L'OSPITE - STEFANO TOGNI
15.01.19 - 20:020
Aggiornamento : 16.01.19 - 13:38

«Del Curto? Da padre-padrone a semplice... head-coach»

Stefano Togni si è espresso in merito alla decisione dell'ex allenatore del Davos di trasferirsi ai Lions: «Sono curioso di vedere se riuscirà a lasciare la sua impronta»

LUGANO - Nella giornata di ieri - lunedì 14 gennaio - lo Zurigo ha piazzato il colpo Arno Del Curto. L'head-coach 62enne ha così preso il posto di Serge Aubin e resterà sulla panchina dei Lions fino al termine del corrente campionato. «Del Curto è un personaggio che sorprende sempre e se ha firmato solo per qualche mese avrà sicuramente le sue buone ragioni», è intervenuto l'ex attaccante di Lugano e Ambrì degli anni '90 Stefano Togni. «Sono curioso di vedere se riuscirà a lasciare la sua impronta».

Dopo 22 anni trascorsi a Davos, non pensi che possa forse temere l'impatto che potrebbe riservargli una grande società? «Bisogna dire che conosce già molto bene la realtà zurighese, visto che ha mosso i suoi primi passi nella massima serie svizzera proprio all'Hallenstadion. Ciò nonostante a Davos era effettivamente una sorta di padre-padrone dove aveva carta bianca per ogni tipo di decisione, mentre a Zurigo la tipologia del club è diversa e ogni ruolo è ben definito. Rispetto al passato, in questi quattro mesi, Arno si occuperà "soltanto"di fare l'allenatore e ovviamente avrà bisogno di un po' di tempo per abituarsi a questo ruolo. Dovrà cambiare anche lui un po' il suo atteggiamento, visto che il potere decisionale sarà distribuito in maniera equilibrata fra i vari interpreti».

Ultimamente Aubin aveva centrato dei buoni risultati. Come giudichi questa scelta? «Non so cosa ci sia dietro, ma una cosa è sicura: Del Curto è sempre stato un personaggio appetibile per tanti club e in molti farebbero carte false per lui. I Lions hanno già un roster formidabile, attrezzato per vincere e ora - con Arno - possiedono anche uno dei migliori allenatori in circolazione. È vero che Aubin era reduce da qualche buona prestazione, però penso che questa decisione fosse in cantiere già da diverso tempo». 

E a fine stagione Arno potrebbe anche approdare a Lugano... «Sicuramente a partire dall'anno prossimo Del Curto vorrà firmare un contratto più lungo e con più mansioni. Lasciamoci sorprendere anche se non nego che mi stuzzica proprio sapere cosa farà nella prossima stagione».

Commenti
 
Max Negri 7 mesi fa su fb
Arno ha dimostrato di che pasta è fatto! E a Lugano non ci va... Rockets ??
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Sport
HCL
6 ore

Spooner subito a segno: il Lugano piega il Barys

Successo convincente dei bianconeri di Kapanen, che alla Cornèr Arena hanno superato 7-3 i kazaki

SERIE A
7 ore

Sarri non guiderà la Juve contro Parma e Napoli

Il mister, costretto a fare i conti con una polmonite, non siederà in panchina in occasione delle prime due giornate di campionato

TENNIS
8 ore

US Open: Federer con Wawrinka e Djokovic

King Roger, che inizierà contro un qualificato, è stato sorteggiato nella parte alta insieme al vodese e Nole. Negli ottavi possibile duello tra Stan e Djokovic. Sfide intriganti in campo femminile

BELLINZONA
11 ore

ACB-Team Ticino, si va in Pretura. E Renzetti sbotta

L'assemblea dello scorso luglio è stata regolare? Non secondo il Bellinzona, che si troverà con l'Associazione Team Ticino davanti al pretore. Contestato il ruolo di Novoselskiy

NATIONAL LEAGUE
12 ore

4'000'000 (quasi) per Berra, bruciato anche il Lugano

Alla corsa al 32enne portiere hanno partecipato pure i bianconeri. Steinegger: «Alla fine eravamo rimasti noi e il Friborgo. Ora uno straniero? Molto meglio uno svizzero. Magari Joel Daccord»

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile