Keystone
HCL
06.10.17 - 22:390
Aggiornamento : 07.10.17 - 12:24

Hofmann e Sanguinetti trascinano il Lugano

Le doppiette dell’ex Davos e del difensore statunitense permettono ai bianconeri di espugnare Ginevra al termine di una prestazione convincente: finisce 0-4

GINEVRA – Una vittoria meritata per la squadra diretta da Greg Ireland che a Ginevra ha cominciato in sordina ma venuta fuori alla distanza, producendo man mano un gioco sempre più fluido, dimostrandosi cinica nelle situazioni di powerplay. Decisivo il terzo periodo in cui i bianconeri - capaci di imporsi con un rotondo 4-0 – hanno colpito tre volte nel giro di dieci minuti regalandosi la terza vittoria consecutiva.

A differenza delle ultime due sfide in cui ha messo sotto pressione gli avversari nei primi minuti, il Lugano ha subito la grande intensità messa in pista dai padroni di casa nei due minuti iniziali. Nonostante le poche conclusioni in porta, anche successivamente il Ginevra si è dimostrato più aggressivo e si è fatto preferire ai bianconeri che nel frattempo avevano gettato malamente al vento l’opportunità di giostrare con l’uomo in più. Ma alla seconda occasione (penalizzato il nervoso Traber) il powerplay dei sottocenerini ha risposto presente con Sanguinetti, abile a superare Mayer con un preciso e potente slap-shot. La seconda rete stagionale del difensore statunitense ha dato fiducia alla banda di Ireland, che è cresciuta dal punto di vista del gioco ma non è stata in grado di crearsi nessuna opportunità rilevante.

Il nervosismo ravvisato nel primo periodo si è riconfermato nel terzo centrale: diverse sono state le penalità ravvisate ma non sfruttate da entrambe le formazioni, che hanno contribuito a spezzare il ritmo della partita. Le migliori occasioni sono state comunque dei bianconeri che nel lungo periodo di powerplay capitatogli a metà periodo hanno sfiorato il raddoppio dapprima con Lajunen e poi con l’attivissimo Lapierre. Il Ginevra ha prodotto davvero poco gioco rispetto alla quantità di energia messa sul ghiaccio, non sufficiente per mettere in difficoltà il compatto reparto difensivo degli ospiti, che ai locali ha però concesso qualcosa di troppo in fase di transizione.

L’ex bianconero Simek ha creato subito un brivido per Merzlikins in entrata di terzo conclusivo, ma il Lugano ha subito ripreso in mano le redini della partita e, al 47’11’’, ha colpito nuovamente in powerplay grazie al polsino chirurgico del solito Hofmann. Ma è solo l’inizio dello show dell’ex attaccante di Ambrì Piotta e Davos che, dopo il vano tentativo di orgoglio dei locali di accorciare le distanze, sei minuti più tardi ha ribadito in rete una respinta di Mayer su una conclusione di Fazzini, andando così a siglare il 3-0: per il numero 15 bianconero si tratta della settima rete in sei incontri. Dall’ennesima penalità finita sui conti dei ginevrini è nata la quarta rete dei bianconeri, la terza in powerplay della serata, ancora con un bel tiro di Sanguinetti che ha chiuso i conti della partita sul 4-0. 
 
Per il Lugano si trattano di tre punti ottenuti con carattere, personalità e grande opportunismo in una pista mai facile da espugnare. Gli uomini di Ireland andranno a caccia domani della quarta vittoria consecutiva: alla Resega arriva il Bienne, sicuramente volenteroso di riscattarsi dopo la sconfitta odierna di Davos.

GINEVRA - LUGANO 0-4  (0-1, 0-0, 0-3) 
 
Reti: 10’35’’ Sanguinetti (Klasen, Bürgler/esp. Traber) 0-1. 47’11’’ Hofmann (Furrer, Fazzini/esp. Vukovic) 0-2. 53’29’’ Hofmann (Fazzini) 0-3. 57’54’’ Sanguinetti (Klasen/esp. Fransson) 0-4.  
 
Lugano: Merzlikins; Furrer, Sanguinetti; Vauclair, Ulmer; Riva, Chiesa; Ronchetti, Wellinger; Klasen, Lajunen, Bürgler; Hofmann, Lapierre, Fazzini; Bertaggia, Sannitz, Morini; Romanenghi, Cunti, Reuille 
 
Penalità: Ginevra 7 x 2’ + 1 x 5’; Lugano 6 x 2’ + 1 x 10’ 
 
Note: Les Vernets, 6’201 spettatori. Lugano privo di Brunner (infortunato), Walker (squalificato) e Kparghai (impegnato con i Ticino Rockets).

Guarda le 3 immagini
Commenti
 
sergejville 2 anni fa su tio
Sanguinetti regista e bomber. Infortunio a Vauclair? Hofmann scatenato. Powerplay buono.
Meridiana 2 anni fa su tio
BRAVI, avanti cosi !
Danny50 2 anni fa su tio
BRAVI BRAVI BRAVI !!
TOP NEWS Sport
HCAP/HCL
1 ora
Esame doppio per l'Ambrì, trappole per il Lugano
Weekend di campionato; i biancoblù sfideranno Friborgo e Losanna, i bianconeri se la vedranno con il Langnau
NAZIONALE
2 ore
C'è la sfida alla Georgia, i tre punti sono d'obbligo
Questa sera la Nati giocherà a San Gallo il penultimo match di qualificazione all'Europeo. Serve solo vincere
TENNIS
10 ore
Maestoso King Roger: piega Djokovic e vola in semifinale
Il campione renano ha liquidato il serbo con il punteggio di 6-4, 6-3
MOTOMONDIALE
10 ore
«Lorenzo? Triste vederlo in questa situazione»
In molti hanno commentato l'addio dello spagnolo. Marc Marquez: «È una sorpresa, ma ha dimostrato coraggio e personalità». Paolo Ciabatti, direttore sportivo della Ducati: «Decisione sofferta»
SERIE A
13 ore
CR7 smentisce Sarri: «Non sto bene, sto molto bene...»
L'attaccante della Juve, dal ritiro del Portogallo, manda un messaggio al tecnico: «Vi dico una cosa per tutte le prime pagine dei giornali...»
MOTOMONDIALE
15 ore
L'addio di Lorenzo: «Impossibile trovare ancora le motivazioni»
Jorge Lorenzo ha annunciato il ritiro all'età di 32 anni: «Adoro questo sport, ma adoro vincere. Mi sono reso conto che questo non è più possibile»
MOTOMONDIALE
18 ore
Lorenzo si ritira!
Il 32enne pilota spagnolo, cinque volte campione del mondo (tre nella classe regina), ha annunciato il suo addio al circus
FORMULA 1
20 ore
«La Ferrari bara», Verstappen ingenuo portavoce della Mercedes
Helmut Marko ha provato a chiudere la querelle innescata dall'olandese. «Lui ha esagerato, ma l'indagine è partita dalla Mercedes»
NATIONAL LEAGUE
23 ore
«Non stiamo panicando», a Berna tra preoccupazione e pancia piena
Cosa sta succedendo agli Orsi? Alex Chatelain: «Non c'è un unico aspetto che non va, dobbiamo rimanere positivi»
NATIONAL LEAGUE
1 gior
«L'ultima volta l'Ambrì ci ha ucciso»
Christian Dubé è l'artefice della rinascita del Friborgo: «Ma non ho la bacchetta magica, non c'è alcun segreto»
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile