Keystone
NATIONAL LEAGUE
21.01.19 - 07:010
Aggiornamento : 15:36

Ambrì, sciupata una ghiotta opportunità. Il Lugano non cambia passo

Alti e bassi, acuti e passi falsi, un successo interno prima di una trasferta indigesta: il fine settimana ha portato 3 punti nelle “casse” di biancoblù e bianconeri. Domani si torna già in pista

AMBRÌ/LUGANO - Solido e a tratti perfetto col Losanna, domato con un meritato e secco 3-0 alla Valascia (terzo shutout per Conz), l'Ambrì esce dal weekend con l'amaro in bocca e diversi rimpianti per la brutta caduta sul ghiaccio del Rapperswil, che arrivava da una serie nera di 10 sconfitte consecutive. Incisivi e determinati venerdì contro i vodesi, solo 24 ore dopo contro la Cenerentola Rappi i biancoblù hanno cambiato volto e, nonostante i 49 tiri, hanno steccato pagando a caro prezzo la pessima entrata in materia. Sotto 3-0 alla prima pausa, i leventinesi hanno gettato nella mischia Manzato dal secondo periodo e tentato di reagire, ma le reti di Zwerger e D’Agostini (3-2) non sono bastate. La rimonta non si è concretizzata ed così è sfumata la ghiotta chance di fare un bel balzo in classifica, dove l'Ambrì si trova al settimo posto con 55 punti, +5 sul Friborgo (nono).

Un peccato per la truppa di Cereda, che però sin qui, dopo uno scivolone, ha sempre saputo reagire e trarre i giusti insegnamenti. Non resta che rimboccarsi le maniche, capire cosa non ha funzionato e ripartire con la giusta ferocia: domani alla Valascia arriva il Davos.

Stesso esito, 3 punti, ma differente il weekend del Lugano, che venerdì ha battuto senza brillare il Friborgo, mentre sabato ha battagliato col Berna finendo però ko. La squadra di Ireland ci ha provato, ha giocato con intensità ma, complice anche un super Genoni, non ha trovato la via del gol ed è stata castigata dagli Orsi, che hanno sbloccato il punteggio al 35' e trovato l’allungo in avvio di terzo tempo. Nella Capitale il Lugano non ha giocato male, ma si è dimostrato poco efficace. Al di là di alcuni guizzi dei singoli (come Hofmann) in generale manca il cosiddetto killer instinct, mancano freddezza ed incisività che arrivati a questo punto della stagione sono aspetti fondamentali.

Decimi a -5 dalla riga, ai bianconeri servono risultati concreti. Serve una serie positiva per rientrare nella top-8. A Berna si è visto un gruppo unito e pronto a lottare, questa attitudine deve sempre esserci. Domani un nuovo test che mette in palio punti davvero pesantissimi: il Lugano è atteso a Bienne.

Commenti
 
sergejville 6 mesi fa su tio
il Lugano per due tempi ha giocato bene col friborgo. ma ha sciupato troppo sotto porta. Il 1.o t. di venerdì poteva (doveva?)finire 2-0 invece... 0-1. mancano le reti di bürgler, lajunen ma anche quelle di lapierre (ven. assente) e klasen. A Berna un ottimo Lugano, punito troppo severamente. Recuperare 2-0 nel 3.o t. era difficilissimo, contro un berna forte e traqnuillo e....riposato (niente partita la sera prima!). Il killer instinct è mancato a tutti, anche ad Hofmann che ha avuto delle ghiotte opportunità. I bianconeri son tornati a mani vuote e ci dovranno riprovare martedì a Bienne.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Sport
UN DISCO PER L'ESTATE
7 min

Steve, il guerriero dalle ginocchia di cristallo

Hirschi è stato per 14 stagioni una bandiera e un simbolo del club bianconero. Esempio di dedizione e abnegazione, neppure i suoi problemi fisici lo hanno fermato

CHAMPIONS LEAGUE
8 ore

Basilea che peccato: i renani sognano, ma cadono nel finale

La formazione elvetica è stata sconfitta 3-2 in trasferta dal PSV, ma all'89' vinceva 2-1. Nello stesso tempo sorridono anche l'APOEL di Tramezzani e Mihajlovic, così come la Dinamo di Gavranovic

LIGUE 1
10 ore

La follia del PSG: i francesi sono pronti a offrire 50 milioni all'anno a Mbappé

La formazione francese è disposta a coprire d'oro il giovane talento transalpino con il rinnovo del contratto

SWISS LEAGUE
13 ore

«Bartko? Buon pattinaggio e visione di gioco: sarà importante anche in powerplay»

Hnat Domenichelli, GM del Lugano, ha commentato l’arrivo di Jan Bartko, difensore ceco che rinforzerà i Rockets: «Avrà un ruolo di primo piano, è un giovane ambizioso»

NATIONAL LEAGUE
16 ore

Kevin Romy si ritira: «Troppi infortuni, chiudo questo capitolo della mia vita»

L'attaccante 34enne, nonostante un contratto ancora valido per le prossime due stagioni, appende i pattini al chiodo: «Decisione molto difficile, ma...»

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile