Berna
Losanna
19:45
 
Bienne
Ginevra
19:45
 
Davos
Friborgo
19:45
 
Lakers
Zurigo
19:45
 
Lugano
Langnau
19:45
 
Zugo
Ambrì
19:45
 
Berna
LNA
0 - 0
19:45
Losanna
Ultimo aggiornamento: 17.01.2020 19:13
Bienne
LNA
0 - 0
19:45
Ginevra
Ultimo aggiornamento: 17.01.2020 19:13
Davos
LNA
0 - 0
19:45
Friborgo
Ultimo aggiornamento: 17.01.2020 19:13
Lakers
LNA
0 - 0
19:45
Zurigo
Ultimo aggiornamento: 17.01.2020 19:13
Lugano
LNA
0 - 0
19:45
Langnau
Ultimo aggiornamento: 17.01.2020 19:13
Zugo
LNA
0 - 0
19:45
Ambrì
Ultimo aggiornamento: 17.01.2020 19:13
Tio
HOCKEY
11.12.19 - 07:000
Aggiornamento : 13:04

«Non c'è limite ai sogni...»

Christian Stucki vede la luce in fondo al tunnel: «Nella mia testa ci sono già i prossimi obiettivi»

BIASCA - "Se in due anni giochi solo sette partite è difficile pensare di tornare nel giro. Quando poi vedo che i medici sono i primi a non crederci, allora è giusto che anch'io inizi a mettermi il cuore in pace". Era musica dell'8 maggio e Christian Stucki sembrava rassegnato all'idea di non poter tornare a giocare a hockey. Da quel giorno di acqua sotto i ponti ne è passata parecchia ma negli scorsi giorni, a sette mesi di distanza, il 27enne ha respirato di nuovo l'aria (freschissima) del ghiaccio. Una sensazione bellissima, una sensazione che non si può descrivere...

«Il segreto? Questo è carattere. O ce l'hai o non ce l'hai. Ho svolto un percorso che in pochi avrebbero intrapreso. Tornare a disputare una partita? A gennaio, ma magari anche prima. Chi lo sa. I prossimi 10 giorni per me saranno molto importanti per capire a che punto sono...».

Un percorso durissimo presso la Isokinetic di Bologna (gruppo medico internazionale per la prevenzione, diagnosi, cura e riabilitazione dei traumi ortopedici e sportivi) lo ha aiutato a ritrovare le migliori sensazioni a quel ginocchio martoriato... «Mi sento bene. Attualmente mi sto allenando con i Rockets, a cui devo i miei ringraziamenti per la possibilità concessami. Dal punto di vista fisico, invece, sento che c'è ancora un po' di lavoro da fare. Sono quotidianamente in contatto con i dottori di Bologna, i quali - quando sono partito - mi hanno dato un piano di allenamenti da seguire. Sono contento, ma non ancora al 100%. Il percorso a Bologna è stato utilissimo e non soltanto per il ginocchio. Lo definirei una scuola di vita...».

Tornare sul ghiaccio: un piccolo grande primo passo... «Nella mia testa ci sono già i prossimi obiettivi. A Biasca mi hanno chiesto se volessi subito giocare, ma sono stato io a frenare. Non voglio forzare. Il giorno che mi sentirò bene valuterò le possibilità che ho sul tavolo e poi deciderò». 

Il ticinese ha poi raccontato un aneddoto relativo alla sua avventura vissuta nel capoluogo dell'Emilia Romagna: «In un'occasione il mio carattere molto forte e spesso anche focoso in ambito sportivo mi ha giocato un brutto scherzo. Era un venerdì e i miei allenatori mi provocavano appositamente per portarmi al limite, tanto che a un certo punto ho tirato un calcio ad alcuni attrezzi. Mi hanno spedito in hotel immediatamente. Alla sera, poi, sono venuti a cercarmi per chiarire, lo abbiamo fatto organizzando una cenetta tranquilla. Mi hanno spiegato di aver apprezzato la mia reazione, figlia della grande voglia di tornare nel giro». 

Un premio per quanto fatto nelle ultime settimane potrebbe essere la partecipazione alla Coppa Spengler... «Non nego che sarei felicissimo. Partecipare a questo torneo è un po' il sogno di ogni giocatore svizzero. Mi rendo conto che, ad oggi, mi manca ancora la competizione. Se dovessi avvertire le giuste sensazioni, e se ne avessi la possibilità, accetterei però la sfida».

TiPress
Guarda le 4 immagini
Commenti
 
albertolupo 1 mese fa su tio
Grande. Avanti così.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Sport
FORMULA 1
1 ora
Alonso critica Hamilton: «Il suo stile di vita? Con un'auto normale...»
Lo spagnolo è convinto che gran parte del merito dei successi del britannico (e di Schumacher) sia da attribuire alla monoposto
NATIONAL LEAGUE
3 ore
Carica su Bertaggia: quattro giornate a Rod
L'attaccante del Ginevra si era reso protagonista di una pericolosa carica ai danni del bianconero
CALCIO
4 ore
Derdiyok sceglie l'Uzbekistan
L'attaccante elvetico, accostato anche al Lugano, ha firmato per il Pachtakor Tashkent
SCI ALPINO
4 ore
Pinturault sfiora la rimonta: la combinata di Wengen va a un super Mayer
Il francese si avvicina all'austriaco, ma alla fine è dietro di sette centesimi
SWISS LEAGUE
7 ore
«Razzi a Lugano? Sarà speciale trovarmi dietro la transenna»
Sébastien Reuille, assistant coach dei Rockets, lancia la sfida contro i GCK Lions: «È una partita da non sbagliare, ci servono punti: l'obiettivo è lasciare l'ultimo posto. Squires? Valore aggiunto»
HCL
10 ore
Simulazione di Lammer: multato
L'attaccante bianconero ha ricevuto un'ammenda di 2'000 franchi, l'episodio è avvenuto sabato scorso a Davos
NATIONAL LEAGUE
11 ore
Pelletier e Cereda cercano conferme
Il Lugano affronterà Langnau e Zurigo, mentre l'Ambrì Zugo e Bienne
SCI ALPINO
12 ore
Sul Lauberhorn i rossocrociati nutrono grandi ambizioni
A Wengen si disputano questo fine settimane tre gare in campo maschile. Fra le donne si gareggia invece al Sestrière
MOTOMONDIALE
20 ore
Agostini "contro" Rossi: «Con il 46 ho vinto prima io...»
Il campione di tutti i tempi ha svelato alcuni aneddoti riguardanti la sua carriera
SERIE A
1 gior
«Ronaldo? È straordinario: contro la Roma ha corso 1100m a più di 22km/h...»
L'allenatore della Juventus Maurizio Sarri ha elogiato il proprio campione che ha finora realizzato 14 reti in 16 partite
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile