Milan
2
Lecce
2
fine
(1-0)
MIN Wild
0
MON Canadiens
0
1. tempo
(0-0)
Milan
SERIE A
2 - 2
fine
1-0
Lecce
1-0
1-0 CALHANOGLU HAKAN
20'
 
 
 
 
44'
MAJER ZAN
 
 
62'
1-1 BABACAR KHOUMA
 
 
76'
ROSSETTINI LUCA
2-1 PIATEK KRZYSZTOF
81'
 
 
BIGLIA LUCAS
85'
 
 
 
 
90'
2-2 CALDERONI MARCO
20' 1-0 CALHANOGLU HAKAN
MAJER ZAN 44'
BABACAR KHOUMA 1-1 62'
ROSSETTINI LUCA 76'
81' 2-1 PIATEK KRZYSZTOF
85' BIGLIA LUCAS
CALDERONI MARCO 2-2 90'
Missed penalty for LECCE at 62nd minute by BABACAR KHOUMA.
Venue: San Siro.
Turf: Desso GrassMaster (Surface composed of natural grass combined with artificial fibres).
Capacity: 80,018.
Ultimo aggiornamento: 20.10.2019 23:11
MIN Wild
NHL
0 - 0
1. tempo
0-0
MON Canadiens
0-0
Ultimo aggiornamento: 20.10.2019 23:11
TiPress
HCAP
10.10.18 - 22:110
Aggiornamento : 11.10.18 - 10:00

«Ad Ambrì sento fiducia e mi diverto. Kubalik? È affamato»

Samuel Guerra, difensore 25enne, ricopre un ruolo importante nello scacchiere di coach Cereda: «Mi trovo bene con questo sistema di gioco. Il match col Davos? Sfida che vale già tanto»

AMBRÌ - In cerca di maggior costanza nel rendimento e compattezza dopo le ultime prestazioni, con i successi contro Langnau e Ginevra seguiti dal più recente tris di ko contro Lugano, Zurigo (all'OT) e Berna, l'Ambrì è al lavoro agli ordini di coach Cereda per affinare i meccanismi e preparare il duello col Davos.

«Ci sono ancora parecchi alti e bassi che si vorrebbero evitare, ma sono fattori che si possono incontrare in un cammino lungo come quello della regular season - spiega il biancoblù Samuel Guerra, difensore 25enne - Dobbiamo lavorare per cercare continuità e riuscire a portare sul ghiaccio lo stesso gioco ogni partita. Deve essere un nostro obiettivo, sin qui non ha funzionato».

I punti conquistati sono comunque 10 in 8 match: non tutto è ovviamente da buttare. «Di positivo c’è che in squadra c’è una bella alchimia. Attaccanti e difensori si trovano bene col sistema di Cereda. Abbiamo preso qualche “schiaffo", ma anche dimostrato che, giocando sui nostri livelli, sappiamo far bene contro qualsiasi squadra».

Nell'ultimo trittico l'Ambrì ha raccolto poco. «L’ultima settimana è stata dura, abbiamo giocato contro tre delle squadre più forti del campionato. Non ci sono dubbi su questo, ma abbiamo commesso errori evitabili. Senza alcune leggerezze saremmo rimasti più a lungo in partita. Ora dobbiamo solo avere pazienza, rimanere disciplinati e portare la giusta attitudine in pista gara dopo gara».

Il prossimo avversario, da affrontare venerdì alla Valascia, è il Davos di Del Curto. I grigionesi stanno faticando maledettamente: ad Ambrì arriveranno affamati. «Sarà una partita importante per darci determinate conferme sulla bontà del lavoro svolto. Sappiamo che arriveranno col coltello tra i denti. In palio ci sono punti preziosi, è una partita che vale già tanto e in gioco ci saranno parecchie emozioni. Il Davos zoppica? Lasciamoli stare... conosco bene la realtà gialloblù, so che possono riprendersi e infilare in un attimo una serie positiva».

A livello personale Guerra, reduce da due campionati a Zurigo, sta trovando spazio in tutte le situazioni - è il giocatore più impiegato con una media di 19'33" a partita - e gode di tanta fiducia. Oltre a questo sono già 6 (1 gol) i punti messi a referto. «Mi trovo bene e mi sento a mio agio col sistema di gioco. Sento la fiducia dello staff tecnico e di tutta la famiglia biancoblù, cosa che non ho avuto negli ultimi anni ed ho ritrovato ad Ambrì. Questo aspetto mi sta aiutando a giocare senza troppe pressioni e a divertirmi sul ghiaccio. Mi sto divertendo tantissimo e di conseguenza arrivano anche i risultati. Continuerò a lavorare duro convinto di essere sulla strada giusta».

In carriera il 25enne, tre volte campione svizzero con le maglie di Davos (2) e Zurigo (1), ha giocato con svizzeri e stranieri di altissimo livello. Al difensore chiediamo un parere su Dominik Kubalik, 23enne ceco che, già dalla scorsa stagione, ha conquistato a suon di gol il popolo biancoblù. «Che sia forte lo hanno capito tutti già da un pezzo... (ride, ndr). Personalmente mi piace dire che è affamato. Lo scorso anno ad Ambrì, da quando è arrivato, ha vissuto una parentesi già positiva, ma quest'estate si è presentato con altri grandi obiettivi che si è posto personalmente. Vedo ogni giorno la sua fame di migliorare e l'ambizione di arrivare al livello più alto possibile. Ha un tiro micidiale, sa sfruttare tutti i suoi punti di forza».

Commenti
 
VISIO 1 anno fa su tio
Kubalik nettamente il migliore, auguri
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Sport
STOP AND GO
16 min

Il Lugano stecca, l'Ambrì si distrae, l'urlo rimane strozzato in gola

L'eliminazione in Coppa Svizzera ha sporcato la settimana delle due ticinesi. Pestoni, un Orso a Berna

SUPER LEAGUE
2 ore

«Si poteva fare meglio»

Bottani titolare e soddisfatto? Non del tutto. «Ma guardiamo avanti sicuramente con fiducia»

SUPER LEAGUE
4 ore

«Avremmo dovuto fare di più, ma se penso alla traversa di Aratore...»

Fabio Celestini è soddisfatto a metà per la prestazione offerta dal Lugano contro lo Zurigo

SUPER LEAGUE
5 ore

Lugano-Zurigo, pari e patta

Si è chiuso sullo 0-0 l'incrocio tra bianconeri e biancoblù, che si sono equivalsi pure nelle occasioni avute. Vittorie per Lucerna e San Gallo

HCAP
7 ore

Ambrì che beffa: eliminazione con rimpianto

Avanti 3-1 a Bienne fino a 8' dalla fine, i biancoblù si sono fatti riprendere e superare (all'overtime). Tripletta per Künzle

SERIE A
10 ore

Milan: da Pioli a Guardiola?

Dalla Spagna rimbalzano voci secondo le quali il fondo Elliott starebbe facendo di tutto per assicurarsi l'allenatore del City in vista della prossima stagione. Shevchenko è l'alternativa?

MOTOGP
11 ore

Vale Rossi abbacchiato: «Sono finito nella giungla»

Nuova domenica difficile per il Dottore, finito sull'asfalto quando, comunque, era solo undicesimo

MOTOGP
14 ore

Dieci volte Marquez, cade Rossi, ride Lüthi

In Giappone, lo spagnolo della Honda ha colto la sua decima vittoria stagionale precedendo Quartararo e Dovizioso. Valentino fuori quando era undicesimo. Lüthi secondo in Moto2

SERIE A
1 gior

La Juve batte il Bologna del guerriero Mihajlovic

Ronaldo e Pjanic hanno permesso ai bianconeri di incamerare i tre punti, 2-1 il risultato finale

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile