KEYSTONE/KPAUS KPAPA KPPA (MELANIE DUCHENE)
+ 23
SLOVACCHIA 2019
16.05.19 - 07:000
Aggiornamento : 15:51

Svizzera da leccarsi i baffi, e il bello deve ancora arrivare

Fin qui la Nati ha vinto e soprattutto convinto. A qualificazione ipotecata, nei prossimi match andrà in cerca di un'ulteriore iniezione di fiducia

BRATISLAVA (Slovacchia) - Una doppietta di Ambühl, una magia di Hischier e il solito guizzo di Hofmann sono bastati alla Svizzera per regolare anche la Norvegia in questa sua fin qui perfetta rassegna iridata.

Il successo su Thoresen e soci è stato, come i precedenti d'altronde,  netto quanto meritato, largo quanto applaudito. La Nati è partita forte, ha imposto il suo gioco, ha tenuto alto il ritmo e poi, quando i rivali sono andati fuori giri, si sono distratti o semplicemente rivelati inadatti, ha piazzato il colpo.

È questo, di una squadra che in fin dei conti al Mondiale ha per ora fatto solo il suo dovere, che più piace. Che più convince. Chi si batte in pista sembra quasi non forzare. Costruisce e gioca muovendosi leggero, quasi stesse facendo solo il minimo indispensabile nell'attesa di sfidare avversari ben più solidi. Gli elvetici hanno fin qui scherzato? L'impressione data è proprio questa. E di sicuro ha lasciato un sapore dolcissimo in bocca.

Per quanto continuerà? Non servirà attendere molto. Ipotecata la qualificazione ai quarti di finale - certa a meno di miracoli lettoni con le big - la truppa di Patrick Fischer potrà davvero capire (e mostrare) quanto vale nei prossimi tre confronti. Nelle sfide a, nell'ordine, Svezia, Russia e Repubblica Ceca. Continuare a convincere, prima ancora che a vincere, pure con le candidate alle medaglie sarebbe una gigantesca iniezione di fiducia per il gruppo capitanato da Raphael Diaz. Un gruppo che sa di essere imperfetto, che sa di non essere il grande favorito per il successo finale ma... che non vuole porsi limiti.

KEYSTONE/EPA (CHRISTIAN BRUNA)
Guarda tutte le 27 immagini
Commenti
 
Flavio Zana 2 mesi fa su fb
già.. il bello è la Svezia..
moma 2 mesi fa su tio
Fischer lo rivaluto, perché anch'io lo ritenevo un perdente. Ora invece dimostra competenza. Si, forza Svizzera, ma finora abbiamo incontrato squadrette. Le prossime diranno cose in più. Volare basso per ora.
GI 2 mesi fa su tio
Hopp Suisse ! speriamo che dopo cotanto antipasto, servano anche un bel primo piatto.....in attesa del secondo !!
albertolupo 2 mesi fa su tio
Sempre stato dubbioso su Fischer per i risultati (ma anche per come si poneva) a Lugano. Ora i risultati parlano per lui. Bravo lui e i giocatori. Speriamo riescano a riconfermare qualche bell'exploit.
Gusmeroli Giacinto 2 mesi fa su fb
SSG 2 mesi fa su tio
giusto un paio di considerazioni per gli allenatori da tastiera che nei mesi passati hanno criticato e offeso Fischer e che, guarda caso, adesso non si leggono più. Obiettivo dei quarti già raggiunto dopo sole 4 partite (!) con 4 vittorie, media gol segnati 5, media gol subiti 0.5. Gioco spumeggiante e convincente, giocatori super motivati e ben preparati.
Bibo 2 mesi fa su tio
@SSG L'allenatore da tastiera è sempre lo stesso (sono 2 nick name ma visto il contenuto mi sa che è sempre lo stesso) e visto il continuo ripetersi degli stessi commenti (tra l'altro patetici) in quasi tutti gli articoli di hockey...
Cristina Botta 2 mesi fa su fb
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Sport
SUPER LEAGUE
3 min

L'ultimo arrivato è carico: «Lugano? Ho trovato una mentalità vincente»

Filip Holender si è espresso in merito al suo esordio con i bianconeri: «Il mio motto è dare il massimo per il club»

TENNIS
3 ore

Va al bar a vedere Federer-Djokovic, ora rischia il carcere

Ai domiciliari per una condanna di quattro mesi, il 58enne si è recato al bar per gustarsi il quinto set della finale: «Ho fatto una stupidaggine»

SAN PAOLO
6 ore

Cafu sommerso dai debiti: già perse cinque proprietà

«È un mio problema personale», le parole dell'ex capitano del Brasile. Pignorate altre 15 proprietà

TENNIS - LE CIFRE
9 ore

Novak & Roger: Titani-show tra feste e occasioni perse

Djokovic è il numero uno al mondo. Federer è, probabilmente, il migliore di sempre

SONDAGGIO
UN DISCO PER L'ESTATE
12 ore

Quando Wes Walz fece il fenomeno e schiantò (quasi da solo) l’Ambrì

Il centro canadese fu il grande protagonista dell’unico titolo conquistato dallo Zugo nella stagione 1997/98 con dei playoff semplicemente mostruosi

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report