TiPress
HCAP - L'ANALISI
03.12.17 - 10:510
Aggiornamento : 20:22

"Transformer Ambrì" tra cadute e reazioni: lotta e segui (sempre) Cereda

I biancoblù, piegati dal Ginevra e inguardabili nella prima parte del match di Malley, sono stati quasi perfetti contro i Lions. Sacrificio e la giusta attitudine: vietati i cali di tensione

AMBRÌ - L'Ambrì c'è, ha fame, voglia di lottare e sa rialzarsi anche dopo un brutto (e doloroso) ruzzolone. Uscito a mani vuote, con il morale a terra e l'amaro in bocca da Malley, dove venerdì un guizzo di Genazzi a 15 secondi dalla fine ha sancito il knock-out biancoblù dopo una pazza quanto feroce e infine inutile rimonta (da 3-0 a 3-4, prima di soccombere 6-4), la truppa di Cereda - coach duro, ma estremamente lucido come di consueto anche nei post partita -, ha reagito alla grande trasformandosi contro i Lions. Serviva un segnale, anche dopo l'altro scontro diretto perso tra errori evidenti, ingenuità e fragilità contro il Ginevra in settimana, ed un segnale - forte e chiaro - è arrivato.

Sciupata da Taffe la possibilità di rientrare nel line-up dopo la prestazione evanescente con le Aquile e bollata come "inaccettabile" la prima parte del match coi vodesi, per la sfida di ieri alla Valascia Cereda ha cambiato nuovamente diverse pedine nel suo scacchiere, rispolverando anche Peter Guggisberg, a lungo costretto ai box da vari acciacchi che lo hanno fin qui pesantemente condizionato.

Solido, attento e sceso in pista con il piglio giusto fin dall'inizio, contro Pestoni&Co l'Ambrì è stato quasi perfetto. Tiri bloccati, sacrificio ed energia: con la giusta attitudine e aggressività la banda biancoblù ha sopraffatto i Lions al termine di una sfida per lunghi tratti comunque in bilico. Fondamentale l'apporto dell'ottimo Conz - autore di uno shutout, il secondo stagionale - e la capacità di affondare il colpo. Con l' uno-due di Emmerton e Lhotak al 37' l'Ambrì ha indirizzato il match, la sassata di Kubalik (poi autore anche del definivo 4-0) ha chiuso i conti. L'attaccante ceco, benché abbia sulla coscienza la penalità dalla quale è nato il game-winning-gol del Losanna, è una costante spina nel fianco per le difese avversarie e "ci prova sempre". 22 anni, già 11 punti (4 gol) nelle 7 gare con i leventinesi: non è arrivato il Messia e ha ancora margini di miglioramento, ma la sua presenza sul ghiaccio si fa sentire eccome... è indubbiamente un'arma in più.

Lottare su ogni disco, tanta grinta e la giusta attitudine: il diktat di Cereda va seguito ed è imprescindibile per un gruppo che, praticamente ogni sera salvo rare eccezioni, deve fronteggiare squadre tecnicamente più attrezzate. Quando l'Ambrì mette in pratica il credo del suo coach macina punti e - come minimo - vende cara la pelle, in caso contrario diventa dura. Una nota di merito va a Bianchi, Kostner e Incir (terzetto generosissimo e pure pungente), ma anche a chi come Berthon è rinato dopo la scorsa stagione.

Questo Ambrì "operaio" (e lo deve sempre essere), partito nell'anno I del suo nuovo corso con l'obiettivo dichiarato della salvezza, si trova a quota 33 punti, ovvero -1 dall'ottavo posto quando ci si è ormai lasciati alle spalle il giro di boa del campionato. L'obiettivo, come confermato anche di recente proprio dal coach, resta il medesimo, ma la bagarre è accesissima e in fondo per i tifosi non è proibito sognare. Le rivali non stanno certo a guardare, ma con tanto cuore e i colpi - nei momenti chiave ne servirebbe sicuramente qualcuno in più - dei suoi leader tecnici e carismatici, il gruppo biancoblù potrà rimanere a lungo nei pressi delle riga e poi chissà come andrà a finire.

TiPress
Guarda tutte le 5 immagini
Commenti
 
pardo54 1 anno fa su tio
Conz non sarà un fenomeno, ma dà più sicurezza di Descloux. Non è proibito sognare, ma bisogna remare assieme. Certo che se pensiamo all'anno scorso. Bravi, bene, avanti così o magari meglio.
TOP NEWS Sport
CICLISMO
3 ore

«Doping? Non era legale, ma non cambierei nulla»

Lance Armstrong, vincitore di 7 Tour de France (poi revocati): «Abbiamo fatto quello che dovevamo per vincere. Molti errori hanno portato al più grande scandalo nella storia dello sport»

TENNIS
6 ore

La rottura con la Vekic? Stan se la ride: «Ci sono stati molti cambi durante la mia carriera»

Wawrinka ha svicolato davanti alle domande riguardanti l'addio a Donna Vekic: «Non è solo la mia vita privata ad influenzare il mio tennis e quel che succede sul campo»

SUPER LEAGUE
9 ore

Lugano, cuore a Cornaredo, testa a Berna? «Il rischio è quello di non giocare la partita»

Fabio Celestini ha messo in guardia i suoi in vista della sfida al GC: «Comprensibile un 10% di distrazione: se arrivassimo ad avere il 50% di testa qui e l'altro al Lucerna non andrebbe bene»

SUPER LEAGUE
12 ore

Vincere non basta ma il Lugano spera

Non è più in pole position, non è più padrone del suo destino, in vista dell'ultima corsa dell'anno il Lugano ha in ogni caso un posto privilegiatissimo sulla griglia di partenza

VIDEO
TENNIS
14 ore

Roger, ora anche la calamita sulla racchetta

Colpi da maestro di un repertorio inesauribile: il tennista renano offre spettacolo anche in allenamento

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report