Sassuolo
4
Lecce
2
fine
(1-1)
Lazio
Milan
21:45
 
Wil
0
SC Kriens
0
2. tempo
(0-0)
Zurigo
1
Servette
0
1. tempo
(1-0)
TiPress
HCAP
14.04.17 - 20:280
Aggiornamento : 21.04.17 - 11:35

Nicola Celio a ruota libera: «Bisogna cambiare tante cose, l'Ambrì ha perso la sua identità»

L'ex capitano dell'Ambrì sul momento attuale del club: «Avete visto i nostri giovani? Non c’è paragone con alcuni giocatori presi dall’esterno l'estate scorsa»

AMBRÌ - La stagione dell'Ambrì è andata agli archivi da poche ore. Il ghiaccio ha lasciato spazio a riflessioni, bilanci e pianificazioni. Come dovrà muoversi il club biancoblù? Le posizioni vacanti sono diverse, cosa dobbiamo attenderci?

La parola a Nicola Celio, ex capitano biancoblù, il quale ha toccato diversi aspetti interessanti. 

Nicola Celio, hai avuto paura che l'Ambrì potesse retrocedere?
«Non posso negarlo, la paura c’è stata. Durante l'anno in alcuni match ho visto delle prestazioni che mi hanno fatto preoccupare. Poteva essere pericoloso andare a fare uno spareggio contro la vincente del campionato di LNB. E ogni partita delle sfida con il Langenthal è stata una sofferenza. Le prime squadre della lega cadetta sono ben strutturate e, a mio avviso, hanno le potenzialità per mettere in difficoltà una formazione di LNA».

Guardiamo subito al futuro: dove bisogna intervenire?
«Dopo l’esperienza degli ultimi anni c'è la necessita di cambiare drasticamente tante cose. L’Ambrì ha perso la propria identità e nell'ultima stagione ha sofferto troppo in tanti aspetti. Ci vuole una squadra che scenda sul ghiaccio con le emozioni. Quest'anno non c’era l’energia giusta all’interno del gruppo e, questa mancanza, è da attribuire soprattutto all'allenatore. Avete poi visto i nostri giovani? Non c’è paragone con alcuni giocatori presi dall’esterno l'estate scorsa».

In passato il club ha quindi sbagliato la scelta di puntare su Kossmann?
«Questo non lo so. Ad ogni modo io penso che lui si sia un po’ "bruciato". È stato mandato via sia da Friborgo che da Ambrì per gli stessi motivi e ora per lui non sarà facile trovare un'altra sistemazione. Quando una società alla ricerca di un allenatore viene a sapere che in passato quel determinato coach ha avuto problemi a livello di gestione del gruppo e di stimoli dati ai giocatori ci pensa due volte prima di ingaggiarlo. Le voci girano molto nell’ambiente hockeystico».

Saresti favorevole alla creazione di una Commissione tecnica formata da ex giocatori?
«Assolutamente sì. Dev’esserci qualcuno che faccia gli interessi della società, che conosca bene la realtà e che faccia crescere tutto l'ambiente. In passato, quando giocai, ci furono dei volontari che si misero a disposizione del club, i quali operarono meglio rispetto ad alcuni dirigenti passati ad Ambrì negli ultimi anni. E alcune di queste persone lavoravano persino a gratis...».

In ballo c'è pure la posizione del direttore sportivo...
«Negli ultimi anni la gestione del direttore sportivo non è quasi mai funzionata. E anche quest’anno purtroppo i risultati non sono dalla parte di Ivano Zanatta. Con questo non voglio dire che non abbia svolto un buon lavoro, ma come spesso si dice sono i risultati che parlano…».

A Zanatta vanno però i meriti per aver creduto fino in fondo al progetto Rockets...
«Quello dei Rockets è un progetto molto bello ed è giusto che sia stata creata questa squadra, ma...».

...ma?
«Il problema lo troviamo a livello di Juniori Elite visto che Ambrì e Lugano non hanno tantissimi giocatori a disposizione. A mio avviso l’ideale sarebbe mettere insieme queste due squadre e creare una compagine ticinese unica, così da formare una bella piramide. Chi è più forte va a giocare nei Rockets, mentre chi deve crescere ancora resta negli Juniori».

Tornando all'Ambrì, Nicola Celio si metterebbe a disposizione se qualcuno lo chiamasse?
«Perché no? Se venisse creato un progetto serio e coerente sarei a disposizione per discuterne. In questi anni non ho mai voluto entrare poiché le varie proposte non mi hanno mai convinto appieno. Entrare con un’idea che non è condivisa dal club non avrebbe senso…».

E Dwyer? È da confermare?
«Quella dell'allenatore è la figura più importante. Quest'ultimo deve capire i giocatori, avere le conoscenze tecniche, saper stimolare la squadra e dar sempre tanta energia. In una compagine come l’Ambrì bisogna trovare una persona che abbia tutte queste qualità. Il club leventinese non può permettersi di sbagliare questo tassello. Onestamente Dwyer non lo conosco, la società dovrà parlare con i giocatori per capire cosa ne pensano loro».

Gli stranieri sono tutti in scadenza: è un bene?
«Non saprei. Anche qui bisogna riflettere. Ci vuole qualcuno che costi poco e che lavori duro».

Nicola, non ci resta che augurare "buon lavoro" alla società leventinese...
«L'importante sarà trovare le persone giuste che remino tutte nella stessa direzione. Ci vuole una ventata d’aria fresca che faccia partire una nuova macchina… Il lavoro non manca, ci vuole passione…».

HOCKEY: Risultati e classifiche

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Andrea Giacomini 3 anni fa su fb
Capitano sistema questa lozza!!! Altrimenti non ci salviamo più ...
Siro Schürmann 3 anni fa su fb
Dici bene Questa lozza!!!
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
MERCATO
3 ore
«Messi e CR7 insieme alla Juve? È possibile, in molti lo vogliono»
L'ex fantasista di Milan e Barcellona fa sognare i tifosi bianconeri
FORMULA 1
5 ore
Pole di Bottas e buio Ferrari: disastro Vettel
La Mercedes domina le qualifiche del GP d'Austria al Red Bull Ring. Terzo Verstappen. Male la Rossa
LIGA
9 ore
Messi spaventa il Barça: l'addio è possibile
La Pulce ha interrotto le trattative per il rinnovo contrattuale con i blaugrana
FORMULA 1
13 ore
Verstappen non ci sta: «Tempi bugiardi»
Il pilota della Red Bull è fiducioso in vista del GP d'Austria: «Ho trovato il ritmo giusto»
HCAP
1 gior
L'Ambrì abbraccia Nättinen: «Scommessa interessante»
Il ds biancoblù Paolo Duca: «È giovane e affamato. Mi auguro che riesca a esprimere tutto il suo potenziale»
FOOTBALL AMERICANO
1 gior
Razzismo & Usa: i Redskins devono cambiare nome
Sponsor e aziende spingono: la parola "Redskins" è considerata offensiva nei confronti degli indiani d'America
HCL
1 gior
L’HCL per la tutela e la difesa degli animali
Loeffel: «Spero fortemente che i nostri tifosi prendano contatto con i responsabili dell’ATDA per l’adozione di Blacky»
HCAP
1 gior
Colpo Ambrì: il nuovo straniero è Julius Nättinen
Nella scorsa stagione l'attaccante 23enne si è laureato miglior realizzatore del campionato finlandese
SUPER LEAGUE
1 gior
Il Lugano ci crede: «L'YB è forte ma non partiamo sconfitti...»
Mister Jacobacci è carico in vista della trasferta di Berna: «Bottani? È un peccato averlo perso»
CHALLENGE LEAGUE
1 gior
«Rinnovare? No, non era fattibile»
Patrick Rossini ha raccontato l'addio al Chiasso, diventato effettivo lo scorso 30 giugno
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile