«Charles, adesso è finita la luna di miele!»
Jenson Button bacchetta la Ferrari: «Basta pensare alla rivalità interna»
TENNIS
16 ore
«Io, Roger e Nadal abbiamo un gruppo WhatsApp»
Lo ha rivelato il serbo: «Cerchiamo di aiutarci l'uno con l'altro»
NAZIONALE
18 ore
Petkovic è carico: «Cari tifosi, sono fiero di continuare questa avventura con voi»
Il presidente Blanc: «Non ha mai fallito la qualificazione ai grandi tornei e ha dato una certa continuità ai risultati»
NAZIONALE
20 ore
Petkovic-Svizzera: si continua
Il 56enne selezionatore, in sella dal 2014, rimarrà sulla panchina della Nazionale almeno fino al 2022
NAZIONALE
22 ore
E la Svezia ci è andata una volta ancora di traverso...
Grande gioia per l'argento conquistato o enorme delusione per l'oro mancato? Chiedetelo ai finalisti del Mondiale 2018
HCL
1 gior
Playoff sì, playoff no: Lugano, sono giorni di fuoco
Regna ottimismo, ma non troppo. Parola a Bottani, Gautschi, Cantoni e Conne
NATIONAL LEAGUE
1 gior
Giocano le altre, il Lugano guarda e "gufa"
Questa sera saranno in pista Friborgo, Losanna e Berna, le rivali che potrebbero estromettere i bianconeri dai playoff
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile