Keystone (archivio)
L'ultimo titolo con lo Zugo e il primo (dei quattro) in maglia bianconera.
UN DISCO PER L'ESTATE
21.08.19 - 12:160
Aggiornamento : 02.09.19 - 18:10

L'ariete di Herisau e le sue sette bellezze

Con sette titoli conquistati con tre squadre diverse, Jörg Eberle è il giocatore svizzero più vincente di sempre. E detiene pure il record di reti in maglia bianconera

LUGANO - La sua andatura caracollante lo rendeva inconfondibile. Così come la sua maglia numero 24 e il suo senso del gol. Innato. Un istinto che lo ha portato a realizzare ben 379 reti in LNA - è il quarto marcatore di sempre - 288 delle quali nelle dodici stagioni passate con la maglia del Lugano. Lui che della storia bianconera resta il miglior cecchino ed un simbolo. Lui che mise la propria firma sul primo titolo dei sottocenerini trovando la liberatoria rete a porta vuota in quello storico primo marzo 1986 a Davos. Proprio là dove aveva già vinto i due precedenti campionati (1984 e 1985) prima di sbarcare sulle rive del Ceresio.

Nato ad Herisau nel 1962, Jörg Eberle mosse i primi passi proprio nel club del suo paese. Con la squadra appenzellese esordì tra i professionisti nel 1981 e fece subito il botto. A soli 19 anni mise infatti a referto la bellezza di 30 reti e 20 assist in NLB, attirando le attenzioni del neopromosso (e ambizioso) Lugano. Sotto le volte della Resega trascorse inizialmente solo una stagione - condita da 37 punti in altrettante partite - per poi andare a vincere due titoli a Davos. Trionfi che diverranno poi cinque (di fila) con i tre ottenuti in maglia bianconera (dal 1985/86 al 1987/88) e conquistati a suon di reti. Da giocatore vincente. Da protagonista.

Dopo l’inaspettato stop imposto dal Berna nella stagione 1988/89, il Lugano ed Eberle tornarono ad esultare in quella successiva. Per l’appenzellese, però, non si trattò dell’ultimo alloro in carriera visto che, nel campionato 1997/98, contribuì pure al primo (e finora unico) trionfo dello Zugo, prima di ritirarsi la stagione successiva. Jörg diventò quasi una sorta di talismano. Tanto che nei suoi 18 anni da professionista alzò 7 volte la coppa di campione. Un rendimento eccezionale. Una media straordinaria che lo piazza tuttora in vetta alla classifica degli svizzeri più vincenti (insieme a Beat Kaufmann, altra icona bianconera). Davanti a lui rimane soltanto il canadese Gaston Pelletier che collezionò 8 titoli con il Villars e La Chaux-de Fonds tra il 1962 e il 1973. Una vita fa.

Eberle fu grande protagonista anche con la Nazionale rossocrociata con cui dal 1982 al 1994 disputò quattro mondiali del gruppo A e sette del B oltre a due Olimpiadi. In occasione del suo 50° compleanno il Lugano ricordò «il proprio ariete per eccellenza» come «un modello da seguire per una schiera di giovani attaccanti». Un bel riconoscimento per l’uomo dei 7 titoli, che ha lasciato un ricordo indelebile nel cuore del popolo bianconero. 

Clicca qui per leggere gli articoli precedenti di "Un Disco per l'estate".

Commenti
 
Hannelore Lory 3 sett fa su fb
👍🏻❤️
GI 3 sett fa su tio
primo marzo 86.....come dimenticare quella serata/notte !!! Grazie Jörg !!
Manuela Rada 3 sett fa su fb
Indimenticabile Jörg.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Sport
SERIE A
3 ore

Milan, che fatica col Verona (in dieci dal 21'): decisivo Piatek

I rossoneri si sono imposti 1-0 al Bentegodi: decisiva la rete del polacco su rigore. La Roma, brillantissima nel primo tempo, ha liquidato il Sassuolo (4-2)

STOP AND GO
6 ore

Ambrì e Lugano, false partenze

Rimasti a bocca asciutta, i biancoblù hanno incontrato parecchie difficoltà contro Zugo e Rappi. I bianconeri, ko col Losanna, sono ancora un "cantiere aperto". A Cereda e Kapanen il lavoro non manca

COPPA SVIZZERA
9 ore

Non basta un ottimo Bellinzona: lo Xamax vince di misura

I granata, di scena davanti ai propri tifosi, sono stati sconfitti 2-1 dal Neuchâtel Xamax nei 1/16 di finale di Coppa

MOTOMONDIALE
11 ore

Marquez padrone a Misano: vinto il duello con Quartararo

Lo spagnolo della Honda, sempre più leader della generale, ha ottenuto il settimo successo stagionale piegando Quartararo nel finale. Terzo Viñales davanti a Rossi. Solo sesto Dovizioso

MOTOMONDIALE
13 ore

Lüthi ai piedi del podio

Moto2: successo di Fernandez davanti a Di Giannantonio. Nella generale allunga il leader Alex Marquez

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile