Keystone
+20
U21
19.11.20 - 08:000
Aggiornamento : 19:52

Il futuro della Nati è ora

Mauro Lustrinelli si gode la sua scintillante selezione: «Successi in partite che in passato non avremmo mai vinto».

«Mi auguro i miei possano far parte della Nazionale del futuro».

BERNA - Qualificatasi agevolmente alla fase finale dell’Europeo di categoria, la Svizzera U21 è stata una bella sorpresa. E non è stato tanto il biglietto staccato per la competizione a far scattare gli applausi, quanto piuttosto il modo in cui la selezione guidata da Mauro Lustrinelli si è battuta, ha vinto. E ha vinto tanto: nove delle dieci partite disputate. E dire che i risultati degli anni passati erano tutt’altro che positivi, che la speranza era tutt’altro che grande…

«Rispetto al recente passato sono cambiate tante cose - ha sottolineato proprio Lustrinelli - la prima, la più importante, riguarda il mio ruolo. Ora sono al 100%, non è sempre stato così. E se il selezionatore può dedicarsi completamente al progetto, la differenza si sente. Io ho avuto la possibilità di curare i rapporti con i giocatori. Così è stato più semplice dare un’identità precisa al gruppo».

Che è sembrato coeso.
«Sapevamo che aveva fame; quando i ragazzi si sono identificati in esso - tutti, non solo i titolari - è poi arrivata la svolta. Stiamo comunque parlando di giovani dalle grandi qualità, anche se incapaci, a livello U17 e U19, di ottenere i risultati meritati. Abbiamo lavorato per permettere loro di cambiare mentalità. Se vuoi essere competitivo un “salto” è obbligatorio». 

E la crescita c’è stata?
«Certo. Ed è stata netta. La prova sono i successi in trasferta arrivati contro avversarie non di primissima fascia ma contro le quali in altri momenti non avemmo mai fatto i tre punti».

L’ultima affrontata, la Francia, ha interrotto la serie positiva.
«Ce la possiamo giocare con qualsiasi rivale. Però per pensare di sfidare una grande alla pari dobbiamo crescere ulteriormente. I francesi hanno infatti mostrato una malizia, un’esperienza, un’intensità che noi ancora non abbiamo. Questo è però uno stimolo a lavorare di più». 

L’Europeo è un traguardo o un punto di partenza?
«Raggiungerlo come abbiamo fatto noi è stata una grande soddisfazione. Adesso però non ci accontentiamo. Sarà durissima ma di certo, una volta in campo, ci “proveremo”. Cominciamo a vedere cosa dirà il sorteggio…».

Questa U21 è la Nazionale maggiore del futuro?
«È sempre difficile prevedere quanto potrà crescere un giovane, quale livello potrà raggiungere; certo però me lo auguro. Già cinque dei miei hanno assaggiato la selezione maggiore. Poi dipenderà dai singoli. E anche un po’ dal momento. Ora mi pare che la Nazionale a centrocampo sia messa bene. Ciò significa che per arrivare, i miei centrocampisti dovranno pazientare o crescere ulteriormente. Magari in altre zone del campo un’eventuale promozione sarà meno complicata». 

CALCIO: Risultati e classifiche

keystone-sda.ch (SALVATORE DI NOLFI)
Guarda tutte le 24 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile