Shakhtar Donetsk
Vfl Wolfsburg
18:55
 
FC Copenhagen
Istanbul Basaksehir
18:55
 
Keystone
HCAP
02.01.19 - 18:050
Aggiornamento : 03.01.19 - 08:49

L'Ambrì affonda a Zugo: è un inizio di 2019 amaro

Seconda sconfitta di fila per la squadra di Cereda, battuta alla Bossard Arena dalla capolista con il secco risultato di 6-2. Tripletta di uno scatenato Martschini

ZUGO - Prima uscita del 2019 amara per l'Ambrì, sconfitto per la terza volta in stagione dallo Zugo. Alla Bossard Arena i biancoblù - davvero poco ispirati e senza quel furore agonistico che nelle ultime settimane aveva permesso alla formazione sopracenerina di volare - sono usciti battuti con l'indiscutibile risultato di 6-2. 

Per la prima trasferta del nuovo anno Luca Cereda ha spedito in tribuna Bryan Lerg per far spazio a Matt D'Agostini. Non è sceso sul ghiaccio Noele Trisconi (infortunato), al suo posto Dario Rohrbach. 

Nei primi 20' sono stati i padroni di casa a proporre gli argomenti migliori. I ticinesi - raramente pericolosi dalle parti di Stephan - sono stati bravi a resistere in diverse circostanze al sempre pungente powerplay dei Tori. Al 19'05'' i Tori hanno però trovato il primo punto del pomeriggio, grazie a una conclusione di Suri sulla quale vi è stata una deviazione di Lauper ad ingannare un Conz sin lì praticamente perfetto.  

Incapace di pungere in attacco - soltanto 4 i tiri scagliati dall'Ambrì nel primo terzo -, i biancoblù hanno incassato il 2-0 al 26'54'': autore del gol Lino Martschini, protagonista di una bell'azione nel terzo di difesa ospite. Il gol ha per un attimo risvegliato il complesso di Cereda, vicino al 2-1 in due occasioni con Novotny e Kubalik. Ma è stato un fuoco di paglia, visto che nel giro di 65'' - tra il 35'34'' e il 36'39'' - Alatalo e nuovamente lo scatenato Martschini hanno inscenato l'allungo decisivo, "bruciando" in entrambe le circostanze una difesa leventinese statica e incapace di arrestare gli scatenati Tori. A 4'' dalla seconda sirena - dopo l'avvicendamento del portiere con Manzato entrato al posto di Conz - ecco uno squillo biancoblù del solito Kubalik, in doppia superiorità numerica (espulsi Alatalo e Morant). 

Nell'ultimo tempo i ragazzi di Dan Tangnes hanno gestito con ordinaria tranquillità le reti di margine. I leventinesi - tolta un'occasionissima per Elias Bianchi e un palo di Matt D'Agostini - non sono riusciti a ricucire lo strappo. Anzi. Le reti di Zehnder (51') e ancora Martschini (52') non hanno fatto altro che rendere oltremodo negativo l'inizio di 2019 dell'Ambrì. A poco più di 6' dalla sirena finale è infine giunto il gol di Plastino in powerplay. 

L'Ambrì avrà la chance di riscattarsi venerdì in riva al Ceresio in occasione del quinto derby stagionale. 

ZUGO - AMBRÌ 6-2 (1-0, 3-1, 2-1)
Reti: 19'05' Suri (Diaz) 1-0; 26'54'' Martschini (Albrecht) 2-0; 35'34'' Alatalo (Suri, Wideström) 3-0; 36'39'' Martschini (Thiry) 4-0; 39'56'' Kubalik (Plastino, Novotny, 5c3). 51'01'' Zehnder (Diaz) 5-1; 52'02'' Martschini (Suri, McIntyre, 5c4) 6-1; 53'48'' Plastino (D'Agostini, Novotny, 5c4) 6-2. 
Ambrì: Conz; Ngoy, Plastino; Guerra, Fischer, Jelovac, Fora; Kienzle; D'Agostini, Novotny, Hofer; Kubalik, Müller, Zwerger; Bianchi, Kostner, Rohrbach; Lauper, Goi, Kneubühler; Mazzolini. 
Penalità: 4x2' Zugo; 6x2' Ambrì.
Note: Bossard Arena, 7'200 spettatori. Arbitri: Tscherrig, Urban; Fuchs, Schlegel.

Vuoi assistere all'entusiasmante sfida tra SUM e Piranha? I biglietti sono disponibili su Biglietteria.ch.

HOCKEY: Risultati e classifiche

Keystone
Guarda le 4 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
sergejville 1 anno fa su tio
lo Zugo è semplicemente più forte e forse (lo dico da bianconero) l'ambrì si è dimenticato un po' di umiltà e rigore difensivo. Detto ciò, penso che sia stata soltanto una sbandata e che da subito si riprenderà sulla linea (chiara) tracciata dal coach.
F/A-18 1 anno fa su tio
Il problema è che la prossima sarà a Lugano, se l'HCL è ispirato non c'è n'è per nessuno....., fossi un piottino metterei un'altro 0 in cascina, dispiace ma sarà così.
cle72 1 anno fa su tio
@F/A-18 Ahahahah mi spiace ma è andata diversamente!!!!Forza Ambri!!! Ciao luganiga!!!
Tony15 1 anno fa su tio
mgmb Somaro
hcap76 1 anno fa su tio
Ho visto solo il 1 tempo ma sapevo che sarebbe stata dura. Dimenticare in fretta e preparare al meglio la prossima. FORZA !!!
mgmb 1 anno fa su tio
Speriamo che affondi prima di mettere la prima pietra dell'assurdità.
Blobloblo 1 anno fa su tio
@mgmb No n mollare mai!!!
fildefer 1 anno fa su tio
@mgmb Tutta invidia di un tifoso frustrato, che di sport non capisce niente!! È proprio vero il detto “ raglio d’asino non arriva in celo”!!!!!!
Blobloblo 1 anno fa su tio
@mgmb Il solito Bianconero vicino alla squadra solo quando vince!!! Poro Lugan!!! Che tifosi di M!!!!
Bibo 1 anno fa su tio
@fildefer Non è frustrato, è proprio così di suo...che fare se non compatirlo?
VISIO 1 anno fa su tio
Attenti al Fuoco di Paglia colvento in poppa....
Blobloblo 1 anno fa su tio
@VISIO Non mollare mai!!!
cle72 1 anno fa su tio
Che dire, lo Zugo è la nostra bestia nera! Nulla errore di percorso Forza Ambri! Buon anno a tutti.
Potrebbe interessarti anche
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
FORMULA 1
2 ore
Guerra fredda in Ferrari: Vettel ignora Binotto
Intanto è sempre più vicino l’accordo con l’Aston Martin per il 2021.
SUPER LEAGUE
6 ore
«Ora c'è un po' di delusione, ma ci davano già per spacciati»
Simone Rapp affila gli artigli per lo spareggio: «Inutile piangersi addosso: dobbiamo dimostrare di essere più forti».
L’OSPITE - ARNO ROSSINI
10 ore
Eurocrucci e sorprese: i graffi di Conte e il Basilea
Tra grandi favorite e possibili outsider, l’Europa League torna a incantare.
TENNIS
20 ore
Nadal rinuncia agli US Open: «Casi di Covid ovunque, meglio non viaggiare»
La defezione del mancino di Manacor va ad aggiungersi a quella di altri campioni come Roger Federer e Stan Wawrinka
PREMIER LEAGUE
23 ore
Minacce zittite e accuse respinte: che rivincita per l’odiatissimo Granit
Per settimane parso sul piede di partenza, il centrocampista è tornato a essere un punto fermo dei Gunners.
FORMULA 1
1 gior
Calvario Vettel e dubbi su Leclerc: Marko getta benzina sul fuoco
Parole sibilline del dirigente della Red Bull, che punzecchia la Rossa: «Leclerc ha trovato velocità, Seb no...»
ATLETICA
1 gior
Atleti e gare: il Galà dei Castelli è ricco
Nonostante le limitazioni, la kermesse ticinese è pronta a entusiasmare
HCL
1 gior
«Cerchiamo un difensore straniero che abbia una certa spinta offensiva»
Serge Pelletier è carico: «I quattro giovani della rosa? Ci aspettiamo che portino tanto entusiasmo in pista»
SUPER LEAGUE
1 gior
Tramezzani, missione compiuta: il Sion si salva all'ultimo respiro
La formazione vallesana ha espugnato il campo del Servette 2-1. Nello stesso tempo Zurigo-Thun è finita 3-3
HCAP
1 gior
Nättinen, D'Ago & Co: Ambrì in pista con entusiasmo
I biancoblù sono tornati sul ghiaccio agli ordini di coach Cereda
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile