keystone-sda.ch (Alessandro Crinari)
+1
SUPER LEAGUE
18.09.20 - 18:450
Aggiornamento : 19.09.20 - 10:46

Il tecnico: «Ho un ottimo rapporto con Renzetti, ci sentiamo spesso»

Il Lugano di Jacobacci è pronto per l'esordio, in attacco ci saranno Gerndt e Bottani: «Marcis Oss? Sarà in panchina».

«Lungoyi? È vicino alla nazionale: non deve fermarsi, è arrivato in punta di piedi e si è fatto valere».

Nella giornata odierna - venerdì 18 settembre - ha avuto luogo la prima conferenza stampa stagionale del Lugano.

I bianconeri affronteranno domani sera a Cornaredo il Lucerna (ore 19) e prima di parlare della sfida, Maurizio Jacobacci ha commentato gli attestati di stima ricevuti dal numero uno del club Angelo Renzetti: «Ho un ottimo rapporto con il presidente e non capisco perché si voglia cercare un problema che non esiste», ha analizzato proprio l'allenatore bianconero. «Mi sento con Renzetti almeno tre volte alla settimana e lui conosce perfettamente le mie intenzioni. La sua opinione mi interessa e fra di noi ci confrontiamo, ma sono io che schiero la squadra che scende in campo e queste decisioni spettano a me. Il presidente non ha mai messo becco nella formazione da schierare o per quanto riguarda il modulo di gioco».

Capitolo campionato: il tecnico dei bianconeri potrà già contare sui servigi del nuovo difensore Marcis Oss. La squadra sarà schierata con il modulo di gioco del 3-5-2, con Bottani e Gerndt in qualita di tandem offensivo. «Oss è reduce da un lungo periodo in cui si è allenato da solo, ma sarà in panchina. La società ha fatto i suoi ragionamenti, decidendo di metterlo sotto contratto e io lo accolgo volentieri. Per il resto Baumann è sempre fermo per l’infortunio alla clavicola, così come Macek che soffre di un risentimento al polpaccio. Non vogliamo prendere rischi, per cui resteranno a riposo».

È contento Mister Jacobacci del pre-campionato? «Siamo tutti vogliosi di iniziare. In Coppa Svizzera la squadra non è stata brillante, ma passare il turno è la cosa più importante nei tornei a eliminazione diretta. Ci siamo fortunatamente riusciti contro dei buoni avversari, più forti rispetto all'anno scorso, e siamo stati bravi a evitare i loro pericolosi contropiedi. Volevamo chiaramente chiudere il match nei 90', ma la squadra ha dimostrato di saper reggere bene anche i 120′».

È difficile gestire un gruppo a inizio campionato sapendo che potrebbe ben presto essere composto da nuovi giocatori? «La rosa è questa e non faccio calcoli su chi potrebbe partire. Utilizzo tutti, tenendo conto delle qualità e dello stato di forma di ognuno, per poi provare eventualmente a correggere qualche aspetto a partita in corso, visto che in panchina ci sono elementi che meriterebbero di scendere in campo. Se invece ci saranno cessioni ne terremo conto al momento opportuno. Come vedo gli avversari di Super League? Ritengo l’YB una spanna sopra le altre formazioni, mentre il Basilea è tutto da scoprire, poiché ha un buon allenatore e diversi giovani. Tutto dipenderà da come si comporterà in Europa League: in caso di mancata qualificazione ai gironi probabilmente qualche giocatore potrebbe partire. Noi dobbiamo guardare in casa nostra. Sarà un campionato non facile e dobbiamo cercare di ripetere il cammino della scorsa stagione».

Ardaiz è pronto? «Abbiamo una grande concorrenza in tutti i reparti, ma per partire deve essere meglio di Gerndt. Tutti devono migliorarsi per giocare dall’inizio e vale anche per esempio per Guidotti, che per giocare deve escludere elementi come Lovric, Custodio e Sabbatini, poi ci sono in panchina Macek e Covilo. Sia Ardaiz e Guidotti si allenano comunque bene. Lungoyi? È vicino alla nazionale: non deve fermarsi, è arrivato in punta di piedi e si è fatto valere. Ora tutte lo conoscono e le squadre cercano contromisure per contrastarlo, sta a lui adattarsi, magari appoggiandosi ogni tanto su un compagno per poter partire in profondità. Anche davanti tra i vari Lungoyi, Bottani e Holender abbiamo grande concorrenza».

CALCIO: Risultati e classifiche

keystone-sda.ch/ (LAURENT GILLIERON)
Guarda tutte le 5 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Indira69 1 mese fa su tio
Grande mister,mai una parola fuori posto,equilibrato e maturo.Dimostra inoltre di conoscere bene stampa e giornalisti,non cadendo mai nella provocazione.Che sia un campionato positivo,forza Lugano.
Zarco 1 mese fa su tio
@Indira69 renzetti ?????possibile che in tutti questi anni , devi sempre creare zizzania con la squadra ????????anche un bambino i , dopo poco impara ....
cle72 1 mese fa su tio
Forza Lugano. Ci vediamo domani allo stadio.
Potrebbe interessarti anche
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
CHAMPIONS LEAGUE
1 ora
Inter distratta, frittata (quasi) fatta
Nerazzurri fermati dal Borussia Mönchengladbach. Bayern e Atalanta travolgenti.
NATIONAL LEAGUE
4 ore
«Protocolli e protezioni, ma il Covid può stravolgere i piani»
La morsa del coronavirus sta mettendo sotto pressione il campionato. La parola a Raeto Raffainer, ds del Davos.
CALCIO REGIONALE
5 ore
Si ferma il calcio regionale
I vari campionati sono stati congelati almeno fino al 12 novembre.
SUPER LEAGUE
7 ore
«Non ha senso continuare così»
Il Sion non potrà accogliere tifosi al Tourbillon. Dal Canton Vallese altra mazzata per lo sport elvetico
NL/HCL
10 ore
«Stop al campionato? Non è l'opinione di tutti i club»
Il CEO dell'HCL è tornato anche sulla decisione del Canton Berna (riduzione a 1'000 tifosi): «Capisco l'arrabbiatura...»
NAZIONALE
13 ore
Emergenza Covid, le Nazionali annullano gli impegni di novembre
Swiss Ice Hockey ha preso questa decisione dopo aver valutato attentamente l'evolversi della pandemia.
L’OSPITE - ARNO ROSSINI
16 ore
«O fa il botto o lo prendono a botte»
«Inter grande ma obbligata a vincere. Antonio bravo, ma solo le montagne non si muovono».
CHAMPIONS LEAGUE
1 gior
Manita Barcellona, è festival del gol
Colpaccio United in casa del PSG. Borussia maltrattato dalla Lazio.
HCAP
1 gior
L’Ambrì piange ancora dopo il 60’
Biancoblù ripresi e battuti dai vodesi, impostisi 2-3 alla Valascia.
MOTOMONDIALE
1 gior
«Vale era un killer, ora si accontenta di un quinto posto. È triste...»
L'australiano a otto anni dall'addio alle competizioni: «Non c'è alcuna possibilità che torni a gareggiare»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile