Freshfocus
SUPER LEAGUE
04.03.21 - 11:400
Aggiornamento : 15:11

«Lugano? Ci servono punti, di certo non firmiamo per un pareggio»

Fari sul Tourbillon, dove il Sion di Tosetti riceve i bianconeri: «Più che dei bei fraseggi, ci saranno duelli ruvidi».

I vallesani, affamati di punti, devono reagire dopo lo scivolone contro il Vaduz: «Abbiamo fatto tutto noi e siamo riusciti a perdere. Questa sconfitta ci ha lasciato grande frustrazione: ora dobbiamo mostrare il nostro vero carattere».

SION - Da una parte il Lugano, uscito frastornato dal match di Losanna, dall’altra il Sion, inciampato malamente tra la mura amiche contro l'ormai ex Cenerentola Vaduz, che vincendo aveva agganciato proprio i vallesani e messo ulteriore pressione al gruppone di chi sta davanti e zoppica. La classifica cortissima e la bagarre salvezza sempre più accesa fanno il resto: quello di stasera al Tourbillon è diventato un duello da bollino rosso, con due squadre ferite che hanno bisogno di punti e sono chiamate a una decisa reazione.

«Abbiamo lavorato al meglio in vista del Lugano, ma come prima cosa abbiamo dovuto smaltire la grande delusione per il ko col Vaduz - spiega Matteo Tosetti, esterno dei vallesani - Abbiamo fatto tutto noi e siamo riusciti a perdere contro una squadra che cercava al massimo il pari. Non giocavano a calcio, eppure siamo riusciti a farli vincere. È una sconfitta che pesa. Ci ha lasciato grande frustrazione, ma bisogna trasformarla in energia in vista del prossimo match. Fortunatamente si torna subito in campo e non c’è tempo per piangersi addosso: ora dobbiamo mostrare il nostro vero carattere».

Insomma una sconfitta bruciante, contro una squadra che però sta risalendo la china e macinando punti.
«Niente da dire, si giocano bene le loro carte. Non sono molte ma lo fanno al meglio: certo non è facile affrontare qualcuno che si “rifiuta” di giocare. Siamo stati ingenui e abbiamo sbagliato concedendo due rigori. Avevamo tutte le possibilità per vincere, ma a un certo punto - per come si era messa - potevamo portare a casa almeno un pareggio. Ci avrebbe comunque lasciato l'amaro in bocca, ma almeno mantenevamo la distanza in classifica. Nel 2021 siamo cresciuti parecchio, ma a volte commettiamo ancora troppi gravi errori».

Di norma il presidente Constantin non ha troppa pazienza. La società come vive questo momento?
«Penso che il presidente sia parecchio arrabbiato e soprattutto deluso per la situazione che si è creata. Abbiamo le carte in regola per fare un altro campionato. Il Sion merita altro. C’è voglia, qualità ed entusiasmo, ma sul campo abbiamo raccolto un po' poco. La società ha comunque sempre dato fiducia al gruppo, adesso sta a noi uscirne».

Al timone c’è sempre Fabio Grosso, ex difensore ed eroe del Mondiale 2006 con l’Italia. 
«Incontrarlo per la prima volta mi aveva fatto un certo effetto. Insieme al mio agente avevo un appuntamento con la società e si presentò a sorpresa dopo l’allenamento per parlarmi e convincermi a firmare. Poi, non mi nascondo, non sono contento di come sta andando la mia stagione. Ho dovuto giocare anche in ruoli non “miei” e in situazioni complicate. Ho sempre cercato di dare il massimo, ma non sono soddisfatto. Adesso ci sono ancora 14 partite per svoltare, ma bisogna farlo da subito».

A Sion si augurano già da questa sera, contro un Lugano risucchiato nella bagarre dopo il ko col Lucerna e le sberle prese a Losanna.
«Sì, ma a parte l’YB sono tutte lì. Bastano due sconfitte di fila e sei nei bassifondi. Queste sono partite complicate e, in un certo senso, anche brutte da giocare. Più che dei bei fraseggi ci saranno duelli ruvidi. I dettagli decideranno il match. Fa un po’ male dirlo, ma ora sono le partite che ci meritiamo. Se siamo lì è colpa nostra. Dobbiamo essere più brutti, ma più efficaci e portare a casa la posta piena».

Anche il Lugano deve cambiare passo. Sono solo 8 i punti conquistati negli ultimi 10 incontri.
«Hanno fatto un grande girone di andata accumulando un buon vantaggio, ma ora se lo sono un po’ “giocato”. Tutte le squadre hanno un periodo no durante un campionato. In questi casi, proprio come dobbiamo fare noi, bisogna restare lucidi e tranquilli. Dal Lugano mi aspetto una reazione, ma mi auguro dal match del weekend… non contro di noi (ride, ndr)».

I primi due incroci stagionali sono finiti in parità.
«Vero, ma in questo caso un pareggio non gioverebbe molto alla nostra causa… noi di certo non firmiamo per un altro pari. Ora ci servono punti pesanti».

CALCIO: Risultati e classifiche

Freshfocus
Guarda le 3 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
roma 6 mesi fa su tio
...oggi contanto solo i 3 punti, tutto il resto è "fuffa"
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
FORMULA 1
34 min
Wolff su Verstappen: ecco il chiarimento
Il boss della Mercedes ha parlato nuovamente del contatto avvenuto fra i due piloti nell'ultimo Gran Premio.
HCAP
10 ore
L’Ambrì cade ma non piange
Ambrì agguerrito, Zugo implacabile: prima sconfitta in campionato
HCL
10 ore
Tre gol dell'ex Brunner: Lugano colpito e affondato
Il BIenne ha espugnato la Cornèr Arena 5-3. Per i sottocenerini da segnalare la doppietta di Fazzini.
COPPA SVIZZERA
10 ore
Il Lugano soffre ma si qualifica
Lungoyi, in extremis, ha regalato la qualificazione al Lugano
MOTOGP
13 ore
Non solo l'infortunio: «Marquez? Non è più rispettato come prima»
L'ex pilota Sito Pons si è espresso a proposito del motomondiale: «Quartararo, Mir e Martin non hanno paura di lui».
EUROPA LEAGUE
14 ore
Insulti e botte da orbi: arrestati 9 tifosi del Napoli
È successo prima della partita fra il Leicester e i partenopei, terminata in parità (2-2).
NHL
16 ore
Zanetti, il ticinese in NHL: «Devo continuare a lavorare al massimo»
Il difensore - draftato dai Flyers - è reduce dal Camp organizzato dalla franchigia di Philadelphia.
HCAP
20 ore
«Convincere: questa è stata la difficoltà più grande»
L'avvocato Brenno Canevascini: «Venerdì scorso sono rimasto a bocca aperta»
TICINO
20 ore
Miglior sportivo ticinese: ecco i venti finalisti
Guida la classifica provvisoria Ajla Del Ponte, davanti a Noé Ponti e Filippo Colombo.
NATIONAL LEAGUE
1 gior
«Si cresce un passo alla volta: ogni sfida è un’occasione per farlo»
Il Lugano di McSorley e l'Ambrì di Cereda guardano con fiducia agli insidiosi duelli del weekend.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile