LA Kings
2
EDM Oilers
4
fine
(0-1 : 1-2 : 1-1)
ANA Ducks
5
VEGAS Knights
5
overtime
(1-1 : 1-2 : 3-2 : 0-0)
LA Kings
NHL
2 - 4
fine
0-1
1-2
1-1
EDM Oilers
0-1
1-2
1-1
 
 
20'
0-1 DRAISAITL
 
 
26'
0-2 NUGENT-HOPKINS
 
 
37'
0-3 MCDAVID
1-3 KOPITAR
39'
 
 
2-3 BROWN
41'
 
 
 
 
60'
2-4 ARCHIBALD
DRAISAITL 0-1 20'
NUGENT-HOPKINS 0-2 26'
MCDAVID 0-3 37'
39' 1-3 KOPITAR
41' 2-3 BROWN
ARCHIBALD 2-4 60'
Start delayed.
Ultimo aggiornamento: 24.02.2020 06:40
ANA Ducks
NHL
5 - 5
overtime
1-1
1-2
3-2
0-0
VEGAS Knights
1-1
1-2
3-2
0-0
 
 
13'
0-1 BROWN
1-1 SHORE
20'
 
 
2-1 RITCHIE
31'
 
 
 
 
36'
2-2 MARTINEZ
 
 
39'
2-3 KARLSSON
3-3 RITCHIE
41'
 
 
 
 
47'
3-4 KARLSSON
 
 
52'
3-5 KARLSSON
4-5 HENRIQUE
58'
 
 
5-5 HENRIQUE
59'
 
 
BROWN 0-1 13'
20' 1-1 SHORE
31' 2-1 RITCHIE
MARTINEZ 2-2 36'
KARLSSON 2-3 39'
41' 3-3 RITCHIE
KARLSSON 3-4 47'
KARLSSON 3-5 52'
58' 4-5 HENRIQUE
59' 5-5 HENRIQUE
Start delayed.
Ultimo aggiornamento: 24.02.2020 06:40
HCL
09.03.17 - 22:340
Aggiornamento : 10.03.17 - 12:59

Tanta voglia, poca fortuna: il Lugano inciampa a Zurigo

Nonostante una buona prestazione, i bianconeri, puniti da Geering, sono caduti 0-1 all'Hallenstadion. Ora la serie è sull'1-2 per i Lions

ZURIGO – Un Lugano combattivo ma poco concreto – soprattutto in attacco – è caduto 0-1 a Zurigo, finendo 1-2 nella serie.

Buoni solo per 20' (gli ultimi, in gara-1) e ottimi per tutta gara-2, i bianconeri si sono presentati all'Hallenstadion con la tranquillità e la consapevolezza proprie dei “forti”. Sfavoriti della vigilia al cospetto dei Lions, si sono infatti costruiti sul ghiaccio una solidità e una credibilità che li hanno convinti a inseguire l'impresa.

Per superare Thoresen e soci in casa loro i ticinesi avevano bisogno di una prestazione sontuosa. Di cominciare bene e finire meglio. Sul “cominciare”... hanno fallito. Nemmeno un minuto di match ed Herzog ha infatti avuto la possibilità di rompere l'equilibrio su rigore. Elvis, attento, ha però difeso lo 0-0. Passato lo spavento gli ospiti si sono rimessi in riga, muovendosi con ordine sul ghiaccio e, ribattuto ogni attacco rivale, tentando anche di graffiare dalle parti di Schlegel. È così che, resi pimpanti dall'ottima vena di Merzlikins – che con i suoi alfieri ha blindato la porta - sono stati loro a creare le occasioni forse più nitide della prima frazione. Hofmann e Sannitz non sono però stati precisi, mancando l'affondo.

Il secondo parziale è stato forse ancora più scorbutico. Il gioco, nervoso, ha infatti regalato tante fiammate, nelle quali ha fatto una figura eccelsa chi, a turno, pensava a difendere. Il Lugano ha superato indenne un paio di inferiorità nella prima metà della frazione, lo Zurigo addirittura sei minuti consecutivi (e un paio in 3 contro 5) a metà tempo. L'equilibrio e i powerplay dalla polveri bagnate hanno in ogni caso retto “solo” fino al 39'40” quando Geering, sfruttando la penalità di Furrer, ha griffato l'1-0.

Nonostante le immancabili penalità, prova di un confronto ruvido e sentitissimo, il terzo parziale è scivolato via veloce e senza troppi sussulti. I padroni di casa hanno continuato a giocare ad alto ritmo mentre i bianconeri hanno tentato, cercando di aumentare velocità e pressione, di rendersi pericolosi con maggior frequenza in attacco. Ogni iniziativa del Lugano, una di Klasen è stata clamorosa e una traversa di Hofmann grida vendetta, è però evaporata per sfortuna e imprecisione. L'1-0, pesantissimo, ha così retto fino al 60'. Per la gioia dello Zurigo, che tra due giorni potrà presentarsi alla Resega senza troppa pressione.

La situazione si è ora ribaltata: ad avere molto da perdere, sull'1-2 nella serie e con il match casalingo a disposizione, sono proprio Merzlikins e compagni: un nuovo capitombolo potrebbe infatti spingerli fino a un passo dal baratro.

ZURIGO-LUGANO 1-0 (0-0, 1-0, 0-0)
Reti: 39'40” Geering (Thoresen) 1-0.
LUGANO: Merzlikins; Furrer, Chiesa; Wilson, Ulmer; Ronchetti, Hirschi; Sartori; Klasen, Martensson, Bürgler; Reuille, Lapierre, Fazzini; Hofmann, Sannitz, Bertaggia; Morini, Gardner, Walker; Romanenghi.
Penalità: Zurigo 7x2'; Lugano 11x2'.
Note: Hallenstadion, Zurigo, 10'500 spettatori. Arbitri: Eichmann, Kurmann, Bürgi e Kovacs.

Guarda le 4 immagini
Commenti
 
bobà 2 anni fa su tio
... i ferri presi, ... l'arbitraggio, ... tutte cose che succedono sempre nelle partite. Non deve invece succedere che si giochi per quasi due minuti in 5c3 e fare a malapena un paio di tiri! È qui che abbiamo perso la partita. Tutto il resto è fuffa!
sergejville 2 anni fa su tio
Peccato! partita tiratissima, decisa da un tiro-appoggio nel mucchio. Serie complicata e durissima.
El Jardinero 2 anni fa su tio
Quell'occasione in 5 vs 3 era da sfruttare meglio..contro i Lions a Zurigo non ce ne saranno tante altre... Cmq non concordo contro il continuo biasimo degli stessi stranieri e addossare loro la responsabilità delle sconfitte.Gli attaccanti stranieri sono 3 ma poi c'è tutto il resto della squadra. Se il Lugano cresce come squadra si può sperare di espugnare una volta l'Hallenstadion altrimenti la vedo durissima. E poi più tiri in porta. I Lions appena hanno la possibilità tirano , caspita, noi (che già ne abbiamo meno..) stiamo lì a ricamare...peccato. Sere cmq tiratissima FORZA LUGANO !!
sergejville 2 anni fa su tio
@El Jardinero Giusto. In realtà gli stranieri si stanno quasi annullando. L'hockey è uno sport di squadra. Che noia con 'ste storie sugli stranieri. Sembra di tornare agli anni '90. Se Hofmann tira 3 cm più in basso (asta), siamo qui a parlare di un'altra partita e magari di un altro risultato.
TOP NEWS Sport
SUPER LEAGUE
7 ore
«Punto buono con qualche rammarico»
Maurizio Jacobacci si tiene stretto il pari con il Sion: «Contento di Janga e Covilo»
SUPER LEAGUE
10 ore
Janga felice a metà: «Peccato per quell'occasione...»
Positivo all'esordio, il nuovo attaccante del Lugano può solo crescere: «Da mesi non giocavo più una partita intera»
SUPER LEAGUE
12 ore
Lugano pari e patta, e la classifica si muove
I bianconeri non sono andati oltre lo 0-0 contro il Sion. Pareggio pirotecnico tra San Gallo e Young Boys
PREMIER LEAGUE
14 ore
L'ascesa di Klopp: «Mi chiamarono 20 club, ma avevo i postumi di una festa...»
Il tecnico dei Reds, mai banale, ha raccontato alcuni aneddoti: «All'inizio il Dortmund mi voleva pagare meno del Mainz»
STOP AND GO
17 ore
Lugano aggrappato alla speranza, per l'Ambrì più alibi che punti
Le ultime sconfitte hanno allontanato i bianconeri dai playoff. I biancoblù non hanno superato i loro limiti
SERIE A
18 ore
Coronavirus, in Italia sport in ginocchio
Oltre ai tanti stop nelle serie minori, anche quattro partite di Serie A sono state rinviate
SCI ALPINO
19 ore
Brignone comanda dopo il superG
L'italiana è in vetta dopo la prima prova della combinata. Gisin e Holdener in agguato
BOXE
21 ore
Demolito Wilder, Tyson Fury campione del mondo
Il britannico ha messo le mani sulla cintura WBC; lo statunitense ha gettato la spugna al settimo round
FORMULA 1
22 ore
Ferrari già indietro? «Sono meno ottimista dello scorso anno»
Mattia Binotto, team principal della Rossa: «Gli altri sono molto veloci. Ci sono 22 gare per sviluppare e crescere»
HCAP
1 gior
L'Ambrì non punge e cade ancora: il Ginevra fa festa alla Valascia
Biancoblù sconfitti 1-0 e condannati matematicamente ai playout. Shutout del 19enne Stéphane Charlin
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile