Keystone/archivio
SERIE A
03.12.20 - 20:330
Aggiornamento : 04.12.20 - 12:55

«Con la leucemia ho unito tutti, anche chi mi insultava»

Mihajlovic, mister del Bologna: «Sono un soldato, ci ho messo mentalità e voglia di vivere, ma il merito è dei dottori»

BOLOGNA - Schietto, diretto e mai banale, Sinisa Mihajlovic è tornato a parlare della brutta malattia che lo ha colpito e delle sue conseguenze. «Durante la mia carriera sono sempre stato uno che divideva, non sono mai stato uno che univa e me ne prendo le responsabilità - ha spiegato Miha riferendosi al suo passato da calciatore, ma anche al presente da allenatore - Con questa malattia praticamente sono riuscito a riunire tutti, anche quelli che mi insultavano e dicevano "zingaro di m****...". All'inizio mi piaceva, ero contento. Poi però mi sono detto: "Così è tutto piatto, non posso andare allo stadio che mi applaudono tutti"», ha aggiunto col sorriso il mister del Bologna, intervistato da "Radio 105".

Il tecnico, con la solita grinta e grande carattere, ha combattuto come un soldato contro la leucemia, che gli era stata diagnosticata nell'estate 2019. «Mi ha aiutato molto essere uno sportivo, io sono un malato di regole, anche perché sono cresciuto in un Paese dove la disciplina era fondamentale. Essendo anche un soldatino facevo tutto quello che serviva a livello di cure: combattevo tutti i giorni. Io ho fatto del mio, però il merito va ai dottori. Io ci ho messo la mentalità e la voglia di vivere, di combattere, di lottare».

Poter lavorare con la squadra (anche a distanza), ha dato a Mihajlovic una forza enorme. «Anche nei momenti peggiori sono sempre stato presente, non c'è mai stato un distacco e anche questo mi ha aiutato nelle giornate interminabili in ospedale. Seguivo tutti gli allenamenti, ero collegato e mi serviva anche per arrabbiarmi con lo staff, con i giocatori, mi tenevano in vita. Appena potevo tornavo a guidare la squadra: non ho voluto mai darla vinta alla malattia».

CALCIO: Risultati e classifiche

Keystone/archivio
Guarda le 3 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Swissabroad 1 mese fa su tio
Grande
Potrebbe interessarti anche
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
SCI ALPINO
1 ora
Tremendo schianto per Kryenbühl
Il 26enne è caduto a pochi metri dal traguardo. Paura anche per Cochran-Siegle.
SUPER LEAGUE
2 ore
Ingressi e uscite in bianconero
L’attaccante rimarrà a Lugano. Il laterale arriva in prestito
NATIONAL LEAGUE
6 ore
Importante crocevia per Lugano e Ambrì
I biancoblù a caccia di costanza, i sottocenerini di una veemente reazione.
FORMULA 1
15 ore
«Vettel non è una minaccia»
Helmut Marko, consulente della Red Bull: «Aston Martin? Anche con il miglior Seb, non colmerà il divario con noi».
MOTOMONDIALE
19 ore
«Rossi? Vorrebbe vincere anche guidando una bara»
Dal 2000 sempre insieme, il matrimonio tra il meccanico Alex Briggs e Vale si è chiuso al termine dello scorso Mondiale.
TORINO
23 ore
«Bisessuale, credo di sì», Miss Dybala getta la maschera
L’attrice e cantante argentina senza tabù: «Non c’è niente di più bello che sentirsi ed essere liberi».
NATIONAL LEAGUE
1 gior
Raffainer: un'opportunità irrinunciabile, le sue mansioni e...Cereda
Il 39enne ha spiegato i motivi che l'hanno spinto a dire "sì" alla chiamata degli Orsi.
BELLINZONA
1 gior
Dal calcio ai test per il Covid-19: Martignoni cambia vita
Il difensore ticinese: «Le giornate sono davvero piene, ma è motivo di grande soddisfazione essere utile alla comunità».
SUPER LEAGUE
1 gior
«Sono deluso, non meritavamo di perdere. Bottani? Non potevo crederci»
Maurizio Jacobacci: «Abbiamo messo la museruola all'YB, ma ci hanno castigati. Dispiace per i ragazzi».
SUPER LEAGUE
1 gior
Il Lugano non graffia, l'YB sbanca Cornaredo
Diverse le occasioni sciupate dai bianconeri, piegati 2-0 dalla capolista. Reti di Fassnacht e Nsame.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile