Keystone
NATIONAL LEAGUE
14.01.19 - 14:560
Aggiornamento : 18:04

Del Curto: lo Zurigo ha beffato (ancora) il Lugano?

Il 62enne ha firmato con i Lions fino al termine della stagione. E poi che cosa farà?

ZURIGO - Dopo aver perso la finalissima dei playoff contro lo Zurigo - al termine della scorsa stagione (la serie era terminata 4-3) - il Lugano è stato apparentemente battuto ancora una volta dai Lions. Non si è però trattata di una partita, bensì della caccia all'allenatore più amato e titolato di National League: Arno Del Curto.

Il 62enne è sempre stato il sogno proibito di un po' tutte le squadre e anche la stessa numero uno del Lugano, Vicky Mantegazza, non ha mai nascosto in passato una certa ammirazione nei suoi confronti. Da parte sua anche l'ex tecnico del Davos ha sempre ribadito che l'idea di allenare un giorno dalle parti della Cornèr Arena lo avrebbe intrigato.

Negli ultimi tempi però - con la squadra in evidente difficoltà e con Arno sul mercato - i vertici societari bianconeri hanno deciso di rinnovare la fiducia all'attuale head-coach Greg Ireland (che non ha comunque prolungato il suo contratto per la stagione 2019/2020). E Del Curto se n'è quindi andato all'Hallenstadion. Ma come mai soltanto fino al termine della corrente stagione? Questo lo scopriremo soltanto in primavera.

La vittoria - sofferta - di Rapperswil di sabato ha così apparentemente salvato per l'ennesima volta Ireland. Dal canto suo Serge Aubin non ha avuto la stessa fortuna del collega "ticinese", al quale non sono bastate le cinque vittorie ottenute nelle ultime sette uscite di campionato per restare seduto sulla panchina zurighese.

Commenti
 
BarryMc 8 mesi fa su tio
A Zurigo non rischia nulla. La squadra è potenzialmente pronta a vincere il campionato. Era già una grande squadra l'anno passato, quest'anno è ancora più forte, anche se finora a deluso. Se riesce a dare la scossa, bene, lo ZSC diventerà temibilissimo. In caso contrario, la colpa della stagione fallimentare non sarà di sicuro data a lui che è arrivato in corsa nella parte conclusiva della stessa.
Frankeat 8 mesi fa su tio
@ REDAZIONE: potreste mettere il link all'intervista dove Vicky Mantegazza dice di volere Del Curto a Lugano?
Mat78 8 mesi fa su tio
@Frankeat Piuttosto il contrario, prima di Natale la Vicky ha detto chiaramente che "Del Curto non è l'uomo giusto per il Lugano"... poi che la considerazione sia corretta oppure no è una altro paio di maniche, maha detto esattamente il contrario, almeno di recente...
sergejville 8 mesi fa su tio
Del Curto non interessa al Lugano da almeno 4-5 anni. Quanto lui ha fatto a Davos, con potere illimitato e budget importanti, è irripetibile. Come da lui stesso affermato, a ZH farà solo il coach, anche perché tutti gli altri ruoli son ricoperti e il Club non permette "invasioni" in altri settori. Quindi -che sia ZH, Lugano o BE- Arno non potrà mai avere la libertà avuta negli ultimi 22 anni. Bravissimo allenatore, stratega ed istrione, non dimentichiamo i suoi primi 10 anni, pure istigatore, polemico e causa dell'eccessiva durezza dei suoi uomini più focosi, spinti sempre al limite; non a caso sovente feriti e/o autori di bruttissimi falli.
Evry 8 mesi fa su tio
Certo che con un DS Kultura del Laworo non si va in avanti, si ha paura che qualcuno arrivi a farli le valoigie,.... sarebbe ora
Arrosto72 8 mesi fa su tio
Articolo campato in aria. Del Curto non è mai stata un'opzione per il Lugano. Titolo fuorviante.
skorpio 8 mesi fa su tio
adesso basta mettere zinzania, lasciamoli lavorare !!!!!! già prima di Natale la Vicky aveva detto che Del Curto non sarebbe venuto a Lugano, per cui stop fertig, articolo inutile se non per provocare !!!
Mat78 8 mesi fa su tio
@skorpio Un po' si, hai ragione. Però visto che sono solo 6 mesi di contratto e Ireland non è stato ancora confermato, non si può ancora scartare nessuna ipotesi per l'anno prossimo. Ovviamente per vedere AdC a Lugano, l'assetto societario deve essere rivoluzionato, sia nel personale, sia nei flussi decisionali. Conoscendo le abitudini societarie del Lugano, la vedo comunque dura, anche se non impossibile.
pedrito-el-drito 8 mesi fa su tio
@Mat78 son d'accordo con te.... AdC dovrebbe avere quella libertà di movimento che a Lugano non avrà mai....
Mat78 8 mesi fa su tio
@pedrito-el-drito Esatto, peccato perché a Zurigo la squadra è bella che fatta per vincere il titolo, a Lugano invece dobbiamo ricostruire e quindi uno come lui sarebbe perfetto, ammesso che dopo 22 anni di Davos, in cui ha formato schiere di giovani, abbia ancora voglia di fare quello e non semplicemente di gestire uno squadrone con un solo obbiettivo: vincere.
SSG 8 mesi fa su tio
@pedrito-el-drito così come a Zurigo.
BarryMc 8 mesi fa su tio
@pedrito-el-drito Non l'avrà mai da nessuna altra parte. D'altronde nell'intervista di ieri ha chiaramente affermato che a Davos si è sbagliato ad andare avanti così! Ma poi arrivavano i risultati a mascherare la situazione (Arno dixit)…..
TOP NEWS Sport
TENNIS
8 ore

King Roger trascina il Team Europe

Il campione renano ha vinto il doppio in coppia con Zverev. In precedenza Tsitsipas aveva regalato il momentaneo 2-1 grazie al successo maturato su Fritz

HCAP
9 ore

Ambrì ancora al tappeto, col Ginevra arriva il quarto ko consecutivo

I biancoblù trovano il primo punto della stagione ma vengono superati per 3-2 ai rigori dalle Aquile

NATIONAL LEAGUE
9 ore

I Lions sculacciano il Losanna, il Langnau sorprende lo Zugo

Nello stesso tempo il Bienne ha vinto il derby contro il Berna ai rigori

BUNDESLIGA
12 ore

Choc Da Costa: denuncia sua madre per sei magliette!

Il Tribunale pronuncerà la sua sentenza il prossimo 27 settembre

TENNIS
14 ore

Spettacolo a Ginevra: la sfida è ferma sull'1-1

Jack Sock - vincitore su Fabio Fognini - ha risposto a Dominic Thiem, che in precedenza aveva superato Denis Shapovalov

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile