Turgovia
La Chaux de Fonds
19:45
 
Turgovia
LNB
0 - 0
19:45
La Chaux de Fonds
Ultimo aggiornamento: 17.10.2018 18:48
HCL
09.03.16 - 07:000

«Lugano perfetto? Quasi... Il 3-0 non ci regala ancora nulla»

Nonostante la gioia per la grandissima prestazione offerta in occasione di gara-3 a Zugo, Raffaele Sannitz non vuole fare voli pindarici e mette nel mirino gara-4. «Lapierre fondamentale per noi»

ZUGO - Famelico, pungente, graffiante e pronto alla lotta: il Lugano sembra non temere nessuno, soprattutto questo Zugo che fin qui, nelle prime tre sfide dei quarti di finale, non ci ha capito davvero nulla. Il 3-0 in favore del Lugano, con tanto di 2-5 maturato martedì sera alla Bossard Arena, la dice lunga anche se in casa bianconera si cerca di stare con i piedi ben ancorati a terra, sapendo benissimo che giovedì, in occasione di gara-4, i Tori le proveranno tutte per allungare la serie.

«Eravamo concentrati fin dall'inizio, è andato tutto bene e trovarci immediatamente sul 2-0 ci ha dato una grossa mano - ha esordito Raffaele Sannitz - Una volta in vantaggio siamo stati bravi a controllare il risultato, a restare uniti e ognuno ha saputo sacrificarsi per il compagno: questo è il vero spirito dei playoff».

Se al Lugano è girato tutto bene, però, è perché i bianconeri hanno interpretato quest'avvio di post season, e in particolare i primi minuti di gara-3, col giusto atteggiamento. Come si dice: la fortuna, aiuta gli audaci. «Ovviamente si! Ciò che abbiamo ottenuto l'abbiamo cercato... forse non siamo stati perfetti fino all'ultimo dettaglio, ma abbiamo giocato una gran partita. È probabile che loro abbiano subìto il contraccolpo sia dello 0-2 nella serie che dello 0-2 in avvio di match, però se siamo riusciti a mettere un freno a giocatori come Suri, Martschini, Holden e Bouchard è anche merito nostro», ha sottolineato il numero 38 bianconero.

Ciò che continua a sorprendere nel gioco dei sottocenerini è la fisicità che tutti i ragazzi di Shedden riescono a mettere sul ghiaccio, partita dopo partita. I carriarmati zughesi hanno trovato spesso un muro invalicabile davanti a loro contro il quale hanno sbattuto a ripetizione... «Vogliamo rispondere anche sotto quel punto di vista, colpo su colpo. Un giocatore come Lapierre non può che aiutarci e gli effetti si stanno vedendo... Stasera abbiamo giocato assieme, dando vita con Walker a una linea fisica che potesse essere in grado di contenere i loro primi due blocchi. Ci siamo riusciti, se poi arriva anche il gol come nel mio caso... beh non può che far piacere e ci da ancora più carica», ha continuato.

Al suono della terza sirena, recuperate le energie del caso, la testa è però già volata a giovedì quando alla Resega si giocherà gara-4. Una sfida già decisiva, che potrebbe regalare al Lugano un obiettivo, un passo in avanti che manca ormai dal 2006... «Sarà la gara più difficile di quelle disputate fin qui. È vero, siamo sul 3-0 ma questo risultato non ci regala nulla. Lo Zugo non ci regalerà nulla: dovremo lottare come fatto fin qui, se non di più... poi faremo i conti», ha concluso Sannitz.

Commenti
 
Homer_Simpson 2 anni fa su tio
Sandro Bertaggia: "Prima della quarta vittoria nulla è scontato e lui (Tiziano Giannini) lo sa bene". Hahahahahahahahahahahaha
GI 2 anni fa su tio
Una squadra che riesce a segnare cinque reti con cinque diversi giocatori non può che andar lontano !!! Forza magico Lugano (e fa anche rima....)
Potrebbe interessarti anche
Tags
lugano
zugo
fin qui
partita
sannitz
TOP NEWS Sport
Copyright ©2018 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report