KEYSTONE/KPINL KPAPA KPPA (ALEXANDRA WEY)
+15
HCAP/HCL
11.03.19 - 12:490
Aggiornamento : 19:46

Magre figure per Ambrì e Lugano, invenzioni e reazioni cercansi

In gara-1 dei quarti le ticinesi non hanno saputo lasciare il segno. Per non perdere contatto rispettivamente contro Bienne e Zugo, biancoblù e bianconeri sono già chiamati alla svolta

AMBRÌ/LUGANO - Musi lunghi per le ticinesi, uscite scornate dal primo giro di giostra nei playoff. E le sconfitte subite non sono l'“evento” peggiore: è il modo in cui sono arrivate, nette ben oltre il risultato, che deve far davvero preoccupare i tifosi.

L'Ambrì è caduto 3-1 a Bienne. Può capitare, certo. Se si va oltre al punteggio, se si analizzano la prestazione e il contesto, ecco però che il quadro, per i biancoblù, si aggrava.

Quello di sabato sera è stato l'undicesimo colpo da ko rimediato dai leventinesi nelle ultime dodici sfide ai bernesi. I numeri non dicono tutto, è vero; quando sono così schiaccianti raccontano però per forza di cose una piccola verità. In questo caso sottolineano come la truppa di coach Törmänen sia semplicemente “ingiocabile” per i ticinesi. Evidenziano come, con le sue qualità e il suo modo di giocare, sia vaccinata all'hockey proposto da Luca Cereda. Questo si è visto pure alla Tissot Arena, dove raramente l'Ambrì è sembrato in grado di potersela giocare alla pari. Il risultato finale è anzi stato forse benevolo con i sopracenerini: senza un Conz molto, molto, attento...

Considerazioni molto simili si possono fare per il Lugano, caduto “solo” 2-3 più per le pecche dello Zugo che per i suoi reali meriti. I bianconeri sanno dare il massimo quando la posta in palio è alta. La loro mentalità da playoff non si è in ogni caso vista alla Bossard Arena, dove i Tori hanno a lungo fatto il bello e il cattivo tempo. I punti di Morini, per il momentaneo 1-2, e Loeffel, per la speranza degli ultimi minuti, hanno dato l'impressione di vicinanza tra le due contendenti. Non è stato così: se i padroni di casa non avessero gettato alle ortiche almeno 4-5 occasionissime, il risultato sarebbe stato presto blindato. È dunque bene che Chiesa e soci - come d'altronde i cugini - non si crogiolino troppo davanti a numeri non del tutto negativi. Potrebbero pagarla a caro prezzo.

HOCKEY: Risultati e classifiche

KEYSTONE/KPINL KPAPA KPPA (ALEXANDRA WEY)
Guarda tutte le 19 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
dino 1 anno fa su tio
In più , Bienne e Zugo , non sono squadrette
dino 1 anno fa su tio
Da un lato potrebbe aver ragione il giornalaio ma sono d’accordo con quanto scritto nei commenti anche guardando che la prima era in trasferta!
magimi63 1 anno fa su tio
il "giornalaio" che ha scritto l'articolo a mio modo di vedere non capisce niente di Hockey e neppure delle varie dinamiche che si creano nei playoff. Entrambe le Ticinesi non hanno vinto ma hanno cercato di mettere in pista una tattica per vincere. Purtroppo senza riuscirci! Lo Zugo ha dominato il Lugano nel possesso del disco ma non nelle occasioni. Ne ha avute di più ma anche il Lugano avrebbe potuto far male con un po' più di incisività e fortuna. Avere sempre il disco ma rimanere a girare come trottole lungo la balaustra non serve a molto. Per l'Ambri stesso discorso. I primi minuti Bienne imprendibile e sempre in possesso del disco, ma tiri in porta niente o quasi. Le possibilità di Lugano e Ambri di passare il turno passano da un attenta difesa, sacrificio su tutti i dischi e colpire nei momenti giusti degli incontri. Il "grande dominio" di Zugo e Bienne si è tradotto solo in tre reti e non in dieci! Negli ultimi tre minuti di Zugo il Lugano ha anche avuto la possibilità concreta di pareggiare schiacciando lo Zugo nel suo terzo. Quindi prima di parlare di magre figure, di squadre scornate, si dovrebbe analizzare meglio le partite. Non è necessario scrivere un articolo tanto per scriverlo.
pedrito-el-drito 1 anno fa su tio
@magimi63 approvo al cento per cento, e aggiungo: gol del Bienne a porta vuota....quindi...
sergejville 1 anno fa su tio
@magimi63 d'accordo al 100%.
sergejville 1 anno fa su tio
@magimi63 senza contare che l'episodio Senteler poteva cambiare le dinamiche della partita. E la perdita di Linus, al 21' ha non poco influito, sulla partita: vedi cambio linee, assenza di uno straniero ecc. Però, GREG (Ireland), per favore, sfrutta maggiormente il Fazz!!!
BarryMc 1 anno fa su tio
@magimi63 Concordo! Bravo!!
GI 1 anno fa su tio
.....due squadre sconfitte 3-2 e 3-1.....sarebbe una "magra figura"....??
Potrebbe interessarti anche
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
SUPER LEAGUE
4 ore
L'YB non è granché ma Yao...
Le due autoreti del difensore hanno rovinato i piani dei bianconeri, mai realmente in difficoltà contro i bernesi.
SERIE A
12 ore
Ringhio ringhia ancora
Pesante successo per i partenopei, che hanno agganciato i giallorossi al quinto posto della classifica.
FORMULA 1
15 ore
«Felice di essermi girato solo una volta»
Pessimo esordio stagionale per il tedesco della Ferrari.
SUPER LEAGUE
18 ore
Due autogol di Yao affossano il Lugano
Due sfortunate autoreti dell'ivoriano condannano i bianconeri, battuti 3-0 dall'YB
FORMULA 1
19 ore
Bottas padrone, Leclerc super: Hamilton giù dal podio
Il finlandese trionfa nel primo GP. Hamilton, penalizzato, scivola al quarto posto. Ottimo Norris, Red Bull ko
TENNIS
20 ore
Golubic, finale amara: Swiatek trionfa a Montreux
Nell'atto conclusivo la polacca si è imposta con un netto 6-2, 6-2
SIENA
1 gior
«Il casco era a pezzi, Zanardi è vivo grazie alla moglie»
Luigi Mastroianni, primo medico intervenuto per soccorrere il campione: «Daniela bravissima nonostante lo shock»
FORMULA 1
1 gior
Vettel, buio pesto: «Non sono contento della macchina»
La Ferrari ha deluso nelle qualifiche. Seb scatterà undicesimo, Leclerc settimo: «Difficile fare miracoli»
SERIE A
1 gior
Tris Milan, la Lazio s'inchina e scivola a -7 dalla Juve
I biancocelesti di Simone Inzaghi crollano all'Olimpico: a segno Calhanoglu, Ibrahimovic e Rebic
PODGORICA
1 gior
Covid-19, aumentano i casi: stop al campionato
La Federcalcio montenegrina ha preso questa decisione in attesa di vedere gli sviluppi della situazione
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile