Keystone
+1
ARGENTINA
27.11.20 - 17:480
Aggiornamento : 21:29

"È morto povero", ma ora è battaglia

L'eredità di Diego fa gola ai familiari. Secondo la stampa argentina tutti vogliono qualcosa.

Sul conto non ci sarebbero più di 100'000 dollari, ma le proprietà sono diverse.

BUONE - Con il pallone tra i piedi non ce n'era per nessuno: Diego era il migliore e rubargli palla era quasi impossibile. Nella sfera privata, invece, qualche problema in più l'argentino l'ha avuto in una vita fatta di eccessi ma anche di generosità. Generosità molto spesso pagata a carissimo prezzo.

«Non lascerò niente ai figli in eredità, donerò tutto», aveva detto in un'intervista concessa un anno fa. E in effetti sembra che, attorno a lui, sia partita una battaglia tra i tanti familiari del "Diez" (dall'ex moglie Claudia fino alle due ex fidanzate Veronica Ojeda e Rocio Oliva, passando per i figli) per accaparrarsi i beni di Maradona. 

"È morto povero", dicono in tanti. Ma è davvero così? Luis Ventura - giornalista argentino da sempre vicinissimo a Maradona - ha scritto che sul suo conto non ci sarebbero più di 100'000 dollari. E dove sono finiti i diversi quattrini intascati in carriera? Sempre secondo Ventura sarebbero scomparsi a causa dell'eccessiva generosità del campione, in svariate occasioni pagata con raggiri di persone che, una volta incassato il denaro, non si sono più viste. Diego aveva un cuore grande così, aiutava gli amici e persino gli amici degli amici. Il resto lo hanno fatto gli eccessi dell'ex campione del Napoli, che quasi mai diceva "no" a feste e serate con amici.

Se il contante "piange" Maradona ha però molti beni di sua proprietà. Terreni, immobili, auto di lusso, un intero edificio a Buenos Aires e contratti d'immagine che restano in vigore anche dopo la morte. Ed è proprio su questi beni che i familiari hanno aperto la loro battaglia. 

 

 

 

CALCIO: Risultati e classifiche

Keystone
Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
LUGANO
1 ora
Una passione smisurata per le maglie: «Quella della Juve solo se...»
Andrea Rovelli colleziona magliette calcistiche: «Quella di Lubamba occupa un posto speciale nel mio cuore»
NATIONAL LEAGUE
5 ore
Voglia (matta) di... "tetto" svizzero: «Il Cantone vive per noi»
Dubé & Friborgo, la via è quella giusta. E l'anno prossimo arriva anche Diaz: «Con lui potremo crescere ulteriormente».
COPPA ITALIA
14 ore
Poker Juve, ora c'è l'Inter di Conte
I bianconeri volano senza affanni in semifinale di Coppa Italia: Spal liquidata 4-0
NHL
15 ore
Yannick Weber continua l'avventura in NHL
Il difensore rossocrociato si è accordato con i Pittsburgh Penguins fino al termine del campionato.
FORMULA 1
19 ore
Pronte immagini e storie inedite su Michael Schumacher
Sabine Kehm ha "lanciato" il tanto atteso docufilm che uscirà ufficialmente prossimamente. Si spera per ottobre.
COPPA ITALIA
22 ore
"Rissa" Ibra-Lukaku, Zlatan risponde a chi lo accusa
Le polemiche post derby: lo svedese ha voluto fare chiarezza sui social
TENNIS
1 gior
Nadal numero uno al mondo a sorpresa: «Giuro, non lo sapevo»
Il maiorchino è pronto per gli Australian Open, poi tornerà in Europa.
L’OSPITE - ARNO ROSSINI
1 gior
Coronavirus-revolution: «Da una parte i ricchi, dall’altra gli intelligenti»
«In futuro sempre più successi delle nobili, le altre dovranno accontentarsi delle briciole».
HCL
1 gior
Il Berna ritorna ma non incide, il Lugano ne approfitta
La compagine bianconera ha piegato la resistenza degli Orsi con il punteggio di 2-0. Shutout di Schlegel.
CICLISMO
1 gior
Tara Gins nuda: perso il posto di lavoro
Scelta come direttrice sportiva di un team belga, la 30enne è stata allontanata soltanto per alcune foto
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile