Imago
SERIE A
24.02.21 - 18:500
Aggiornamento : 25.02.21 - 09:00

«Per loro non sono un parassita»

Potente, influente e a volte "odiato"... Mino Raiola si difende: «Lavoro per il bene dei miei assistiti: nulla di più»

MILANO - Amato da alcuni, odiato da altri, il super agente Mino Raiola finisce spesso sotto i riflettori per il suo "modus operandi" e la gestione dei contratti dei suoi assistiti. Non c'è sessione di mercato senza la sua presenza "ingombrante", con molte società costrette anche ad inghiottire bocconi amari per assecondare le sue esose richieste.

Oltre ad essere importante e influente, Raiola è spesso "etichettato" come particolarmente avido nelle sue richieste. In un'intervista alla "BBC" l'agente ha parlato proprio di questo argomento, spiegando il suo punto di vista.

«Devo ammettere che non è bello sentire sempre i soliti pregiudizi - ha spiegato il 53enne italo-olandese - Il pubblico, quando legge certe cose, dovrebbe anche chiedersi: "Perché se quest'uomo è così avido, i suoi giocatori sono tutti felici e restano con lui?". Solo i giocatori - come Ibra o Donnarumma - possono giudicare il mio operato e dire se sono un buon agente. Non è questione di potere e influenza. Il mio ruolo è ottenere il miglior accordo per ogni mio giocatore. Niente di più. Fare questo significa anche assicurargli una serie di servizi che la gente non conosce e non immagina. I miei assistiti non mi chiamano parassita e sanno come lavoro. Mentirei se dicessi che certe cose che sento non mi danno fastidio, ma in fondo mi interessa solo come mi chiamano i miei calciatori».

CALCIO: Risultati e classifiche

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
RobediK71 1 mese fa su tio
Ti chiamano papà ?
Potrebbe interessarti anche
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
HCAP
2 ore
«È davvero finita, ma i ricordi resteranno per sempre»
Nicola Celio, storico capitano biancoblù: «Nei playoff ne vedremo delle belle. All’Ambrì davanti è mancato qualcosa».
COPPA SVIZZERA
6 ore
Jacobacci: «Coppa o secondo posto? Entrambi!»
Il Lugano domani accoglierà il Lucerna per i quarti della coppa nazionale: «Ce la giochiamo alla pari».
HCL
9 ore
Parte la caccia al titolo, Pelletier: «Il Rappi ha diversi giocatori pericolosi»
Eccetto Traber, l'allenatore del Lugano avrà l'intera rosa a disposizione per gara-1 in agenda domani sera in Ticino.
HCAP
13 ore
«Rischiai di fare il presidente per sole tre settimane. Ed invece...»
Parola a Filippo Lombardi: «Portar via un pezzo di Valascia? Sarà possibile...».
SUPER LEAGUE
16 ore
Lugano vincente e sereno, allarme rosso in casa Sion
Gli uomini di Jacobacci, piegando 1-0 il Losanna, hanno difeso il terzo posto e raggiunto quota 40.
PRE-PLAYOFF
1 gior
Berna ai playoff: Pestoni & Co fanno fuori il Davos
Gli Orsi vincono 3-0 gara-3 e si qualificano per i quarti di finale. Da martedì se la vedranno con lo Zugo.
MOTOGP
1 gior
Vale Rossi da rottamare? «Con calma»
Alessio Salucci ha spostato il “mercato”: «Yamaha e Suzuki, faremo una scelta».
SUPER LEAGUE
1 gior
Lugano scavalcato dal Servette, Sion nei guai
I ginevrini si sono imposti al Letzigrund 2-1, mentre la formazione romanda ha perso 3-0 uno scontro delicatissimo.
SERIE A
1 gior
Il Genoa di Behrami cade a Torino: successo della Juve
I bianconeri di Pirlo si sono imposti per 3-1, tornando a -1 dal Milan.
SERIE A
1 gior
L'Inter non si ferma più: battuto anche il Cagliari
Grazie a un gol di Darmian realizzato al 77', la squadra di Conte è tornata a +11 sul Milan
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile