Tipress
+ 1
HCL
28.05.19 - 19:520
Aggiornamento : 29.05.19 - 11:54

«Lugano? È una sensazione bellissima»

Il nuovo general manager bianconero Hnat Domenichelli è l'ultimo tassello della dirigenza bianconera: «Non si può pensare di vivere un giorno di hockey moderno se non si è messi bene difensivamente»

LUGANO - Nella giornata odierna - martedì 28 maggio - è stato presentato il nuovo general manager dell'area sportiva del Lugano: Hnat Domenichelli.

Il 43enne – che ha sposato un progetto a lungo termine con i bianconeri – prende dunque il posto di Roland Habisreutinger. «Sono uno sportivo dentro e il mio desiderio era quello di ritornare a fare parte di una squadra», è intervenuto proprio Domenichelli. «Volevo crescere come dirigente, per questo motivo ringrazio il Lugano per avermi dato questa opportunità. È una sensazione bellissima».

Accordandosi con i bianconeri, l'ex attaccante ha di fatto abbandonato la professione di agente e potrà dunque mettere al completo servizio della società l'esperienza accumulata in questo settore. «Negli ultimi cinque anni – lavorando a fianco dei giocatori – sono cresciuto molto, soprattutto per quanto riguarda il mercato nazionale e internazionale. Oltre a questo ho imparato a conoscere le varie mentalità dei giocatori e penso quindi di essere in grado di inserirmi senza problemi nel mio nuovo ruolo, nonostante la squadra sia stata costruita prima del mio arrivo. Kapanen? Abbiamo giocato insieme in NHL ai tempi degli Hartford Whalers. È sempre stato fisicamente in forma e in pista era un giocatore completo. Un vero gladiatore».

Come hanno reagito alla notizia i tuoi ex clienti? «Erano tutti contenti per me e anche se non sarò più il loro agente, il nostro legame di amicizia resta intatto. Potranno sempre contare su di me per un eventuale consiglio o per una chiacchierata fra amici».

Ma quale sarà la strategia di Domenichelli? «È ancora presto per fare delle previsioni, ma l'obiettivo principale è quello di migliorare la squadra. L'hockey moderno – che vede sul ghiaccio sempre più giovani con caratteristiche tecniche – sta progredendo molto velocemente. A Lugano ci sono diversi giocatori con questo profilo e quindi la base c'è, poi tocca a noi aiutarli a crescere. A livello di filosofia le partite si vincono mettendo in pratica un gioco difensivo solido e il successo della Finlandia ai Mondiali è l'esempio perfetto. L'intenzione è quella di lavorare su questo aspetto, anche perché l'anno scorso il Lugano ha totalizzato 160 gol risultando il miglior attacco del campionato, ma purtroppo ne ha incassati 141 e sono veramente troppi. Non si può pensare di vivere un giorno di hockey moderno se non si è messi bene difensivamente».

Da segnalare inoltre che a partire dalla stagione 2020-2021 Julien Vauclair – una volta appesi i pattini al chiodo – rivestirà la carica di capo dello scouting.

Tipress
Guarda tutte le 5 immagini
Commenti
 
cle72 2 mesi fa su tio
Dichiarazione esaltante ahahah la prima cosa che ha detto nonostante la squadra era già costruita prima del mio arrivo!...ergo se fa flop non datemi colpe! Era arrivato a Lugano dopo anni ad Ambrì Dove ha fatto bene per godersi un meritato Prego pensionamento da giocatore strapagato...essi perché hai Lugano non ha mai giocato ai livelli espressi ad Ambri. Ed ora ha trovato di nuovo la gallina d'oro per i prossimi anni. Non avete ancora avete perso gli occhi auguri!
Mat78 2 mesi fa su tio
Prima dichiarazione che mi fa davvero già godere, bravo Hnat! Il problema del Lugano è la difesa e lo dico da anni, se vogliamo arrivare in fondo una buona volta e vincere il titolo, dobbiamo subire molte meno reti. La difesa è stata ignorata e bistrattata per anni, è ora di potenziarla sia con giovani di prospettiva (Riva da solo non basta) sia con svizzeri esperti e forti fisicamente. Il fatto che il Lugano debba prendere uno staniero difesivo come Choreny credo dimostri in maniera emblematica la carenza di garanzie in copertura del roster svizzero della difesa (se paragonato ai top team ovviamente). I campioni degli ultimi anni hanno sempre fatto delle RS con pochissime reti incassate. Noi invece, malgrado avessimo Elvis in porta, di reti ne abbiamo subite davvero tantissime. L'ultima finale l'abbiamo fatta guarda caso con 2 difensori stranieri dietro...Come dice il detto, i grandi attacchi ti fanno vincere le partite, le grandi difese ti fanno vincere i campionati...
BarryMc 2 mesi fa su tio
@Mat78 Concordo!
Evry 2 mesi fa su tio
BENVENUTO e AUGURI, ha la stoffa di fare tuttu quello che il Kultura del Laworo NON ha saputo e NON era in grado di fare
Katia CR 2 mesi fa su fb
Bentornato Hnat! Buon lavoro! 😍👋💛⚪️⚫️
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Sport
SWISS LEAGUE
45 min

«Felice di essere tornato a Zugo, sarà una grande sfida»

Corsin Camichel, 38enne ex attaccante, è entusiasta del suo incarico come assistant coach dell’EVZ Academy: «C’è la retrocessione e tutte le squadre si sono rinforzate: sarà un campionato duro»

BOLOGNA
3 ore

«Non è finita finché lo decido io...»

Christian Stucki, out da diverso tempo per un infortunio al ginocchio destro, ha iniziato un percorso riabilitativo a Bologna

SONDAGGIO
UN DISCO PER L'ESTATE
6 ore

La spaccata e quell'incredibile record del (incrollabile) muro bernese

Dal 1985 al 2001 Renato Tosio ha messo in fila la bellezza di 732 partite da titolare in LNA senza mai saltarne una. Nella sua carriera anche 4 titoli e 145 gettoni in Nazionale

MERCATO
15 ore

Juve, assalto a Neymar: offerti Dybala e 100'000'000

La società bianconera avrebbe avanzato un'offerta molto ricca, sia al giocatore che al PSG

HCAP
17 ore

L'Ambrì ha toccato con mano la Champions

Luca Cereda e Marco Müller non vedono l'ora di esordire giovedì 29 agosto sul ghiaccio dei Red Bull Monaco

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile