KEYSTONE/KPINL KPAPA KPPA (PABLO GIANINAZZI)
+ 13
NATIONAL LEAGUE
07.03.19 - 10:000
Aggiornamento : 22:40

Kläy prova a spaventare il Lugano: «Zugo in calo? No, le motivazioni erano solo diminuite»

Il ds dello Zugo ha spiegato la flessione patita dai Tori delle ultime settimane: «Sappiamo dove vogliamo arrivare. Felici per l'accoppiamento con il Lugano»

ZUGO - Nei quarti dei playoff lo Zugo, secondo della regular season, sfiderà il Lugano, settimo. Pensando solo a questo, l'incrocio dovrebbe far dormire sonni tranquilli dalle parti della Bossard Arena. Il piazzamento in classifica non dice però che da tempo Martschini e soci sono poco brillanti e che, soprattutto, i bianconeri hanno vinto le ultime tre (di sette) sfide stagionali.

«Siamo felici per l'accoppiamento con il Lugano - ha raccontato Reto Kläy, direttore sportivo dei Tori - ci aspetta una grande serie, una battaglia che si preannuncia molto interessante».

E che lo Zugo forse non è pronto ad affrontare: nelle ultime settimane è parso in calo.
«Il nostro problema è che ci siamo qualificati troppo presto. Una volta avuta la certezza dei playoff, in qualcuna delle sfide affrontate i ragazzi non hanno spinto al massimo, e così sono arrivati dei risultati negativi. Nulla di preoccupante».

C'era però ancora in palio il successo nella regular season. Non era un obiettivo?
«Sì certo, ma non fondamentale come la presenza nei playoff. Non sto dicendo che non ci abbiamo neppure provato, solo che le motivazioni sono un po' diminuite. Ma in fondo è qualcosa di normale: se non devi lottare per la vita, può capitare che tu non dia tutto. Ci è successo questo».

Il vero Zugo è dunque quello che abbiamo ammirato fino a metà gennaio?
«Sì, certo. O almeno questa è la speranza. Sappiamo quali sono le nostre qualità e possibilità e sappiamo anche dove vogliamo arrivare. Poi nei playoff, sapete come funziona, tutto ricomincia da zero».

In passato, dopo ottime regular season, con la primavera i Tori si sono spesso impantanati. Si è a lungo parlato di problema mentale. Della squadra come di qualche singolo...
«È vero, è inutile negarlo. Tranne due stagioni fa, quando raggiungemmo la finale, negli ultimi anni siamo raramente riusciti a confermare in post season quanto fatto da settembre a febbraio-marzo. Quanto capitato è però stato analizzato con attenzione. Abbiamo studiato e lavorato nella speranza di migliorare. Vogliamo imparare dai nostri errori. In generale ci siamo preparati per riuscire a farci trovare pronti nei vari "momenti" che si verificano in una partita, in una serie, e che possono essere determinanti in un senso o nell'altro. Riuscire a sfruttare l'entusiasmo o essere in grado di reagire alle difficoltà: questo fa la differenza».

KEYSTONE/KPINL KPAPA KPPA (PABLO GIANINAZZI)
Guarda tutte le 19 immagini
Commenti
 
sergejville 2 mesi fa su tio
Penso che le parole di Kläy non facciano una piega. L'EVZ ha dimostrato col Berna di essere la miglior squadra svizzera. Gli stranieri hanno subìto parecchi infortuni (cmq 6 in Rosa...) e anche Stephan per 7-8 partite. Ma con gli elementi svizzeri son stati davvero fortunati: praticamente 0 infortuni seri.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Sport
LIGA
59 min

Sergio Ramos può lasciare il Real, CR7 lo vuole alla Juve

Il difensore centrale dei Blancos starebbe pensando di cambiare aria dopo la lite col presidente Florentino Perez. Sono diverse le big interessate

NAZIONALE
9 ore

Svizzera già certa di disputare le Olimpiadi

La selezione rossocrociata, grazie ai risultati ottenuti ai Mondiali in Slovacchia, ha già strappato il pass per la kermesse a 5 cerchi del 2022

CICLISMO
11 ore

«Doping? Non era legale, ma non cambierei nulla»

Lance Armstrong, vincitore di 7 Tour de France (poi revocati): «Abbiamo fatto quello che dovevamo per vincere. Molti errori hanno portato al più grande scandalo nella storia dello sport»

TENNIS
14 ore

La rottura con la Vekic? Stan se la ride: «Ci sono stati molti cambi durante la mia carriera»

Wawrinka ha svicolato davanti alle domande riguardanti l'addio a Donna Vekic: «Non è solo la mia vita privata ad influenzare il mio tennis e quel che succede sul campo»

SUPER LEAGUE
17 ore

Lugano, cuore a Cornaredo, testa a Berna? «Il rischio è quello di non giocare la partita»

Fabio Celestini ha messo in guardia i suoi in vista della sfida al GC: «Comprensibile un 10% di distrazione: se arrivassimo ad avere il 50% di testa qui e l'altro al Lucerna non andrebbe bene»

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report