L'OSPITE - STEFANO TOGNI
15.01.19 - 20:020
Aggiornamento : 16.01.19 - 13:38

«Del Curto? Da padre-padrone a semplice... head-coach»

Stefano Togni si è espresso in merito alla decisione dell'ex allenatore del Davos di trasferirsi ai Lions: «Sono curioso di vedere se riuscirà a lasciare la sua impronta»

LUGANO - Nella giornata di ieri - lunedì 14 gennaio - lo Zurigo ha piazzato il colpo Arno Del Curto. L'head-coach 62enne ha così preso il posto di Serge Aubin e resterà sulla panchina dei Lions fino al termine del corrente campionato. «Del Curto è un personaggio che sorprende sempre e se ha firmato solo per qualche mese avrà sicuramente le sue buone ragioni», è intervenuto l'ex attaccante di Lugano e Ambrì degli anni '90 Stefano Togni. «Sono curioso di vedere se riuscirà a lasciare la sua impronta».

Dopo 22 anni trascorsi a Davos, non pensi che possa forse temere l'impatto che potrebbe riservargli una grande società? «Bisogna dire che conosce già molto bene la realtà zurighese, visto che ha mosso i suoi primi passi nella massima serie svizzera proprio all'Hallenstadion. Ciò nonostante a Davos era effettivamente una sorta di padre-padrone dove aveva carta bianca per ogni tipo di decisione, mentre a Zurigo la tipologia del club è diversa e ogni ruolo è ben definito. Rispetto al passato, in questi quattro mesi, Arno si occuperà "soltanto"di fare l'allenatore e ovviamente avrà bisogno di un po' di tempo per abituarsi a questo ruolo. Dovrà cambiare anche lui un po' il suo atteggiamento, visto che il potere decisionale sarà distribuito in maniera equilibrata fra i vari interpreti».

Ultimamente Aubin aveva centrato dei buoni risultati. Come giudichi questa scelta? «Non so cosa ci sia dietro, ma una cosa è sicura: Del Curto è sempre stato un personaggio appetibile per tanti club e in molti farebbero carte false per lui. I Lions hanno già un roster formidabile, attrezzato per vincere e ora - con Arno - possiedono anche uno dei migliori allenatori in circolazione. È vero che Aubin era reduce da qualche buona prestazione, però penso che questa decisione fosse in cantiere già da diverso tempo». 

E a fine stagione Arno potrebbe anche approdare a Lugano... «Sicuramente a partire dall'anno prossimo Del Curto vorrà firmare un contratto più lungo e con più mansioni. Lasciamoci sorprendere anche se non nego che mi stuzzica proprio sapere cosa farà nella prossima stagione».

Commenti
 
Max Negri 9 mesi fa su fb
Arno ha dimostrato di che pasta è fatto! E a Lugano non ci va... Rockets ??
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Sport
HCL
2 ore
Ohtamaa verso la KHL, spalle coperte con Postma: «Avanti con 4 stranieri»
Col finnico in partenza (contratto in scadenza il 3 novembre), i bianconeri hanno annunciato l'arrivo in prova del canadese. Domenichelli: «Paul è un difensore molto valido, il mio compito...»
NATIONAL LEAGUE
5 ore
«Pestoni? A volte decisivo ma si prendeva delle pause»
Alex Chatelain dentro la crisi del Berna: «Un avvio del genere ci ha lasciato spaesati. Jalonen rinnovato per rinforzare la sua posizione? Può anche essere. Monitoriamo Gaëtan Haas»
HCL
8 ore
Nuovo straniero a Lugano? C'è Paul Postma
Il 30enne difensore canadese si allenerà da mercoledì agli ordini di Sami Kapanen
HCAP
11 ore
Guai a fidarsi dell'Orso ferito
Il Berna sta vivendo una stagione complicata. Rimane però pericolosissimo. L'Ambrì deve prestare attenzione
NATIONAL LEAGUE
20 ore
Tanto tuonò che piovve: squalifica per Künzle
Reo di aver colpito e affondato Sabolic, il 25enne attaccante del Bienne è stato "richiamato" dalla Commissione disciplinare: aperta una procedura a suo carico
MOTOGP/FORMULA1
20 ore
Rossi-Hamilton, scambio di bolidi? «Ci stiamo lavorando»
Il Dottore sulla Mercedes AMG F1 e Lewis in sella alla Yamaha M1: in dicembre "l'incrocio" dovrebbe concretizzarsi
HCAP
23 ore
L'Ambrì perde Sabolic per 6-8 settimane
L'attaccante sloveno, toccato duro da Mike Künzle nel match di Coppa giocato a Bienne, ha subito un infortunio ai legamenti del ginocchio destro
HCL - L'ANALISI
1 gior
Lugano: Coppa amara, ma...
Ancora una volta gli ottavi di finale di Coppa rappresentano il capolinea per il Lugano. Ma in campionato...
SUPER LEAGUE
1 gior
Un pareggio senza infamia e senza lode
Per capire se la vittoria di Sion, ottenuta prima della pausa, ha rilanciato i bianconeri bisognerà attendere i prossimi impegni. Ieri il pesante campo di Cornaredo ha condizionato la partita
HCL
1 gior
Lugano, via Spooner: «Equilibrio soddisfacente senza di lui»
Hnat Domenichelli, GM bianconero: «Ryan si è sempre comportato in modo serio e professionale. Non ci sembrava giusto bloccare la sua carriera, gli auguriamo buona fortuna»
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile