Immobili
Veicoli
TI-Press
+8
L’OSPITE - ARNO ROSSINI
10.03.21 - 08:000
Aggiornamento : 16:22

«Renzetti si disamora facilmente, passato un anno gli cala la passione»

Arno Rossini: «Di riffa o di raffa, il Lugano si salverà».

Lo Zurigo alle spalle, il Vaduz di fronte: «I bianconeri non perderanno».

LUGANO - La controprestazione - con annessa sconfitta - firmata contro lo Zurigo ha fatto nuovamente suonare un campanello d’allarme a Lugano dove, nelle ultime magre settimane, hanno visto la loro ambizione tramutarsi rapidamente in preoccupazione. Questo (anche) a causa di uno dei campionati più equilibrati che ci si ricordi. Nonostante il netto rallentamento invernale, i bianconeri sono infatti lontani appena quattro lunghezze dalla seconda piazza. Tutto a posto, dunque? Per nulla: con il Sion, penultimo, staccato di appena cinque punti, c’è poco da star tranquilli. 

E all’orizzonte c’è la delicatissima sfida al Vaduz, fanalino di coda ma… vivo e vegeto.

«Di riffa o di raffa questo Lugano si salverà - è intervenuto Arno Rossini - Magari faticherà, alternerà buoni risultati a capitomboli, ma alla fine conserverà il suo posto in Super League».

Vaduz è uno snodo cruciale.
«Sì, certo. Ovvio. E tenete conto che contemporaneamente, domenica pomeriggio, si giocherà un Sion-Servette che potrebbe ulteriormente mischiare le carte. Ma vedrete che i ticinesi non perderanno. I biancorossi non hanno una grandissima difesa, la metteranno molto sul fisico… mi immagino una partita come quella del Tourbillon».

Lo scorso autunno indicavi i bianconeri come possibile sorpresa del campionato. «Sono da terzo-quarto posto»…
«Ma lo penso ancora. E in fondo basterebbe molto poco per tornare a occupare quelle posizioni. Anzi, con il Basilea in grossissima difficoltà, pure il secondo posto sarebbe comodamente alla loro portata. Di squadre nettamente superiori, a livello di qualità, non ne vedo molte».

Questo “poco” passa da una continuità e da un pragmatismo al momento assenti.
«Il Lugano ha grossissime difficoltà nella costruzione del gioco. Domenica, a un certo punto, Jacobacci ha anche provato ad arretrare Bottani. Non è servito. Il problema è che manca qualità in mezzo al campo».

Chi c’è non basta?
«A Lovric ultimamente è mancata la scintilla. Sabbatini poi, che è il vero cervello della squadra, sta facendo fatica. E senza il loro capitano al top, uno che ha visione di gioco, senso dell’anticipo e sa sempre dove mettere la palla, i bianconeri arrancano».

La squadra non gira, la classifica è quella che è… rimane il mister: Jacobacci rischia?
«Dipende da Vaduz. Dovesse arrivare una sconfitta, la situazione si farebbe critica anche per Maurizio. Con un pari o un successo, invece, tornerebbe immediatamente il sereno. Ho l’impressione che Renzetti stia tenendo duro: abbia messo in conto gli alti e i bassi che potranno arrivare e abbia voglia di chiudere con questo tecnico per poi voltare pagina. Cambiare, comunque, per me non avrebbe senso a questo punto: a Cornaredo rischierebbero di sprecare tempo - che non hanno - per provare ad abituarsi alle idee di un nuovo timoniere. Meglio, e giusto, chiudere con chi già c’è».

Ma non continuare…
«Rimango della mia idea: se avessero voluto “rinnovare” Jacobacci, l’avrebbero già fatto. A questo punto è invece chiaro che le strade di club e allenatore si separeranno». 

Per volere di chi?
«Della società, senza ombra di dubbio. Se gli propongono un nuovo contratto alle 3 di mattina, Jacobacci firma subito. Il presidente non apprezza il gioco scelto dall’allenatore - e lo ha già più volte fatto presente - e in più si disamora facilmente. Passato un anno gli cala la passione...».

CALCIO: Risultati e classifiche

Ti-press (Davide Agosta)
Guarda tutte le 12 immagini
Potrebbe interessarti anche
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
CHAMPIONS LEAGUE
4 ore
Champions League: il Real Madrid fa 14, piange il Liverpool
Sorretti da un Courtois incredibile, i blancos hanno trionfato in finale grazie all'1-0 rifilato ai Reds.
TAMPERE & HELSINKI 2022
7 ore
Il dado è tratto: Canada-Finlandia in finale
La seconda semifinale ha premiato nettamente i canadesi, impostisi 6-1 sulla Repubblica Ceca
MOTOMONDIALE
11 ore
Marquez, calvario senza fine: nuova operazione e nuovo stop
Lo spagnolo: «Da quando ho avuto l'infortunio tutto si è complicato ed è difficile superare questo periodo».
MOTOMONDIALE
12 ore
Mugello a tutta Italia: prima il ritiro del 46 di Rossi, poi lo show in pista
Prima fila tutta azzurra con Bezzecchi e Marini rispettivamente secondo e terzo
SERIE A
16 ore
La fine di un'era: «Fiero di aver vestito questa gloriosa maglia»
Franck Kessié si è congedato dal Milan dopo aver conquistato uno Scudetto.
MOTOCICLISMO
20 ore
L'incidente a 280km/h di Petrucci: «Felice di essere vivo»
Il pilota italiano: «Non voglio polemizzare, ma ho rotolato per oltre cento metri senza che nessuno mi aiutasse».
HCL
1 gior
L'HCL inizia a preparare la sua stagione a... Lugano Marittima
Il CEO bianconero Marco Werder ha anche parlato di Thürkauf in Nazionale: «Felicissimi di aver puntato su di lui».
TENNIS
1 gior
Impresa della Teichmann: stesa la Azarenka
La tennista rossocrociata si è qualificata per gli ottavi di finale dello slam parigino: 4-6, 7-5, 7-6 il punteggio.
HCAP
1 gior
Lionel Marchand all'Ambrì
L'attaccante 20enne si è accordato con i biancoblù per le prossime due stagioni.
NATIONAL LEAGUE
1 gior
Colpo alla... transenna per l'Ajoie
L'ex head-coach della nazionale ceca - Filip Pesan - ha firmato un contratto biennale con la formazione giurassiana.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile