Keystone (archivio)
UN DISCO PER L'ESTATE
23.07.19 - 07:010
Aggiornamento : 02.09.19 - 18:05

Il portiere giramondo con Langnau nel cuore

Sbocciato tardi, Martin Gerber ha girato una moltitudine di Paesi e campionati. Ma è sempre rimasto legato alla sua terra natale, dove ha pure portato la Stanley conquistata nel 2006

UN DISCO PER L'ESTATE

Caricamento in corso ...
Questi sondaggi non hanno, ovviamente, un valore statistico. Si tratta di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi l'unico scopo di permettere ai lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità.

LANGNAU - Giramondo. Un po’ per necessità. Un po’ per virtù. Ma con un posto sempre fissato nel cuore. La sua Langnau. Là dove è cresciuto e ha strappato il primo contratto da professionista. Là dove è tornato durante il lockout della stagione 2004/05. Là dove ha portato la Coppa Stanley  vinta con i Carolina Hurricanes nel 2006. 

Nato nel 1974 a Burgdorf, la città più popolosa dell’Emmental che dista circa 20 chilometri da Langnau, Martin Gerber è sicuramente stato tra i portieri più forti e longevi nella storia dell’hockey rossocrociato. E ha giocato un po’ ovunque. Dopo i primi anni e una lenta crescita alla Ilfis il cerbero bernese decide di tentare l’avventura estera. Vola in Svezia. A Karlstad. Dove a 27 anni esplode. La straordinaria stagione vissuta nel Farjestad gli vale la chiamata degli Anaheim Mighty Ducks. In seguito il bernese viaggia parecchio al di qua e al di là dall’oceano. Tornerà al Langnau e al Farjerstad - dove vincerà anche il titolo svedese - durante il lockout, poi girovagò tra America del Nord (Carolina) e Canada (Ottawa e Toronto) prima di accettare l’avventura russa (Atlant Mytishchi). A 36 anni suonati prova il comeback in NHL, ma la sua avventura ad Edmonton dura solo tre partite. Torna nuovamente in Svezia (Vaxjo e Rogle) prima di fare ritorno in Svizzera dove, dopo 4 stagioni a Kloten, chiuderà la carriera nel 2017 a 42 anni. 

Una carriera infinita iniziata a rilento ma che ha raggiunto picchi altissimi. Come quello toccato contro i maestri canadesi durante l’incredibile match ai Giochi Olimpici di Torino del 2006. Gerber in quella partita fu semplicemente intrattabile. Disinnescò tutti i 49 tiri scagliati contro la sua gabbia e permise alla Svizzera di imporsi per 2-0. Ma il successo contro la selezione della foglia d’acero fu solo un gustoso stuzzichino per il cerbero bernese, che quello stesso anno ebbe l’onore di vincere il campionato di NHL. Un successo, quello conquistato in gara-7 contro gli Edmonton Oilers, che ha reso Gerber il secondo elvetico (dopo David Aebischer) in grado di alzare al cielo la Stanley. Anche se le sfide decisive, l'ex portierone, che aveva iniziato la stagione da titolarissimo (60 partite di regular season), le ha dovute guardare dalla panchina. Una vita tra (tanti) alti e (qualche) basso per il giramondo dell’hockey svizzero.

Clicca qui per leggere gli articoli precedenti di "Un Disco per l'estate".

HOCKEY: Risultati e classifiche

Keystone (archivio)
Guarda le 4 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
LIVE TV
TOKYO 2020
5 ore
Acque libere e tante botte: altra giornatona olimpica (anche per la Svizzera)
Beach-volley in corsa per il bronzo. 4x100m da applausi. Reichmuth a casa. Bencic in vacanza
LIVE-TICKER
TOKYO 2020
LIVE
Svizzera sulle montagne russe
Mare, spiaggia e pista. E poi karate, lotta e boxe: altro show giapponese
FC LUGANO
9 ore
Cessione Lugano, fumata nera: la partita è ancora lunga
Non è andato a buon fine l'incontro tra Novoselskiy e i possibili nuovi acquirenti, che hanno già il "sì" di Renzetti.
IL SORPASSO A... QUATTRO RUOTE
10 ore
Attualmente Verstappen è il Paperino dei fumetti, mentre Hamilton è Gastone
Il britannico conduce nuovamente la classifica generale di F1 con 195 punti, otto lunghezze in più dell'olandese (187).
FC LUGANO
11 ore
Lugano: non cambia nulla (per ora)
Leonid Novoselskiy non è per nulla convinto dell'offerta che ha ricevuto dagli interlocutori di Joe Mansueto
VIDEO
SERIE A
14 ore
L'Inter riabbraccia (finalmente) Christian Eriksen
Il danese è tornato per la prima volta in Italia dopo lo spaventoso episodio che l'ha visto protagonista agli Europei.
NATIONAL LEAGUE
17 ore
Dopo 16 stagioni dice basta: «Sì, adesso è proprio finita»
Roman Wick ha deciso di appendere i pattini al chiodo all'età di 35 anni.
NATIONAL LEAGUE
19 ore
Doping: Conacher squalificato per tre mesi
All'attaccante 32enne è stato contestato l'uso di insulina.
L’OSPITE - ARNO ROSSINI
21 ore
“One shot Chiasso” contro “rivoluzione Bellinzona”: l’ambizione è ticinese
Stagione al via: rossoblù e granata sono i grandi favoriti per il successo finale
LIVE-TICKER
TOKYO 2020
1 gior
La Svizzera (stavolta) non giganteggia
Joseph non si supera, Reichmuth eliminato, McLaughlin fa il record del mondo
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile