Keystone/foto d'archivio
NATIONAL LEAGUE
05.06.19 - 13:280
Aggiornamento : 22:55

«Scelta difficile, ma non potevo farmi sfuggire questa opportunità»

Sven Berger, dopo oltre 650 match in Lega Nazionale, ha iniziato una nuova avventura come assistant coach del Rappi: «So di non essere ancora “vecchio”, ma una chance del genere non capita spesso»

RAPPERSWIL - Dal ghiaccio alla transenna, con un anno d’anticipo rispetto alla scadenza del suo contratto come difensore del Rapperswil. Chiuso a 31 anni un capitolo importantissimo della sua vita, l’ex biancoblù Sven Berger ne ha già iniziato un altro nelle vesti di assistant coach dei sangallesi.

«È accaduto tutto molto in fretta, ma sono felice di questa scelta e che il club abbia pensato proprio a me - interviene Sven Berger, che lavorerà al fianco dell’head coach Jeff Tomlinson e dell’altro assistente Niklas Gällstedt - Avevo ancora un anno di contratto e fino a qualche settimana fa credevo di continuare come giocatore, dopodiché si è presentata questa possibilità e in pochi giorni ho dovuto prendere una decisione difficile».

E così, dopo attenta riflessione, Berger ha deciso di accettare questa nuova sfida.
«A 31 anni so di non essere ancora “vecchio”, ma ho già alle spalle tante stagioni. Ho giocato 15 campionati da professionista (gli esordi in LNA, da giovanissimo, proprio nel Rappi nell'ormai lontano 2004/05), e sapevo che non avrei continuato altri 5-6 anni. Allo stesso tempo sapevo bene che una chance del genere non capita molto spesso. È stato difficile ma non potevo farmela sfuggire: se non avessi accettato il club avrebbe puntato su qualcun altro e in futuro chissà… forse non si sarebbe più presentata».

Con il Rapperswil, nelle ultime stagioni, Sven Berger ha centrato la promozione in National League e conquistato la Coppa Svizzera.
«Con la squadra ci sono stati momenti indimenticabili. Ora il mio ruolo ê cambiato, ma sarò sempre pronto a fare quel che posso per aiutare il gruppo. Il rapporto con Tomlinson? È un ottimo coach, sarà bello lavorare con lui. Insieme al resto dello staff mi ha voluto in questo ruolo, sarà una bella sfida».

Da ex difensore principalmente di cosa ti occuperai?
«Non lavorerò solo con i difensori, ma anche con gli attaccanti. L’obiettivo comune è ovviamente quello di far crescere la squadra e integrare più "ragazzi" nel nostro roster. Uno dei miei compiti sarà specifico con i più giovani».

Guarda le 4 immagini
Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Sport
SUPER LEAGUE
9 min
«Lugano? Sono un po' preoccupato: tante partenze e... nessun volto nuovo»
Il responsabile tecnico della Federazione ticinese (FTC) - Livio Bordoli - si è anche espresso in merito al trasferimento di Patrick Rossini al Chiasso: «Si tratta di un bel colpo»
NATIONAL LEAGUE
2 ore
Colpo Bienne: ecco Rantakari
Il difensore finlandese è stato prestato dal Davos ai Seelanders per sostituire Salmela, il quale si è fratturato uno zigomo
NATIONAL LEAGUE
2 ore
In palio punti d’oro, Lugano e Ambrì riprendono la caccia
Con la bagarre playoff sempre accesissima, le ticinesi tornano subito in pista dopo i duelli del weekend. I bianconeri ospitano il Rappi, i biancoblù vanno a Bienne
TENNIS
5 ore
Wawrinka fa sua la battaglia di tre ore
L'elvetico ha sconfitto Dzumhur con il punteggio di 7-5, 6-7, 6-4, 6-4
TENNIS
6 ore
Belinda non stecca e passa il turno
La sangallese ha superato la Schmiedlova 6-3, 7-5
VIDEO
TENNIS
14 ore
«Sbucciami la banana!»... ma la raccattapalle dice di "no"
Elliot Benchetrit si è reso protagonista di una richiesta tutta particolare in occasione del match contro il kazako Popko
SUPER LEAGUE
14 ore
Super League da 10 a 12 squadre? I club sono favorevoli
A metà marzo un'assemblea generale straordinaria si esprimerà sul possibile cambiamento
SUPER LEAGUE
16 ore
«A Lugano ho lasciato un pezzo del mio cuore»
Carlinhos Junior ha salutato i bianconeri dopo due anni e mezzo per trasferirsi in Asia: «Desideravo vivere una nuova avventura e adoro la cultura giapponese»
SUPER LEAGUE
18 ore
Renzetti arrabbiato e deluso: «Junior? C’è un danno economico, non è uno scherzo»
Il presidente del Lugano ha commentato la partenza - verso il Giappone - dell'attaccante brasiliano: «Sono molto dispiaciuto per tanti motivi, non posso negarlo»
MERCATO
20 ore
Addio Lugano, Junior va in Giappone
L'attaccante brasiliano si è accordato con i giapponesi dello Shimizu S-Pulse
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile