TiPress
+ 1
HCAP
18.03.19 - 14:390
Aggiornamento : 16:40

Ambrì, tanto cuore e carattere: la serie è viva

Alla fine gli sforzi dei biancoblù sono stati ripagati. Sfatato il tabù Bienne e rimasti nella serie (1-3), domani gli uomini di Cereda dovranno cercare un colpaccio alla Tissot Arena

AMBRÌ - Grinta, energia pura, tantissima determinazione: alla fine gli sforzi dell'Ambrì sono stati ripagati. I biancoblù, già vicinissimi al Bienne in gara-2 e gara-3 - finite però con un amaro e doloroso ko -, hanno cancellato il primo match point ai Seelanders vincendo alla Valascia il cruciale quarto round. Il successo, meritatissimo, permette agli uomini di Cereda di rimanere nella serie (1-3) e tornare domani alla Tissot Arena per gara-5.

La tanto attesa vittoria nei playoff - mancava dal lontano 2006 -, può essere un nuovo punto di partenza per la truppa biancoblù, che sabato non ha sbandato dopo il gol in entrata di Riat. Acciuffati gli ospiti grazie a Zwerger, i leventinesi - capaci di resistere alle numerose inferiorità numeriche - hanno fatto la differenza grazie alla cannonata di Fora in powerplay al 53' (2-1).

Sfatato il tabù Bienne - battuto per la prima volta in stagione all'ottavo tentativo - e rimasto in vita nella serie, ora l'Ambrì dovrà cercare un vero colpaccio esterno. Con un po' più di disciplina e la consueta intensità (niente segreti, solo tanto lavoro), la squadra di Cereda ha dimostrato di poter incrinare le certezze dei solidi Seelanders: ingaggio d'inizio domani alle 20.

Guarda tutte le 5 immagini
Commenti
 
pedrito-el-drito 4 mesi fa su tio
calma, gesso, e forza Ambrì!!!!!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Sport
NATIONAL LEAGUE
6 ore

«A Davos dopo una stagione frustrante, ma con l'Ambrì mi sono lasciato bene»

Lorenz Kienzle riparte dai grigionesi: «Wohlwend mi ha voluto a Davos, sa cosa aspettarsi da me. Famiglia? Resta in Ticino, farò avanti e indietro insieme al mio cane»

SUPER LEAGUE
9 ore

L'ultimo arrivato è carico: «Lugano? Ho trovato una mentalità vincente»

Filip Holender si è espresso in merito al suo esordio con i bianconeri: «Il mio motto è dare il massimo per il club»

TENNIS
12 ore

Va al bar a vedere Federer-Djokovic, ora rischia il carcere

Ai domiciliari per una condanna di quattro mesi, il 58enne si è recato al bar per gustarsi il quinto set della finale: «Ho fatto una stupidaggine»

SAN PAOLO
15 ore

Cafu sommerso dai debiti: già perse cinque proprietà

«È un mio problema personale», le parole dell'ex capitano del Brasile. Pignorate altre 15 proprietà

TENNIS - LE CIFRE
18 ore

Novak & Roger: Titani-show tra feste e occasioni perse

Djokovic è il numero uno al mondo. Federer è, probabilmente, il migliore di sempre

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report