Keystone
NATIONAL LEAGUE
27.11.18 - 19:500
Aggiornamento : 28.11.18 - 09:31

«Del Curto? Un maestro, gli devo molto»

Mauro Jörg si è espresso in merito alla decisione del suo "mentore" di lasciare il Davos

8 mesi fa La parola al maestro Arno: «È stato l'anno di troppo»
8 mesi fa «Del Curto, il mio feroce nemico»
8 mesi fa Lo storico video di Del Curto: «Non dite "fuck you" all'arbitro...»
8 mesi fa Bye Bye Arno: dopo 22 anni Del Curto lascia il Davos

DAVOS - Sono moltissimi i giocatori di National League che hanno avuto l'onore di farsi allenare da Arno Del Curto e fra questi c'è anche Mauro Jörg. L'attuale attaccante del Lugano ha infatti militato nel Davos dal 2014 al 2018... «Dopo l'allenamento di questa mattina ho scoperto che Arno ha deciso di smettere e devo dire che per me è stata una grande sorpresa», è intervenuto proprio Jörg. «Non pensavo proprio che avrebbe lasciato così da un momento all'altro, sono molto dispiaciuto».

Soprattutto che era nei Grigioni da 22 anni... «È un personaggio che mancherà moltissimo all'hockey svizzero e - ovviamente - soprattutto al Davos. Ha fatto tantissimo anche per i singoli giocatori e ha avuto il merito di essere riuscito a contribuire alla crescita di grandi campioni. Non è stato soltanto un ottimo allenatore che è sempre riuscito a ottenere il meglio da ognuno, ma anche un maestro, un motivatore e uno psicologo. È davvero una situazione particolare ed è impossibile pensare ai grigionesi senza di lui: era il Davos. Vedremo adesso come evolverà la situazione, per tutto l'ambiente della Vaillant Arena si tratta di un grandissimo cambiamento».

Nel 2015 Jörg ha vinto il titolo totalizzando complessivamente 26 punti in 63 partite... «Con me Arno è sempre stato bravissimo, mi ha aiutato molto e ha contribuito in maniera decisiva alla mia crescita. Alla prima stagione a Davos ho disputato uno dei miei migliori campionati, dopo un biennio non molto felice a Rapperswil. Prima di Del Curto ho avuto altri buoni allenatori, ma con lui è stato speciale, forse anche perché in squadra in quel momento funzionava tutto alla perfezione. È stato davvero un bel periodo».

Alcuni giocatori in passato l'hanno definito come un padre... «Per alcuni probabilmente lo è stato e per tutti gli altri è stato comunque più di un allenatore...».

Commenti
 
BarryMc 8 mesi fa su tio
Arno sicuramente un grande allenatore! Peccato non si sia mai messo in discussione allenando squadre "difficili" come Berna , ZSC o Lugano. Le dichiarazioni del Presidente del Davos sono chiare: Arno non è mai stato sotto pressione nella sua carriera. Ora, non abituato ad esserlo, ha vissuto male questo periodo dove, per la prima volta, la Svizzera hockeystica si chiedeva quanto potesse ancora rimanere al timone. Mi ricordo una sua intervista dove diceva chiaramente che a Davos vedeva i giornalisti una volta alla settimana, dopo i match, mentre in Ticino vi sono giornalisti, televisioni e tifosi ad ogni allenamento, e ci definiva "pazzi". Ad Arno un grande augurio di rivederlo presto dietro una balaustra ad insegnare hockey.
Evry 8 mesi fa su tio
Grande Del Curto, sei un vero esempio per tutti glöi allenatori. Auguri
fakocer 8 mesi fa su tio
Gli atti marcanti di Del Curto: Non acquistava. Arno creava Campioni Svizzeri. A iosa.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Sport
COPPA SVIZZERA
1 ora

Ticino-Romandia: Losanna-Lugano e Bellinzona-Xamax

Sorteggiati i duelli dei 1/16 di Coppa: sfida alla portata ma non semplice per i bianconeri, osso durissimo per i granata

MERCATO
2 ore

Lichtsteiner pronto ad abbracciare Schmidt in Bundesliga

Chiusa l'avventura in Premier con l'Arsenal il laterale elvetico sarebbe molto vicino alla firma con l'Augsburg

COPPA SVIZZERA
3 ore

Lo Sciaffusa di Yakin già a casa

Gialloneri out al primo turno, battuti 3-1 dalla squadra di Prima Lega del Linth. Avanti le tre squadre di Super League impegnate oggi

PREMIER LEAGUE
5 ore

La Supercoppa non basta, Shaqiri sbotta: «Sono deluso»

Il nazionale elvetico è deluso dallo scarso minutaggio riservatogli dal suo tecnico Jürgen Klopp

MOTOMONDIALE
8 ore

Valentino Rossi papà? «Mi prendo tempo ma forse ho la donna giusta»

Il campione di Tavullia ha posticipato il momento della paternità: «Difficile conciliare la vita che faccio con quella di babbo»

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile