Tipress
HCL
13.09.17 - 11:490
Aggiornamento : 15:10

Il sogno di Gregory, l’incubo bianconero

Il top scorer sottocenerino prenderà parte al camp dei Carolina Hurricanes. Dovesse rimanere Oltreoceano il Lugano - visto l'infortunio di Brunner - si troverebbe con una coperta cortissima in attacco

LUGANO - «Sogna ragazzo sogna» cantava Vecchioni nel 1999. Allora il piccolo Gregory aveva solo 7 anni. E altri pensieri. Altri desideri. L’America era solo un mondo lontano. Ma il bambino nel frattempo è cresciuto. E, oggi, il sogno americano del giovane 24enne potrebbe diventare realtà. 

Crescita costante - Dopo aver già assaporato l’aria della Carolina del Nord in un camp nel 2011, l’anno del draft al quarto turno quando vestiva la casacca biancoblù, Hofmann ieri è volato negli Stati Uniti con altre speranze. Non più giovane alle prime armi, ma giocatore vero. Plasmato dalle esperienze vissute prima nei Grigioni, sotto Arno del Curto e poi nelle fila bianconere. Maturato e cresciuto sia nella testa che nel fisico. E più in forma che mai.

Inizio con il botto - Il suo campionato è infatti iniziato con il botto. Nonostante la sconfitta nel derby, Hofmann è risultato il migliore bianconero sul ghiaccio, impreziosendo una prestazione a tutta pista con una rete e un assist. Il neocastellano si è poi ripetuto il giorno successivo a Zugo, ottenendo un altro sigillo e trascinando - insieme a Bürgler -  il Lugano alla vittoria. Due partite in cui il numero 15 bianconero ha mostrato tutto il suo talento e le sue qualità. Doti che ne fanno uno degli attaccanti più forti e completi della rosa sottocenerina.

Out per (almeno) 4 partite - La partenza del suo top scorer per il camp ufficiale dei Carolina Hurricanes lascia un enorme vuoto nel reparto offensivo del Lugano. Uno scacchiere bianconero che, con Brunner fuori per almeno tre mesi, ha inoltre le pedine contate. Con 12 soli attaccanti a disposizione, Ireland dovrà infatti confidare nella buona salute di tutti gli altri per poter schierare quattro linee complete nelle prossime partite con Lions, Berna e Losanna (oltre a quella di ieri sera). Nella speranza che il volo da Raleigh, capitale dello Stato e sede degli Hurricanes, non ritorni vuoto. E che il sogno di Hofmann non si trasformi in incubo bianconero.

Alla ricerca del talento - Sì perché la squadra della Carolina del Nord - un titolo NHL nel 2006, ma che non si qualifica ai playoff da otto stagioni - ha un disperato bisogno di attaccanti di talento, che possano garantire qualità e quantità. Hofmann, più in forma che mai, potrebbe convincere gli Hurricanes a dargli la chance della vita. Quella di esordire nel campionato più bello del mondo. «Sogna ragazzo sogna».  

Commenti
 
Paolo Pescia 2 anni fa su fb
Forza Gregory!! Spero per te che tu possa tornare il più tardi possibile!!!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Sport
SUPER LEAGUE
2 ore
Esame fanalino di coda per il Lugano: a Thun bisogna vincere
I bianconeri se la vedranno contro l'ultima della classe. In Challenge League il Chiasso cerca il terzo successo consecutivo
UDINE
11 ore
«Vivrò a Udine con Lara. Il calcio? Avrei preferito restare fra le pannocchie...»
Valon Behrami ha rilasciato una lunga intervista sulla sua vita: «Il mondo del calcio è fantastico, ma va tutto molto veloce. Lara? Quando torna dalle gare le faccio trovare la cena pronta...»
NATIONAL LEAGUE
12 ore
«Avevo lasciato un gruppo come questo. Kubalik? All-in per seguire i suoi sogni»
Samuel Guerra, tornato a Davos dopo le avventure a Zurigo e Ambrì, è alla seconda esperienza in gialloblù: «Inizio buono, ma il difficile comincia ora. Anche noi svizzeri dobbiamo tirare il carro»
COPPA DAVIS
15 ore
Ritiri e orari assurdi, ma Piqué attacca Federer: «Pensi quello che vuole»
La nuova Coppa Davis piace a pochi e sta facendo discutere. Fognini: «Finalmente è finita... 4:18. È normale?». Nel frattempo Piqué critica King Roger: «Lui ha il suo torneo...»
SUPER LEAGUE
18 ore
«Se sei ultimo ti brucia il c**o»
Ultimo ma non allo sbando, il Thun pensa alla rimonta. Rapp: «Non cambiamo nulla. Guai a farlo o a mettersi a inventare qualcosa adesso. Perdere la testa non ha senso»
NATIONAL LEAGUE
19 ore
Lo Zurigo si tiene stretto Noreau
Il difensore canadese ha rinnovato fino al 2022 il suo accordo con i Lions. Sven Leuenberger: «Maxim dà impulsi importanti al nostro gioco»
NATIONAL LEAGUE
21 ore
Calle Andersson resta fedele al Berna
Il difensore 25enne, che di recente era stato accostato a diversi club - tra cui anche il Lugano -, ha rinnovato con gli Orsi fino al 2023
TENNIS
23 ore
Federer battuto, a Buenos Aires la spunta Zverev
Il 22enne tedesco ha vinto il secondo round del tour d'esibizione. King Roger piegato 7-6(2), 7-6(2)
HCL
1 gior
«Il mio Lugano era in crisi, non questo»
Penultimo ma combattivo, sul ghiaccio della Cornèr Arena il Rapperswil non baderà troppo ai bianconeri: «A noi interessa poco come sta il nostro avversario»
SUPER LEAGUE
1 gior
«Sabbatini potrebbe non rientrare prima dell'anno nuovo»
Maurizio Jacobacci sta preparando il Lugano per Thun: «Siamo pronti. Abbiamo recuperato Bottani, Gerndt ha avuto qualche problema con la pubalgia ma si è allenato con il gruppo»
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile