BREAKING NEWS
Coronavirus, altre 10 vittime in Ticino
Keystone (foto d'archivio)
HCL
20.03.19 - 07:000
Aggiornamento : 23:51

Roland Habisreutinger e il carro dei perdenti

Non confermato Ireland, a Lugano si sta ora valutando la posizione del ds. In molti chiedono la sua testa, dimenticando però che ha (anche) portato ottimi risultati

LUGANO - "Repulisti". Il giorno dopo la fine di una stagione deludente, i tifosi del Lugano in coro hanno chiesto a Vicky Mantegazza, presidente amata e contestata, di fare pulizia. Di tagliare nettamente ogni legame con un passato, quello recentissimo, poco soddisfacente. È stata chiesta la testa di Greg Ireland e anche quella di Roland Habisreutinger. Pure lo spogliatoio è stato preso di mira, con Max Lapierre e Jani Lajunen additati come grandi colpevoli per i mancati risultati.

Il coach ha già terminato i suoi giorni bianconeri. Il prossimo nella lista dei "valutati" sarà il ds. È giusto che conservi il suo posto?
Lui stesso, a caldo, aveva ammesso di sentirsi in discussione con un laconico: «Penso sia logico che i tifosi se la prendano con me, visto che la squadra l'ho costruita io».

Squadra modesta, quindi via chi ha mosso i fili? Giusto, ma forse andrebbe fatta un'analisi un po' meno superficiale.
Habisreutinger è sul ponte di comando (sportivo) a Lugano dalla stagione 2009/2010. Dai primi sei anni, pur potendo contare su budget importanti, ha spremuto appena cinque eliminazioni al primo turno dei playoff e una grigissima apparizione nei playout. Forse era al termine di una di quelle campagne che, stretta la mano, gli si sarebbe dovuto dare il benservito. Salvato nel periodo buio della sua gestione, Roland ha invece disegnato i bianconeri del triennio 2016-2018, quelli capaci di centrare due finali (quella persa con il Berna nel 2016 e con lo Zurigo nel 2018) e quelli superati ancora dagli Orsi nella semi del 2017. A questo bottino si devono poi aggiungere, per gradire, un paio di finali di Spengler. Quanti ds hanno fatto meglio nel periodo considerato? Pochini. Dopo tali numeri ad Habi avrebbero dovuto fare solo grandi complimenti. Non è successo.

Si arriva all'ultima recita. Squadra troppo incostante, poco determinata, poco convincente e... eliminata in un playoff acciuffato per il rotto della cuffia. Al direttore sportivo si rimprovera la poca competitività della rosa e, rieccoci, i nuovi contratti (biennali) offerti ai poco efficienti Lapierre e Lajunen. Tutto giusto. Tutto vero. Come è tuttavia vero che in molti, vista la mala parata, si sono affrettati a scendere dal carro (divenuto dei perdenti) sul quale erano altrettanto frettolosamente saliti l'anno passato, quando la primavera cullava dolci sogni. Critiche per i rinnovi? Facile farlo ora. Al momento delle firme in pochi non hanno esultato e applaudito. E poi, che colpa ha il ds se canadese e finlandese non hanno prodotto quanto sperato?

Altro punto controverso riguarda la mancata tempestiva sostituzione del partente Merzlikins. Non si poteva ingaggiare per tempo uno svizzero? Di trattative ne sono state fatte, i matrimoni però si fanno in due...

Negli anni Habisreutinger ha di certo commesso errori (vedi, tra gli altri, la lunga gita in Alaska), ha di sicuro avuto - come tutti - giornate o periodi infelici. È in più un dirigente, un uomo, dai modi spicci, che non fa nulla per apparire simpatico. Premettendo che, tranne qualche clown o comico, sono in pochi quelli che prendono lo stipendio per raccontar barzellette; è giusto sottolineare che è però anche stato l'artefice di un Lugano a lungo competitivo. "Dimenticarsi" di ciò sarebbe disonesto. Rimarrà padrone di casa alla Cornèr Arena? Al momento - per poco - non è dato saperlo. Se sarà rimpiazzato, sarà in ogni caso corretto riconoscergli i giusti meriti. Se invece sarà confermato, sarà giusto sostenerlo, nella speranza che metta insieme un gruppo più competitivo di quello visto negli ultimi mesi.

HOCKEY: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
LAS VEGAS
2 ore
Scatti sexy nei giorni del coronavirus: valanga di insulti
La canadese ha interpretato in maniera bizzarra il concetto del “social distancing”.
HCAP
13 ore
«Ad Ambrì, con Cereda, solo perché sono molto veloce»
Il 38enne si gode il presente, guardando al futuro senza paura: «Due anni fa ero pronto a chiudere, ero sereno».
HCAP
16 ore
Ancora Ambrì per Ngoy
Il 38enne rimarrà alla Valascia almeno per un altro anno
SERIE A
17 ore
«Per mettere tutti in quarantena è stato necessario che fosse positivo uno della Juve»
L'attaccante dell'Inter Romelu Lukaku, in una diretta su Instagram, è tornato sulla sospensione del campionato
NATIONAL LEAGUE
23 ore
Il calvario di Grassi: «Mi sono operato di nuovo. Covid-19? A Berna ora c'è consapevolezza»
SI vocifera che l'attaccante degli Orsi potrebbe tornare ad Ambrì: «Futuro? Vedremo con il tempo»
CANTONE
1 gior
«Abbiamo evitato un vero disastro»
Tamponi, squadre blindate e isolamento ad Abu Dhabi: la testimonianza di Mauro Gianetti, dirigente della Uae Emirates.
NHL
1 gior
«Grazie a Josi possiamo distribuire 80'000 pasti»
Il difensore rossocrociato ha fatto una donazione a "Second Harvest"
NORWICH
1 gior
Timm Klose gongola con Pornhub
Bloccato in quarantena a Norwich, il 31enne ha deciso di dare un'occhiata al noto sito pornografico
MOTOMONDIALE
1 gior
Rossi e il coronavirus, ora è tutto in bilico
La pandemia ha forse messo il punto sulla carriera del pilota italiano.
NATIONAL LEAGUE
1 gior
Incognita Covid-19: «Giocatori pronti a firmare per cifre un po' più basse»
Finita bruscamente la stagione, si guarda al futuro con cautela: «Studiamo le opzioni per la prossima preparazione»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile