LNA
01.09.16 - 09:000

La porta ai giovani. ADC rischia tutto, ma lui può farlo

A Davos hanno deciso di affidarsi alla coppia Van Pottelberghe/Senn per il post Genoni. I giovani, in gialloblù, hanno sempre grandi possibilità

DAVOS - I gialloblù sono all'anno uno dopo Leonardo Genoni: quanto sono "buoni" i giovani Joren van Pottelberghe e Gilles Senn?

Con il coach-icona Arno Del Curto, alla 21esima stagione a Davos, non ci si annoia mai. Un anno dopo aver "deciso" l'addio di Reto von Arx , il 60enne ha infatti accettato la sfida di affrontare la stagione senza Leonardo Genoni. Il collaboratore più importante dell'allenatore sarà, nei prossimi mesi, Marcel Kull, allenatore dei portieri che in passato ha lavorato con Jonas Hiller, Reto Berra e Genoni: è a lui che sarà affidato il giovane duo Joren van Pottelberghe (19) e Gilles Senn (20).

Punti di forza:
In realtà Van Pottelberghe e Senn permettono al Davos di affrontare la stagione con relativa tranquillità. E questo perché davanti a loro hanno una difesa molto, molto forte, che potrebbe fare invidia anche a Berna e Zurigo. Con Félicien Du Bois, il solidissimo Beat Forster, il grintoso Noah Schneeberger e i giovani e pimpanti Claude-Curdin Paschoud, Simon Kindschi, Fabian Heldner, Marco Forrer, Sven Jung, Ruben Rampazzo e Jens Nater, in gialloblù possono star sereni. Questo anche perché alla partenza di Samuel Guerra (finito a Zurigo) Del Curto ha risposto con l'ingaggio dell'ex nazionale svedese Daniel Rahimi.

Punti a sfavore:
Nonostante tutto il "caso-portieri" è da monitorare. In questo hockey in molti pensano infatti che il numero uno valga il 50% della squadra e che senza un buon estremo difensore non si possa pensare di vincere alcuna serie di playoff. Van Pottelberghe è sicuramente una delle più grandi speranze svizzere. Senn, invece, fa un po' preoccupare.

Speciale:
Per la prima volta dal 1971 (con il mitico Bibi Torriani), il Davos sarà guidato da un allenatore sessantenne. Il 23 luglio scorso Arno Del Curto ha infatti tagliato l'importante traguardo. È questo un problema? No, in realtà sono solo numeri. Questo perché, in primo luogo, ADC dimostra dieci anni meno di quanti ne abbia veramente e poi, ossessionato com'è dal suo lavoro, rende come un giovane.

Giovani:
A differenza di altri club, dove neppure sanno scrivere le parole "sviluppo dei giovani", a Davos Del Curto ha espressamente richiesto di poter disporre di forze nuove. Nella stagione che sta per cominciare ADC punterà (anche) su Nater, Forrer, Kindschi, Heldner, Kessler, Schläpfer e Egli, tutti pronti a imparare e a lasciare il segno.

Partecipa anche tu alla nuova edizione dell'Azzeccahockey. Iscriviti su tio.ch/sport/azzeccahockey

 

HOCKEY: Risultati e classifiche

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
GI 3 anni fa su tio
Il grande Arno del Curto sa benissimo quali rischi può prendere, basta andarsi a leggere il curricolum del HCD degli ultimi 20 anni ......credo che non vi siano paragoni....!
Antares46 3 anni fa su tio
Vero che Del Curto lavora bene con i giovani e non ha remore a farli giocare nella prima squadra. Ma giovani del vivaio Davos pochi. Sono quasi tutti giovani provenienti da altre squadre!
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
CALCIO
1 ora
Basta Italia (per ora), Allegri andrà all'estero
L'ex tecnico della Juve è pronto per la sua prima avventura al di fuori dei confini italiani
LIGUE 1
5 ore
Icardi & PSG è fatta... e c'è la clausola anti Juve
L'attaccante argentino si è accordato con i parigini per le prossime quattro stagioni
SERIE A
8 ore
«Il Dom Perignon mi sembrava acqua, la colomba pane. È stato terribile»
L'allenatore dell'Atalanta Gasperini: «Ogni due minuti passava un'ambulanza e di notte pensavo di morire...»
FORMULA 1
11 ore
«Vettel vuole andare alla Mercedes e lanciare la sfida a Hamilton»
L'ex boss della Formula 1 ha consigliato al tedesco un anno sabbatico
TENNIS
21 ore
«Federer è stato fortunato»
Il francese Gasquet si è espresso in merito al momento "scelto" dal collega per sottoporsi all'operazione al ginocchio
MOTO GP
1 gior
Petrucci sbotta: «Miller? Se ne parla dall'anno scorso e non fa piacere»
Il pilota italiano lascerà con tutta probabilità la Ducati al termine della corrente stagione: «Questa è la vita»
BUNDESLIGA
1 gior
Mbabu in rete ma non basta: Wolfsburg battuto
Zuber vince il derby elvetico su Edimilson Fernandes, grazie all'1-0 dell'Hoffenheim colto sul campo del Magonza
CALCIO
1 gior
Covid-19: deceduto (insieme a zio e padre) il primo calciatore professionista
Il 25enne difensore dell'Universitario del Beni è stato colpito in maniera virulenta dal virus
HCL
1 gior
Peter Cehlarik ha firmato con il Lugano? Il club smentisce
Dal 2016 l'attaccante slovacco gioca per i Boston Bruins.
PREMIER LEAGUE
1 gior
Brendan Rodgers: «Ho contratto il virus, camminavo a malapena...»
L'allenatore del Leicester: «Non sentivo né gusti né odori ed era come se avessi una parte della testa isolata»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile