Cagliari
2
Genoa
1
2. tempo
(0-0)
SC Kriens
1
Grasshopper
2
fine
(1-0)
FEDERER R./ZVEREV A.
1
SHAPOVALOV D./SOCK J.
0
2 set
(6-3 : 5-5)
Ambrì
2
Ginevra
3
fine
(1-0 : 1-2 : 0-0 : 0-0 : 0-1)
Berna
1
Bienne
2
fine
(0-1 : 1-0 : 0-0 : 0-0 : 0-1)
Langnau
5
Zugo
3
fine
(2-1 : 1-2 : 2-0)
Zurigo
5
Losanna
0
fine
(1-0 : 4-0 : 0-0)
Cagliari
SERIE A
2 - 1
2. tempo
0-0
Genoa
0-0
PEDRO JOAO
39'
 
 
1-0 SIMEONE GIOVANNI
46'
 
 
 
 
73'
SAPONARA RICCARDO
 
 
83'
1-1 KOUAME CHRISTIAN
2-1
84'
 
 
39' PEDRO JOAO
46' 1-0 SIMEONE GIOVANNI
SAPONARA RICCARDO 73'
KOUAME CHRISTIAN 1-1 83'
84' 2-1
Venue: Sardegna Arena.
Turf: Natural.
Capacity: 16,233.
History: 15W-12D-13W.
Goals: 54-53.
Age: 27,6-26,4.
Sidelined Players: CAGLIARI CAGLIARI - Radja Nainggolan (Calf), Paolo Farago (Knee), Alessio Cragno (Shoulder), Leonardo Pavoletti (Cruciate Ligament).
GENOA - Stefano Sturaro (Cruciate Ligament).
VAR Video Referee.
Ultimo aggiornamento: 20.09.2019 22:26
SC Kriens
CHALLENGE LEAGUE
1 - 2
fine
1-0
Grasshopper
1-0
1-0 ABUBAKAR ASUMAH
8'
 
 
 
 
63'
1-1 SUBOTIC DANIJEL
 
 
69'
1-2 NJIE ALLEN
8' 1-0 ABUBAKAR ASUMAH
SUBOTIC DANIJEL 1-1 63'
NJIE ALLEN 1-2 69'
Venue: Ground Stadion Kleinfeld, Kriens.
Turf: Natural.
Capacity: 5,360 (540 seated).
Ultimo aggiornamento: 20.09.2019 22:26
FEDERER R./ZVEREV A.
1 - 0
2 set
6-3
5-5
SHAPOVALOV D./SOCK J.
6-3
5-5
LAVER CUP
LAVER CUP MEN DOUBLES
Team Europe - Team World 2-1.
Match 4.
Ultimo aggiornamento: 20.09.2019 22:26
Ambrì
LNA
2 - 3
fine
1-0
1-2
0-0
0-0
0-1
Ginevra
1-0
1-2
0-0
0-0
0-1
1-0 ZWERGER
2'
 
 
 
 
22'
1-1 LE COULTRE
2-1 FORA
29'
 
 
 
 
30'
2-2 MAILLARD
2' 1-0 ZWERGER
LE COULTRE 1-1 22'
29' 2-1 FORA
MAILLARD 2-2 30'
Ultimo aggiornamento: 20.09.2019 22:26
Berna
LNA
1 - 2
fine
0-1
1-0
0-0
0-0
0-1
Bienne
0-1
1-0
0-0
0-0
0-1
 
 
15'
0-1 KREIS
1-1 UNTERSANDER
32'
 
 
KREIS 0-1 15'
32' 1-1 UNTERSANDER
Ultimo aggiornamento: 20.09.2019 22:26
Langnau
LNA
5 - 3
fine
2-1
1-2
2-0
Zugo
2-1
1-2
2-0
 
 
7'
0-1 SIMION
1-1 HUGUENIN
15'
 
 
2-1 SCHILT
17'
 
 
 
 
21'
2-2 ALBRECHT
3-2 KUONEN
23'
 
 
 
 
39'
3-3 MCINTYRE
4-3 PESONEN
52'
 
 
5-3 PESONEN
60'
 
 
SIMION 0-1 7'
15' 1-1 HUGUENIN
17' 2-1 SCHILT
ALBRECHT 2-2 21'
23' 3-2 KUONEN
MCINTYRE 3-3 39'
52' 4-3 PESONEN
60' 5-3 PESONEN
Ultimo aggiornamento: 20.09.2019 22:26
Zurigo
LNA
5 - 0
fine
1-0
4-0
0-0
Losanna
1-0
4-0
0-0
1-0 PEDRETTI
10'
 
 
2-0 BALTISBERGER
29'
 
 
3-0 SIMIC
32'
 
 
4-0 BODENMANN
33'
 
 
5-0 BODENMANN
40'
 
 
10' 1-0 PEDRETTI
29' 2-0 BALTISBERGER
32' 3-0 SIMIC
33' 4-0 BODENMANN
40' 5-0 BODENMANN
Ultimo aggiornamento: 20.09.2019 22:26
Keystone/foto d'archivio
+ 1
UN DISCO PER L'ESTATE
31.07.19 - 07:010
Aggiornamento : 02.09.19 - 18:02

Il folletto che fece innamorare la Valle

Oleg Petrov fu tra i grandi artefici delle straordinarie stagioni vissute dal club biancoblù alla fine del secolo scorso

AMBRÌ - Per quasi tutta la carriera ha portato sulla maglia il 14. Ma ad Ambrì quel numero non l’ha praticamente mai indossato. Lui che della squadra era il funambolico folletto, sul dorso aveva tre chiavi. Il simbolo del comando. Del Key Player.

Ala veloce, con mani sopraffine, e che, nonostante un fisico non da granatiere (1.78 m. x 81 kg), sapeva come giocare alle assi, Oleg Petrov è stato sicuramente uno degli stranieri più dominanti che abbiano mai calcato le piste elvetiche. E i suoi numeri sono lì a dimostrarlo. 

Il russo raggiunge la Leventina da Montréal nella stagione 1996/97 e, nonostante un’annata complicata per il club, - nono posto e playoff mancati, all’epoca una rarità - mostra subito di che pasta è fatto totalizzando 52 punti (24 reti) in 45 partite. Ma la sua consacrazione avviene la stagione successiva. Il folletto diventa devastante. Imprendibile. Immarcabile. In coppia col fido Chibirev, Petrov - in una regular season da sogno - mette a referto la bellezza di 93 punti (63 assist) in 40 partite. Record della Lega. Tuttora imbattuto e praticamente inavvicinabile. Il russo fa sognare il popolo biancoblù. Diventa idolo e beniamino. Quell’anno l’Ambrì sfiora la sua prima storica finale in campionato, ma nonostante i 22 punti nelle 14 partite di playoff il sogno non si concretizza. Si spezza come Chibirev in gara-6 (sconfitta 0-5 alla Valascia) di un’incredibile serie contro lo Zugo, che alla fine alzerà il trofeo battendo il Davos in finale.

Finale che i biancoblù raggiungono la stagione successiva. Quella che ha visto la squadra di Huras dominare in lungo e in largo la regular season (record di punti). Quella che ha regalato all’Ambrì (e alla Svizzera) il suo primo trofeo europeo. Quella della finale tutta ticinese da «chiudiamo il San Gottardo». 

Il russo - spalleggiato da Paul DiPietro - firma un’altra annata con i fiocchi. Segna (35 reti) e fa segnare (52 assist). Sembra inarrestabile. Ma la frenata arriva proprio al momento topico. In finale contro i rivali di sempre. Petrov viene marcato stretto. Tartassato dai difensori bianconeri. E la magia si spegne. Il Lugano si impone in cinque partite e alza la coppa alla Valascia. Petrov e l’Ambrì piangono lacrime amare. Il triste commiato di un campione. Sì, perché dopo quella sconfitta, Oleg non vestirà più il biancoblù nonostante un contratto ancora valido. Nell’estate del 1999 cede alle lusinghe dei Montréal Canadiens e ritorna in NHL. Un mesto addio per il folletto che ha fatto innamorare la valle.

Clicca qui per leggere gli articoli precedenti di "Un Disco per l'estate".

Guarda tutte le 5 immagini
Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Sport
NATIONAL LEAGUE
27 min

I Lions sculacciano il Losanna, il Langnau sorprende lo Zugo

Nello stesso tempo il Bienne ha vinto il derby contro il Berna ai rigori

BUNDESLIGA
3 ore

Choc Da Costa: denuncia sua madre per sei magliette!

Il Tribunale pronuncerà la sua sentenza il prossimo 27 settembre

TENNIS
5 ore

Spettacolo a Ginevra: la sfida è ferma sull'1-1

Jack Sock - vincitore su Fabio Fognini - ha risposto a Dominic Thiem, che in precedenza aveva superato Denis Shapovalov

VIDEO
EUROPA LEAGUE
8 ore

Karius, incubo Europa: si rivedono i fantasmi di Kiev

Il portiere tedesco, in prestito al Besiktas, ha iniziato nel peggiore dei modi la fase a gironi di Europa League

SUPER LEAGUE
8 ore

Il Lucerna, atteso a Lugano, perde Schwegler e Ndenge

Brutte notizie per i lucernesi, che per diverse settimane dovranno fare a meno del difensore 35enne e del centrocampista 22enne

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile