TiPress/Keystone
HCL
20.05.18 - 11:010
Aggiornamento : 14:13

«Brunner? Ci guadagnano tutte le parti coinvolte»

Roland Habisreutinger, ds del Lugano, ha commentato la separazione consensuale tra l'attaccante e i bianconeri: «È una nuova sfida per la sua carriera. Mercato in entrata? Tante opzioni»

LUGANO - Giunto a Lugano nel dicembre del 2014 di rientro in Svizzera dall’esperienza in NHL, Damien Brunner ha disputato complessivamente 132 partite tra regular season e playoff con la maglia bianconera, per un bottino personale di 106 punti (46 gol). Sciolto ieri l'accordo col Lugano e passato ufficialmente al Bienne - contratto sino al 2020 -, l'attaccante 32enne cercherà ora di rilanciarsi e scrivere un nuovo capitolo della sua carriera.

La separazione, consensuale, potrà portare dei benefici ad entrambe le parti. «Esattamente, per Damien è l'opportunità di rilanciare la sua carriera in un nuovo club, siamo certi che farà di tutto per riuscirci: ci guadagnano tutte le parti coinvolte - spiega ai nostri microfoni il ds del Lugano Roland Habisreutinger - Noi, considerando il suo rientro da un infortunio, la rosa che ha raggiunto la finale e il recupero di elementi come Bürgler e Klasen, non potevamo più garantirgli sin dall'inizio il suo posto preferito sul ghiaccio (in prima linea, ndr)».

E così si è arrivati a questa soluzione. «Alla fine di ogni stagione facciamo le nostre valutazioni e dei colloqui con i giocatori. Abbiamo parlato e ognuno ha fatto le sue considerazioni, esponendo le proprie aspettative. Se non avesse trovato altre soluzioni saremmo stati contenti di averlo ancora con noi per rispettare il contratto, ma lo abbiamo anche sensibilizzato che sarebbe potuta diventare una stagione difficile dal lato sportivo. Non possiamo dire che non ha fatto il suo, a Lugano ha viaggiato alla media di quasi un punto a partita e non ha fatto nulla di male, ma in questo momento la rosa ha una profondità tale da non permettere a un giocatore di tornare ed essere subito nel primo blocco».

Insomma, per tentare di tornare a recitare un ruolo da protagonista in una squadra di NL, Brunner ha potuto valutare altre opzioni nonostante un contratto sino al 2019. «Esattamente, e lo ringraziamo perché si è messo a disposizione per guardarsi attorno e ha trovato un club che punta forte su di lui. Ora ha una nuova sfida, una nuova chance di rilanciare la sua carriera. Tutte le squadre che cercano Brunner lo fanno perché vogliono un attaccante da prima o al massimo seconda linea. Noi ora abbiamo però altri giocatori che possono soddisfare queste richieste e lo hanno dimostrato in questa stagione».

Il suo contratto col Lugano era valido sino al 2019, quello coi Seelanders è fino al 2020. «Hanno negoziato bene, ovviamente un giocatore non lascia facilmente una squadra come il Lugano senza garanzie».

La partenza di Brunner apre un posto (in più) in entrata? «Giocando già in agosto anche la Champions Hockey League cerchiamo qualcuno in determinati ruoli, ma ci sono tante opzioni. Potremmo anche prelevare qualcuno dalla Swiss League o con licenza B. Tutte le porte sono ancora aperte», conclude Roland Habisreutinger.

Ingrandisci l'immagine
Commenti
 
Evry 1 anno fa su tio
Soluzione buona, la realtà ha dimostrato che nell'HCL Brunner non era più al suo posto, auguri
Giambi 1 anno fa su tio
Ottimo Sergej 14 in rosa come quest‘anno. Rosa lunghissima come abbiam visto nei PO quando giocavamo a una linea. Furrer meglio di Löffel, Haussener meglio di Reuille, Sannitz e Julio verso la pensione, ma si dai il talento non conta, importante il gruppo. Sinceramente non capisco come mai nessuno ammette che la campagna acquisti l‘ha cantata alla grande! Ah scusa dimenticavo... Vedova e Zorin per Brunner
fakocer 1 anno fa su tio
Tutte le porte sono aperte, conclude Kabisreutinger. Altrimenti detto: tutti gli sportelli sono aperti, UBS, Credit Suisse, BdS....
Giambi 1 anno fa su tio
La rosa ha una profondità tale... Running Gag per vendere le tessere??
sergejville 1 anno fa su tio
@Giambi Cioè? Di sicuro il DS non è falso come tanti... ticinesi bensì la sua schiettezza spesso è stata vista interpretata come arroganza. Detto ciò, al momento ci sono 14 attaccanti in rosa + Zorin e Vedova parcheggiati ai Rockets.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Sport
SUPER LEAGUE
2 ore
Esame fanalino di coda per il Lugano: a Thun bisogna vincere
I bianconeri se la vedranno contro l'ultima della classe. In Challenge League il Chiasso cerca il terzo successo consecutivo
UDINE
10 ore
«Vivrò a Udine con Lara. Il calcio? Avrei preferito restare fra le pannocchie...»
Valon Behrami ha rilasciato una lunga intervista sulla sua vita: «Il mondo del calcio è fantastico, ma va tutto molto veloce. Lara? Quando torna dalle gare le faccio trovare la cena pronta...»
NATIONAL LEAGUE
11 ore
«Avevo lasciato un gruppo come questo. Kubalik? All-in per seguire i suoi sogni»
Samuel Guerra, tornato a Davos dopo le avventure a Zurigo e Ambrì, è alla seconda esperienza in gialloblù: «Inizio buono, ma il difficile comincia ora. Anche noi svizzeri dobbiamo tirare il carro»
COPPA DAVIS
14 ore
Ritiri e orari assurdi, ma Piqué attacca Federer: «Pensi quello che vuole»
La nuova Coppa Davis piace a pochi e sta facendo discutere. Fognini: «Finalmente è finita... 4:18. È normale?». Nel frattempo Piqué critica King Roger: «Lui ha il suo torneo...»
SUPER LEAGUE
17 ore
«Se sei ultimo ti brucia il c**o»
Ultimo ma non allo sbando, il Thun pensa alla rimonta. Rapp: «Non cambiamo nulla. Guai a farlo o a mettersi a inventare qualcosa adesso. Perdere la testa non ha senso»
NATIONAL LEAGUE
18 ore
Lo Zurigo si tiene stretto Noreau
Il difensore canadese ha rinnovato fino al 2022 il suo accordo con i Lions. Sven Leuenberger: «Maxim dà impulsi importanti al nostro gioco»
NATIONAL LEAGUE
20 ore
Calle Andersson resta fedele al Berna
Il difensore 25enne, che di recente era stato accostato a diversi club - tra cui anche il Lugano -, ha rinnovato con gli Orsi fino al 2023
TENNIS
23 ore
Federer battuto, a Buenos Aires la spunta Zverev
Il 22enne tedesco ha vinto il secondo round del tour d'esibizione. King Roger piegato 7-6(2), 7-6(2)
HCL
1 gior
«Il mio Lugano era in crisi, non questo»
Penultimo ma combattivo, sul ghiaccio della Cornèr Arena il Rapperswil non baderà troppo ai bianconeri: «A noi interessa poco come sta il nostro avversario»
SUPER LEAGUE
1 gior
«Sabbatini potrebbe non rientrare prima dell'anno nuovo»
Maurizio Jacobacci sta preparando il Lugano per Thun: «Siamo pronti. Abbiamo recuperato Bottani, Gerndt ha avuto qualche problema con la pubalgia ma si è allenato con il gruppo»
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile