Keystone
NATIONAL LEAGUE
02.02.18 - 22:440

Incornata devastante: Tori (quasi) certi del secondo posto

Battendo 3-2 il Langnau lo Zugo è ora quasi sicuro di chiudere la regular season subito alla spalle del Berna. Belle vittorie per Friborgo e Ginevra. Lo Zurigo ne fa 8 al Losanna

ZUGO – Il Bienne che batte il Lugano? Importante ai fini della classifica. Un risultato forse ancor più pesante, nel venerdì di hockey, l'ha tuttavia centrato lo Zugo il quale, piegando 3-2 l'ultimamente tostissimo Langnau, ha probabilmente ipotecato il secondo posto finale. Come quasi sempre è capitato quest'anno, i Tori di coach Kreis non sono riusciti a vincere in carrozza. Hanno dovuto soffrire. Hanno in ogni caso trionfato grazie ai punti di Klingberg (11') e Lammer (19'), che hanno annullato il guizzo bernese di Berger e reso meno complicata la seconda parte della gara. Il successo è poi divenuto per loro certo al 49', grazie al provvisorio 3-1 di Senteler. Inutile nel finale il 2-3 dei Tigers.

Un gran colpo lo ha fatto anche il Friborgo il quale, battendo 3-2 il Berna, ha fatto un passo forse decisivo verso la qualificazione ai playoff. I Dragoni, spinti dai punti di Glauser (7'), Birner (10') e Cervenka (53'), hanno messo le mani sui tre punti in palio e, con quelli, hanno accumulato otto lunghezze di margine sul nono posto. Bottino enorme a tre giornate dal termine.

Una sera di grande festa l'ha vissuta lo Zurigo, divertitosi sotterrando il Losanna sotto otto reti. Protagonisti di una stagione altalenante, i Lions hanno mostrato che, se in giornata, possono essere temibili e difficili da arginare. Alla cerimonia ZSC si sono iscritti otto marcatori diversi. Cominciando da Suter, a segno al 9', e chiudendo con Baltisberger, in gol al 44', in molti hanno bucato i malcapitati vodesi, alla fine arresisi addirittura 4-8 e ormai quasi fuori dalla top-8.

L'ultimo match del venerdì lo ha fatto suo il Ginevra, capace di imporsi in rimonta a Kloten. Sotto 1-3 fino a 3' dalla sirena, le Aquile si sono salvate con Romy (57'32”) e Rod (57'57”), che hanno garantito l'overtime. Lì non ci sono stati gol e così il punto supplementare è stato assegnato con i penalty, nei quali Rod e soci sono stati migliori. Vittoria centrata e sprint per l'ottavo posto piazzato.

Commenti
 
TOP NEWS Sport
CICLISMO
2 ore

«Doping? Non era legale, ma non cambierei nulla»

Lance Armstrong, vincitore di 7 Tour de France (poi revocati): «Abbiamo fatto quello che dovevamo per vincere. Molti errori hanno portato al più grande scandalo nella storia dello sport»

TENNIS
5 ore

La rottura con la Vekic? Stan se la ride: «Ci sono stati molti cambi durante la mia carriera»

Wawrinka ha svicolato davanti alle domande riguardanti l'addio a Donna Vekic: «Non è solo la mia vita privata ad influenzare il mio tennis e quel che succede sul campo»

SUPER LEAGUE
8 ore

Lugano, cuore a Cornaredo, testa a Berna? «Il rischio è quello di non giocare la partita»

Fabio Celestini ha messo in guardia i suoi in vista della sfida al GC: «Comprensibile un 10% di distrazione: se arrivassimo ad avere il 50% di testa qui e l'altro al Lucerna non andrebbe bene»

SUPER LEAGUE
11 ore

Vincere non basta ma il Lugano spera

Non è più in pole position, non è più padrone del suo destino, in vista dell'ultima corsa dell'anno il Lugano ha in ogni caso un posto privilegiatissimo sulla griglia di partenza

VIDEO
TENNIS
13 ore

Roger, ora anche la calamita sulla racchetta

Colpi da maestro di un repertorio inesauribile: il tennista renano offre spettacolo anche in allenamento

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report