Ti-press (Alessandro Crinari)
+4
SUPER LEAGUE
03.03.21 - 12:360
Aggiornamento : 16:00

«Maric e Sabbatini non possono portare la croce da soli»

«Losanna da dimenticare, a Sion partita maschia».

Maurizio Jacobacci vuol voltare pagina dopo l'ultima prestazione. E con il Lugano è pronto per il Tourbillon.

LUGANO - Una serie negativa da interrompere e, soprattutto, una prestazione negativa (quella di Losanna) da cancellare costringono il Lugano a sprintare. Ma i bianconeri, quelli attuali, sono in grado di pigiare il piede sull’acceleratore? Per scoprirlo si dovrà attendere giovedì (ore 18.15) quando, al Tourbillon, andrà in scena la delicata e difficile sfida al Sion. Contro i biancorossi vallesani, mister Jacobacci ritroverà Maric, Custodio e i rientranti dalla squalifica Bottani (che sarà schierato in attacco con Ardaiz) e Kecskes. Fuori causa, invece, Guerrero e Lovric. 

«Quella di Losanna è una partita da dimenticare - ha ammesso proprio il mister bianconero nella consueta conferenza stampa settimanale - Gli incroci con Lucerna e Servette, nei quali siamo andati vicini a fare risultato, hanno avuto delle ripercussioni, anche se io non pensavo potessero essere così forti. A Losanna tutti i giocatori volevano assolutamente fare una gran prestazione però non ci sono riusciti. E questo perché c'è stata una rivale che è stata molto aggressiva. E per noi mentalmente qualcosa non ha funzionato. Non abbiamo lottato insieme. Io la partita non l’ho più riguardata, ora voltiamo pagina e pensiamo al Sion».

Tra i tanti dubbi del periodo ci sono quelli relativi a Baumann
«Di cui mi fido assolutamente. A parte l’inizio, contro il Losanna ha salvato la porta in due o tre circostanze. Io e la squadra ci fidiamo».

A Losanna è mancata leadership. Non c’era Maric, Sabbatini non ha convinto...
«Con loro due ho parlato il giorno dopo, perché sono importanti per il gruppo facendosi sentire. È chiaro però che non possono portare da soli la croce; possono però aiutare a spingere lo spogliatoio. Possiamo uscire da questa situazione solamente insieme, siamo tutti responsabili dei nostri atti. La reazione deve arrivare da tutto il gruppo e non parlo solo degli undici che entrano in campo».

Che Sion sarà?
«Aggressivo e sicuramente voglioso di riscattarsi in casa dopo la partita contro il Vaduz. Ci aspetta sicuramente una partita molto maschia, molto difficile. Importante sarà non presentarsi in casa loro con paura. Dobbiamo ricordarci di quello che siamo stati capaci di fare fino a poco tempo fa, di renderci conto che abbiamo un vissuto importante e che sappiamo giocare a calcio. Entrare in campo con la determinazione giusta e con la grinta giusta sarà fondamentale. Dobbiamo cercare di metterci in condizione di poter creare delle occasioni e soprattutto di fare gol. Andiamo lì per vincere, non per sperare di fare un punto. Guardiamo il bicchiere mezzo pieno...».

In attacco questo Lugano ha bisogno di qualcosa in più. Abubakar, Gerndt…
«Abubakar è abbastanza tranquillo; anche come persona è molto tranquillo. Sa benissimo che a Losanna non ha fatto una grande prestazione, però non ha neppure avuto tante palle giocabili. Gerndt è importante. Ha accettato il ruolo attuale però deve anche capire che quando schierato può e deve dare sicuramente di più. Però si vede che c'è, che è sul pezzo».

CALCIO: Risultati e classifiche

Ti-press (Alessandro Crinari)
Guarda tutte le 8 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
uriah heep 1 mese fa su tio
Ma , speriamo 🤞 ma ci vuole una svolta ed una lotta /battaglia tutti assieme 95min! Forza e coraggio !!
Potrebbe interessarti anche
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
MILANO
25 min
Ibra e il pranzo in zona rossa: la Regione Lombardia rimuoverà lo spot anti-Covid di Zlatan?
Domenica lo svedese si è recato in un ristorante di Milano per pranzare con altre persone, nonostante la zona rossa.
CICLISMO
4 ore
Armstrong: motorino nella bici? Nuovi (inquietanti) dettagli
Alcuni video mostrerebbero un metodo comune: mano di Lance sulla parte posteriore della sella e velocità che aumenta
MONDIALI
8 ore
«I Mondiali di hockey si terranno al 100%», l’ex Premier ci dà la sua parola
Miracoli lettoni per cancellare la Bielorussia: nuova Arena costruita in tempi record.
HCL
11 ore
Playoff, fuoco alle polveri: il Lugano accoglie il Rappi
Con i quarti di finale scatta la caccia al titolo. I bianconeri, praticamente al gran completo, ospitano il Rapperswil.
HCAP
21 ore
«È davvero finita, ma i ricordi resteranno per sempre»
Nicola Celio, storico capitano biancoblù: «Nei playoff ne vedremo delle belle. All’Ambrì davanti è mancato qualcosa».
COPPA SVIZZERA
1 gior
Jacobacci: «Coppa o secondo posto? Entrambi!»
Il Lugano domani accoglierà il Lucerna per i quarti della coppa nazionale: «Ce la giochiamo alla pari».
HCL
1 gior
Parte la caccia al titolo, Pelletier: «Il Rappi ha diversi giocatori pericolosi»
Eccetto Traber, l'allenatore del Lugano avrà l'intera rosa a disposizione per gara-1 in agenda domani sera in Ticino.
HCAP
1 gior
«Rischiai di fare il presidente per sole tre settimane. Ed invece...»
Parola a Filippo Lombardi: «Portar via un pezzo di Valascia? Sarà possibile...».
SUPER LEAGUE
1 gior
Lugano vincente e sereno, allarme rosso in casa Sion
Gli uomini di Jacobacci, piegando 1-0 il Losanna, hanno difeso il terzo posto e raggiunto quota 40.
PRE-PLAYOFF
1 gior
Berna ai playoff: Pestoni & Co fanno fuori il Davos
Gli Orsi vincono 3-0 gara-3 e si qualificano per i quarti di finale. Da martedì se la vedranno con lo Zugo.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile