Keystone/foto d'archivio
NL/SWISS LEAGUE
12.06.19 - 13:000
Aggiornamento : 13.06.19 - 11:51

«Nessuna fretta, per rientrare aspetto l'occasione giusta»

Serge Pelletier, dopo la separazione dal La Chaux-de-Fonds, resta in attesa di definire il proprio futuro

LA CHAUX-DE-FONDS - «In questo momento sono free agent… come i giocatori (ride, ndr)», esordisce col sorriso e la consueta simpatia Serge Pelletier, 53enne in cerca di una nuova sfida dopo la fine della sua avventura al La Chaux-de-Fonds. Chiusa la regular season al primo posto e raggiunta la finale dei playoff (ko col Langenthal), l’head coach ha deciso - di comune accordo con la società - di non continuare alla transenna dei Montagnards, dove era arrivato nel novembre 2017.

«È stata un’esperienza arricchente in una Lega che non conoscevo molto, o che almeno non avevo mai vissuto dall’interno. È stato come un investimento per il futuro, una chance per conoscere a fondo questo campionato», aggiunge Pelletier, tornando poi sulla separazione. «Io avevo l’ambizione di portare in A il la Chaux-de-Fonds, ma il passo è sempre enorme. Alla società “basta” giocare un ruolo nelle big di Swiss League. Più ci si avvicinava alla finale più si iniziava a pensare che forse non si era ponti ad un’eventuale promozione. È anche normale, in questo momento credo che il Kloten sia l’unica squadra che possa bussare alle porte della National League».

E adesso?
«Sto aspettando una nuova opportunità, ma per il momento mi godo anche un po’ di relax rimanendo sempre aggiornato su tutto quel che riguarda il mondo dell’hockey. In questo periodo sto andando a letto piuttosto tardi… con i playoff in nordamerica da tempo nella loro fase più calda. Questa notte finirà anche la NHL con gara-7 della finalissima tra Boston e St. Louis».

Pelletier, che era stato accostato anche al Lugano come possibile ds, non ha fretta.
«Il Lugano come noto ha preso un’altra direzione, i candidati erano diversi. In questi momenti so che è importante aspettare l’occasione giusta, non ho fretta di saltare sul primo treno. Aspetto la giusta chance per rientrare e resto aperto a diversi ruoli. Head coach, ds, ma pure in altri incarichi in una società. I club sono sempre più “ramificati” al loro interno con tanti membri dello staff. Le società sono sempre più corpose, vogliono rafforzare il loro management e si creano nuove opportunità».

Pensi solo alla Svizzera o potresti valutare anche un’esperienza in un altro campionato?
«Questo non lo so. In questi giorni ho avuto un paio di discussioni anche con club esteri, ma devo decidere se si tratta dell’occasione giusta per partire».

L’ipotesi di arrivare in una società a campionato in corso poi non va mai esclusa.
«Nel nostro lavoro si vive anche di cambiamenti e un’ipotesi di questo genere fa parte del mestiere», conclude Serge Pelletier.

Guarda le 4 immagini
Commenti
 
Ivana Celio 5 mesi fa su fb
Giusto Serge👍🏻🍀🐞💗
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Sport
NAZIONALE
1 ora
Svizzera, il compitino a Gibilterra e poi la festa
Alla Nazionale basterà raccogliere un punto contro una selezione modesta per garantirsi la partecipazione all'Europeo
FORMULA 1
8 ore
«Io andavo dritto», Vettel disastroso e ignaro
Colpevole nell'autoscontro della Ferrari, il tedesco ha fatto finta di nulla: «Pensavo di essere già passato»
RIYAD
10 ore
Thiago Silva accusa Messi: «Si tuffa e gli arbitri gli credono perché sono suoi tifosi»
Il capitano del Brasile ha usato parole dure nei confronti della stella dell'Argentina in seguito alla sconfitta maturata proprio contro i verdeoro
STOP AND GO
13 ore
Lugano giù in "picchiata", Ambrì cuore e grinta non sempre bastano
Non è stata una settimana allegra per le due formazioni ticinesi: un solo punto conquistato (dai biancoblù) negli ultimi sette giorni. In National League torna Cervenka e totalizza 6 punti personali!
QULIFICAZIONE EURO 2020
14 ore
Ronaldo fa 99 e trascina il Portogallo agli Europei
I lusitani si sono imposti con il punteggio di 2-0 contro il Lussemburgo. Nello stesso tempo la Serbia non è andata oltre al 2-2 con l'Ucraina
MOTO GP
16 ore
Marquez il cannibale suona la 12esima sinfonia
Il campione spagnolo ha chiuso in bellezza davanti a Quartararo e Miller
VIDEO
MOTO 3
19 ore
Terribile caduta a Valencia: ecco il video
Sono stati cinque i piloti coinvolti nel maxi crash: Foggia (che ha avuto la peggio), Antonelli, Tatay, Yurchenko e Alcoba
PREMIER LEAGUE
21 ore
Granit Xhaka il reietto è ostaggio dell'Arsenal
Praticamente chiusa la sua avventura da Gunner, il centrocampista rossocrociato sogna la Serie A. A Londra però, per non perdere troppi soldi, potrebbero spedirlo al Newcastle
MOTOGP
1 gior
Marquez-Marquez, la Honda pensa ai fratelli-coltelli
Via Jorge Lorenzo, sarà Alex a diventare compagno di squadra di Marc? «Più svantaggi che vantaggi»
HCAP
1 gior
Ambrì punito ai supplementari, alla Valascia passa il Losanna
I biancoblù sono usciti sconfitti di misura al termine di una sfida combattuta e decisa solo all’overtime. 2-1 il risultato finale
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile