Keystone
NATIONAL LEAGUE
22.09.17 - 06:550
Aggiornamento : 13:49

Pestoni: «Le origini non si dimenticano, le emozioni non cambieranno mai»

L'attaccante è atteso domani alla Valascia con i suoi Lions: «Voglio fare dei passi avanti rispetto allo scorso campionato, sul ghiaccio mi sento bene. Ambrì? La squadra è energica e pattina molto»

ZURIGO - Prima il duello all’Hallenstadion con il solido Bienne di McNamara, poi la trasferta alla Valascia contro un Ambrì affamato di punti: lo Zurigo di Hans Wallson, fin qui poco brillante e reduce da due ko filati, affila gli artigli in vista degli impegni del weekend. Inti Pestoni, alla sua seconda stagione in terra zurighese ma rimasto profondamente legato ai colori biancoblù, ci ha parlato dell’inizio di stagione dei Lions (8 punti in 5 match) e della sfida in programma domani contro la sua ex squadra.

«Il nostro campionato è iniziato così così, pur avendo vinto le prime 3 partite non siamo mai stati in grado di giocare come vogliamo realmente - spiega l’attaccante ticinese - Sappiamo di dover lavorare ancora tanto e migliorare, ma il potenziale c’è e non ci possiamo nascondere. Il campionato è molto equilibrato, se vogliamo raggiungere obiettivi importanti starà a noi cercare di giocare molto meglio di come stiamo facendo».

Dopo due stagioni chiuse con il ko nel primo turno dei playoff, la società pretende qualcosa in più... «L’obiettivo, dopo le eliminazioni patite nei quarti delle ultime due stagioni, è quello di arrivare perlomeno alle semifinali». Per farlo i Lions potranno contare su un Pettersson in più, vero sniper che a Lugano - prima della parentesi deludente in KHL -, aveva collezionato 71 reti in 140 partite. «Lo scorso anno, specialmente nei playoff, si è visto che ci è mancato un vero cecchino. Ora c’è Pettersson che si sta confermando uno scorer: dal punto di vista realizzativo ci potrà dare una grossa mano. Certo anche quando segna uno o due gol noi non possiamo incassarne 3… tutti devono lavorare meglio difensivamente e aiutare maggiormente i portieri».

Domani il calendario dei Lions “dice” Ambrì, avversario da affrontare alla Valascia. Un match che per Inti resta emozionante e speciale. «Contro l’Ambrì non è e non sarà mai una partita qualunque. Tornare alla Valascia è sempre speciale, le origini non si dimenticano, per me sarà un po’ come giocare a casa. Anche con il passare degli anni non cambieranno mai le emozioni che provo».

Lo scorso 11 novembre - con un Ambrì contestato dalla Sud e in grossa difficoltà -, Pestoni, praticamente “ignorato” dai suoi ex tifosi, era tornato alla Valascia da avversario per la prima volta (il 21 gennaio la seconda). Sabato ti aspetti un’accoglienza un po’ più “calorosa”? «Non mi aspetto nessuna accoglienza particolare. Lo scorso anno avevano altri problemi, altro a cui pensare piuttosto che alla mia situazione. Ora ho visto un grande ambiente alla Valascia, in cui è davvero bello giocare, spero che ci sia anche sabato».

Rispetto allo scorso campionato in casa biancoblù sono cambiate molte cose. Inti, da fuori, come vedi il nuovo corso biancoblù? «Non ho ancora potuto guardare una partita intera, ma Cereda mi ha allenato negli juniori e lo conosco bene: è un ottimo allenatore. Porta energia ed è bravo con i giovani, penso che insieme a Duca possa far bene. La squadra sta rispondendo in maniera positiva e fin qui mi sembra che sia sempre rimasta in partita contro ogni avversario. Penso sia un buon passo avanti. Andando avanti potranno ancora migliorare».

Domani sera quindi per voi sarà dura… «Assolutamente. Vedo nell’Ambrì un gruppo molto aggressivo, che pattina tanto: per noi è difficile giocare contro squadre del genere».

A livello personale cosa ti aspetti dalla stagione 2017/18? «Sicuramente voglio fare un passo avanti rispetto al campionato scorso (8 reti e 5 assist in 45 partite, ndr). In estate ho lavorato bene e penso di essere sulla buona strada. Sul ghiaccio mi sento molto meglio, ora però si tratta di dimostrarlo in partita», conclude il 26enne attaccante ticinese.

HOCKEY: Risultati e classifiche

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
sergejville 2 anni fa su tio
A parte le origini, Pestoni? Mah.
El Jardinero 2 anni fa su tio
Buon rientro a casa!
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
FORMULA 1
2 ore
Proposta shock: «Facciamo infettare subito i piloti»
L'uscita di Marko, consulente della Red Bull, ha del clamoroso ed è stata bocciata: «Non è stata accolta bene...»
COMO
5 ore
Wanda sotto attacco: «Hai portato i nostri figli nell'epicentro del contagio»
La showgirl - ex moglie di Maxi Lopez - si è spostata da Parigi alla villa della famiglia Icardi sul lago di Como
SUPER LEAGUE
8 ore
«Situazione surreale, ci si guarda male anche a far la spesa»
Chiacchierata con il ticinese dello Xamax Igor Djuric: «Cerco di fare attenzione, non possiamo sottovalutare nulla»
NATIONAL LEAGUE
12 ore
«Covid-19? A Davos c'è molta disciplina»
L'attaccante dei grigionesi Aeschlimann ha la famiglia in Ticino: «C'è preoccupazione, ma siamo sempre in contatto»
ASUNCION
22 ore
«Ronaldinho? Non sta affatto bene»
L'ex Pallone d'Oro è tra le mura di un carcere di Asuncion. Kakà: «Situazione triste»
BUNDESLIGA
23 ore
Il Dortmund di Favre torna già ad allenarsi
Emre Can, ex Juve, ha fatto sapere che i gialloneri riprenderanno l'attività lavorando a coppie
SERIE A
1 gior
Covid-19, Godin attacca l'Italia: «Siamo stati esposti fino all’ultimo momento»
Il difensore dell'Inter, dall'Uruguay, critica le istituzioni: «Hanno continuato a tirare la corda»
MOTOMONDIALE
1 gior
Cadute e cordoli virtuali: Alex Marquez vince al Mugello
Dieci piloti hanno partecipato alla prima edizione dello "StayAtHomeGP"
LIGA
1 gior
«Non seguo il calcio e non so i nomi degli avversari»
Il portiere del Barça ha raccontato un simpatico aneddoto: «Vedo solo i big match o se gioca qualche mio amico»
SUPER LEAGUE
1 gior
«Scioccati, non ce l'aspettavamo»
Il 29enne è tra i nove che si sono visti recapitare la lettera (via WhatsApp) di licenziamento dal patron del Sion
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile