EDM Oilers
6
COL Avalanche
2
fine
(4-1 : 2-1 : 0-0)
VAN Canucks
2
DAL Stars
4
fine
(0-1 : 2-2 : 0-1)
ANA Ducks
3
SJ Sharks
5
fine
(1-1 : 1-1 : 1-3)
LA Kings
1
DET Wings
2
3. tempo
(1-0 : 0-1 : 0-1)
EDM Oilers
NHL
6 - 2
fine
4-1
2-1
0-0
COL Avalanche
4-1
2-1
0-0
 
 
2'
0-1 BURAKOVSKY
1-1 NUGENT-HOPKINS
7'
 
 
2-1 MCDAVID
13'
 
 
3-1 KASSIAN
14'
 
 
4-1 MCDAVID
16'
 
 
5-1 MCDAVID
29'
 
 
 
 
37'
5-2 BURAKOVSKY
6-2 NUGENT-HOPKINS
39'
 
 
BURAKOVSKY 0-1 2'
7' 1-1 NUGENT-HOPKINS
13' 2-1 MCDAVID
14' 3-1 KASSIAN
16' 4-1 MCDAVID
29' 5-1 MCDAVID
BURAKOVSKY 5-2 37'
39' 6-2 NUGENT-HOPKINS
Ultimo aggiornamento: 15.11.2019 06:38
VAN Canucks
NHL
2 - 4
fine
0-1
2-2
0-1
DAL Stars
0-1
2-2
0-1
 
 
4'
0-1 DOWLING
 
 
25'
0-2 COMEAU
1-2 VIRTANEN
26'
 
 
2-2 STECHER
32'
 
 
 
 
39'
2-3 SEGUIN
 
 
58'
2-4 RADULOV
DOWLING 0-1 4'
COMEAU 0-2 25'
26' 1-2 VIRTANEN
32' 2-2 STECHER
SEGUIN 2-3 39'
RADULOV 2-4 58'
Ultimo aggiornamento: 15.11.2019 06:38
ANA Ducks
NHL
3 - 5
fine
1-1
1-1
1-3
SJ Sharks
1-1
1-1
1-3
1-0 RAKELL
2'
 
 
 
 
7'
1-1 HERTL
2-1 SILFVERBERG
34'
 
 
 
 
39'
2-2 HERTL
 
 
49'
2-3 BURNS
 
 
51'
2-4 KANE
3-4 JONES
56'
 
 
 
 
60'
3-5 COUTURE
2' 1-0 RAKELL
HERTL 1-1 7'
34' 2-1 SILFVERBERG
HERTL 2-2 39'
BURNS 2-3 49'
KANE 2-4 51'
56' 3-4 JONES
COUTURE 3-5 60'
Ultimo aggiornamento: 15.11.2019 06:38
LA Kings
NHL
1 - 2
3. tempo
1-0
0-1
0-1
DET Wings
1-0
0-1
0-1
1-0 KOPITAR
6'
 
 
 
 
25'
1-1 BERTUZZI
 
 
43'
1-2 BERTUZZI
6' 1-0 KOPITAR
BERTUZZI 1-1 25'
BERTUZZI 1-2 43'
Ultimo aggiornamento: 15.11.2019 06:38
Keystone/foto d'archivio
+ 1
UN DISCO PER L'ESTATE
31.07.19 - 07:010
Aggiornamento : 02.09.19 - 18:02

Il folletto che fece innamorare la Valle

Oleg Petrov fu tra i grandi artefici delle straordinarie stagioni vissute dal club biancoblù alla fine del secolo scorso

AMBRÌ - Per quasi tutta la carriera ha portato sulla maglia il 14. Ma ad Ambrì quel numero non l’ha praticamente mai indossato. Lui che della squadra era il funambolico folletto, sul dorso aveva tre chiavi. Il simbolo del comando. Del Key Player.

Ala veloce, con mani sopraffine, e che, nonostante un fisico non da granatiere (1.78 m. x 81 kg), sapeva come giocare alle assi, Oleg Petrov è stato sicuramente uno degli stranieri più dominanti che abbiano mai calcato le piste elvetiche. E i suoi numeri sono lì a dimostrarlo. 

Il russo raggiunge la Leventina da Montréal nella stagione 1996/97 e, nonostante un’annata complicata per il club, - nono posto e playoff mancati, all’epoca una rarità - mostra subito di che pasta è fatto totalizzando 52 punti (24 reti) in 45 partite. Ma la sua consacrazione avviene la stagione successiva. Il folletto diventa devastante. Imprendibile. Immarcabile. In coppia col fido Chibirev, Petrov - in una regular season da sogno - mette a referto la bellezza di 93 punti (63 assist) in 40 partite. Record della Lega. Tuttora imbattuto e praticamente inavvicinabile. Il russo fa sognare il popolo biancoblù. Diventa idolo e beniamino. Quell’anno l’Ambrì sfiora la sua prima storica finale in campionato, ma nonostante i 22 punti nelle 14 partite di playoff il sogno non si concretizza. Si spezza come Chibirev in gara-6 (sconfitta 0-5 alla Valascia) di un’incredibile serie contro lo Zugo, che alla fine alzerà il trofeo battendo il Davos in finale.

Finale che i biancoblù raggiungono la stagione successiva. Quella che ha visto la squadra di Huras dominare in lungo e in largo la regular season (record di punti). Quella che ha regalato all’Ambrì (e alla Svizzera) il suo primo trofeo europeo. Quella della finale tutta ticinese da «chiudiamo il San Gottardo». 

Il russo - spalleggiato da Paul DiPietro - firma un’altra annata con i fiocchi. Segna (35 reti) e fa segnare (52 assist). Sembra inarrestabile. Ma la frenata arriva proprio al momento topico. In finale contro i rivali di sempre. Petrov viene marcato stretto. Tartassato dai difensori bianconeri. E la magia si spegne. Il Lugano si impone in cinque partite e alza la coppa alla Valascia. Petrov e l’Ambrì piangono lacrime amare. Il triste commiato di un campione. Sì, perché dopo quella sconfitta, Oleg non vestirà più il biancoblù nonostante un contratto ancora valido. Nell’estate del 1999 cede alle lusinghe dei Montréal Canadiens e ritorna in NHL. Un mesto addio per il folletto che ha fatto innamorare la valle.

Clicca qui per leggere gli articoli precedenti di "Un Disco per l'estate".

Guarda tutte le 5 immagini
Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Sport
TENNIS
8 ore
Maestoso King Roger: piega Djokovic e vola in semifinale
Il campione renano ha liquidato il serbo con il punteggio di 6-4, 6-3
MOTOMONDIALE
8 ore
«Lorenzo? Triste vederlo in questa situazione»
In molti hanno commentato l'addio dello spagnolo. Marc Marquez: «È una sorpresa, ma ha dimostrato coraggio e personalità». Paolo Ciabatti, direttore sportivo della Ducati: «Decisione sofferta»
SERIE A
11 ore
CR7 smentisce Sarri: «Non sto bene, sto molto bene...»
L'attaccante della Juve, dal ritiro del Portogallo, manda un messaggio al tecnico: «Vi dico una cosa per tutte le prime pagine dei giornali...»
MOTOMONDIALE
13 ore
L'addio di Lorenzo: «Impossibile trovare ancora le motivazioni»
Jorge Lorenzo ha annunciato il ritiro all'età di 32 anni: «Adoro questo sport, ma adoro vincere. Mi sono reso conto che questo non è più possibile»
MOTOMONDIALE
15 ore
Lorenzo si ritira!
Il 32enne pilota spagnolo, cinque volte campione del mondo (tre nella classe regina), ha annunciato il suo addio al circus
FORMULA 1
17 ore
«La Ferrari bara», Verstappen ingenuo portavoce della Mercedes
Helmut Marko ha provato a chiudere la querelle innescata dall'olandese. «Lui ha esagerato, ma l'indagine è partita dalla Mercedes»
NATIONAL LEAGUE
20 ore
«Non stiamo panicando», a Berna tra preoccupazione e pancia piena
Cosa sta succedendo agli Orsi? Alex Chatelain: «Non c'è un unico aspetto che non va, dobbiamo rimanere positivi»
NATIONAL LEAGUE
23 ore
«L'ultima volta l'Ambrì ci ha ucciso»
Christian Dubé è l'artefice della rinascita del Friborgo: «Ma non ho la bacchetta magica, non c'è alcun segreto»
MOTOGP
1 gior
Soldi e ingegneri per continuare, Rossi tra ambizione e ritiro
Il Dottore non correrà oltre il 2020 se non sarà veloce e... «Continuando così non risolveremo mai i nostri guai»
GLAND
1 gior
«Michael Schumacher è grave», ma Corinna risponde
Botta e risposta tra l'ex manager e la moglie dell'ex campione tedesco
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile