Sevilla
1
Lazio
0
1. tempo
(1-0)
Winterthur
Rapperswil
19:30
 
BENCIC B. (SUI)
0
SABALENKA A. (BLR)
0
1 set
(4-1)
Sevilla
EUROPA LEAGUE
1 - 0
1. tempo
1-0
Lazio
1-0
VAZQUEZ FRANCO
18'
 
 
1-0 BEN YEDDER WISSAM
20'
 
 
 
 
21'
PATRIC GIL
 
 
31'
CAICEDO FELIPE
18' VAZQUEZ FRANCO
20' 1-0 BEN YEDDER WISSAM
PATRIC GIL 21'
CAICEDO FELIPE 31'
First leg (1-0).
Venue: Ramon Sanchez Pizjuan.
Turf: Natural.
Capacity: 42,714.
Referee: Anthony Taylor (ENG).
Assistant referees: Gary Beswick (ENG).
Adam Nunn (ENG).
Fourth official: Lee Betts (ENG).
Sidelined Players: SEVILLA - Ever Banega, Maximilian Wu00f6ber (Susp.).
MATCH SUMMARY: Sevilla were 1-0 winners at Lazio in 1st leg.
Ben Yedder on target in Rome.
Hosts have won 6/6 UEFA home games in 18/19.
Round of 16 draw: Friday 13:00CET.
Ultimo aggiornamento: 20.02.2019 18:34
Winterthur
CHALLENGE LEAGUE
0 - 0
19:30
Rapperswil
Ultimo aggiornamento: 20.02.2019 18:34
BENCIC B. (SUI)
0 - 0
1 set
4-1
SABALENKA A. (BLR)
4-1
WTA-S
DUBAI UAE
Winner plays Halep.
Ultimo aggiornamento: 20.02.2019 18:34
Keystone
HCAP
20.09.16 - 22:180

L'Ambrì lotta, soffre e alla fine porta a casa il successo

I biancoblù si sono imposti alla Valascia 4-3 dopo i rigori contro lo Zugo trovando la prima vittoria stagionale. In rete Monnet, Pesonen e D'Agostini

AMBRÌ - Il sesto turno di LNA ha sorriso all'Ambrì, capace di imporsi alla Valascia contro lo Zugo dopo i rigori con il punteggio di 4-3. I leventinesi sono così finalmente riusciti a portare a casa la prima vittoria stagionale dopo aver perso sei incontri consecutivi, anche se mai successo fu più sudato.

I ticinesi vincevano infatti 3-2 fino a 11 secondi dal termine, momento in cui il "giovane" Holden ha cercato di rovinare i piani agli avversari, realizzando la rete del 3-3 che ha portato le due squadre all'overtime. Alla fine sono serviti 11 rigori per decretare il vincitore e per fare esplodere una Valascia che non ha mai smesso un solo secondo di incitare i propri beniamini.

Bisogna dire che dopo un primo tempo opaco e una doppia superiorità numerica non sfruttata nel terzo periodo, il fantasma dell'ennesima sconfitta aleggiava dalle parti della Leventina, ma fortunatamente così non è stato, anzi. Tutto quello che finora era sembrato non andare per il verso giusto, in un attimo è cambiato: hanno trovato infatti la via della rete i criticati Pesonen (anche due gol su rigore per lui, ndr) e D'Agostini, con quest'ultimo che ha sfatato il tabù powerplay, siglando la terza rete in 5 contro 4. Oltre a questo, la squadra non è naufragata all'overtime come successo nelle altre partite e dulcis in fundo, dopo 11 rigori, è stato un altro nuovo acquisto a regalare i due punti alla squadra: Guggisberg.

Per l'occasione Hans Kossmann ha deciso di rimescolare per l'ennesima volta le linee, ma questa volta ha avuto ragione. L'head-coach leventinese ha probabilmente schierato in prima linea i suoi uomini migliori sulla carta, ovvero D'Agostini, Emmerton e Monnet.

Nel primo tempo però, i padroni di casa hanno sofferto molto l'iniziativa dei Tori, i quali hanno preso in mano il pallino del gioco e sono andati più volte vicino alla rete, soprattutto con Zangger e Diaz. Vantaggio che è arrivato al 15' grazie alla premiata ditta Martschini-Suri, con quest'ultimo abile a superare Zurkirchen. Da segnalare che i biancoblù, nonostante abbiano subìto le iniziative degli avversari, sono andati più volte al tiro, ma come spesso è accaduto nelle prime giornate di campionato, il disco non ha voluto saperne di entrare. 

Nel periodo centrale i leventinesi sono scesi sul ghiaccio molto più determinati e dopo le iniziative di Guggisberg, Emmerton e Lhotak non andate a buon fine, sono riusciti a trovare il meritato pareggio con Monnet, bravo a deviare nello slot una conclusione di Mäenpää. Realizzato l'1-1, D'Agostini e compagni hanno preso coraggio, andando vicino alla seconda segnatura ancora con Monnet e con capitan Duca, ma dopo 40' il punteggio non è più cambiato.

Nell'ultimo terzo Senteler ha gelato la Valascia dopo meno di un minuto di gioco (1-2), ma invece di sprofondare, i biancoblù hanno reagito, portandosi nel giro di 4' sul 3-2 grazie ai sigilli di Pesonen e D'Agostini in superiorità numerica. Quando sembrava che ormai i biancoblù avessero i tre punti in tasca Holden, come detto, ha siglato a 11 secondi dal termine dell'incontro il 3-3.

Questa rete non ha fortunatamente tagliato le gambe ai ticinesi, i quali sono riusciti a rialzare la testa e a vincere dopo i rigori.

Da segnalare l'ottma prova di Zurkirchen e di Fuchs, con quest'ultimo che si è rivelato un'autentica spina nel fianco della retroguardia ospite.

Grazie a questi due punti i ragazzi di Kossmann ne hanno ora 4 in classifica, due lunghezze in meno del Friborgo decimo, ma tre in più del Langnau, ultimo.

AMBRÌ - ZUGO dr 4-3 (0-1, 1-0, 2-2, 0-0)

Reti: 14'16 Suri (Martschini, Diaz) 0-1; 32'48 Monnet (Mäenpää, Lhotak) 1-1; 41'02 Senteler (Martschini, Immonen) 1-2; 49' Pesonen (Emmerton) 2-2; 52'47 D'Agostini (Mäenpää, Lhotak, 5c4) 3-2; 59'49 Holden (McIntyre, Martschini) 3-3.
AMBRÌ: Zurkirchen; Mäenpää, Berger; Monnet, Emmerton, D’Agostini; Jelovac, Trunz; Pesonen, Fuchs, Kostner; Gautschi, Zgraggen; Berthon, Lhotak, Guggisberg; Fora, Ngoy; Lauper, Kamber, Duca

Commenti
 
tazmaniac 2 anni fa su tio
una rondine non fa primavera. Contento però di aver centrato in pieno il risultato all'azzeccahockey, abbinato a quello del Lugano ... ;o)
Srdjan Tomic 2 anni fa su fb
Alex Della Torre
Alex Della Torre 2 anni fa su fb
Siii???
Marcel Baier 2 anni fa su fb
È ora cuntinuate cosi nei prosimi giorni
Joao Bienert 2 anni fa su fb
Complimenti! Meglio tardi che mai!
Davide Lentschik 2 anni fa su fb
Siiiiiiiii cazzzo ⚪?
Filippo Gaiani 2 anni fa su fb
Sharon Brusorio yeyeyeye
Sharon Brusorio 2 anni fa su fb
Solo culo ?
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Sport
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report