TI-Press
+10
SUPER LEAGUE
25.05.20 - 14:150
Aggiornamento : 23:49

Tutte le perplessità di Mijat Maric

Ripresa difficile per i calciatori: corpo e mente messi alla prova.

«Tra quelli che prendono queste decisioni non so quanti siano stati calciatori professionisti».

LUGANO - Il primo allenamento è andato, ma con esso non sono svaniti timori e preoccupazioni. Di incertezze, anche paure, i giocatori del Lugano continuano infatti a viverne anche ora che è stata ridata loro la possibilità di muoversi insieme sul rettangolo verde.

A esprimere tutte le perplessità dello spogliatoio bianconero è stato Mijat Maric, che non ha nascosto irritazione per il modo in cui tutta l’emergenza è stata affrontata.

«L’allenamento, non certo normale dopo una pausa tanto lunga, è andato meglio del previsto - ha raccontato il 36enne difensore - Fa piacere essere tornati anche se con la testa non siamo molto tranquilli. Come potremmo, non sapendo cosa succederà? Cerchiamo di adattarci». 

I dubbi nascono da un futuro nebuloso e forse intensissimo.
«Non si sa ancora se si giocherà e quanto. Potremmo essere costretti a scendere in campo ogni tre giorni e questo, dopo un lungo stop, non sarà certo facile. Il rischio è che, dopo aver disputato magari cinque partite in 20 giorni, ci si ritrovi a camminare. E lo spettacolo? E le certezze? Perché si deve tener conto di tanti fattori: i contratti in scadenza, gli infortuni… tante partite ravvicinate, due stagioni in un unico anno, sono un rischio grandissimo. Non sono convinto di quel che ci vogliono far fare. Non so quanti, tra quelli che prendono queste decisioni, siano stati calciatori professionisti. Non so se queste persone sappiano cosa significhi essere un calciatore. Sotto l’aspetto fisico ma anche nervoso e mentale. Vogliono fare come in Germania, senza però avere la stessa organizzazione e le stesse infrastrutture. Noi atleti siamo l'ultima ruota del carro. Non ci hanno chiesto nulla fino all’ultimo, fino a quando non abbiamo alzato la voce. Anche così però…».

Marcare un avversario da vicino potrebbe essere pericoloso.
«Ci penso ora, non lo farò quando sarò in campo. Il punto è però un altro. Il nostro è stato tra i primi Paesi ad aver fermato tutto quando è cominciata l’emergenza; è un peccato ora ricominciare così, alla buona. I test andavano fatti a prescindere. Mi sembra sbagliato rischiare qualcosa quando c’era la possibilità di evitarlo. Fosse per me, non giocherei: ci sono troppe incognite rispetto alle certezze».

Tra le varie proposte da valutare ci sono la riapertura degli stadi ai tifosi e la Super League a 12 squadre.
«Io vorrei che il pubblico ci fosse. Ma si deve valutare se ne vale la pena e se il rischio è abbastanza basso da permetterlo. Per quanto riguarda il campionato a 12 squadre, io sono favorevole. Fosse per me lo farei addirittura a 14».

CALCIO: Risultati e classifiche

Ti-press (Samuel Golay)
Guarda tutte le 14 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
MONDIALI
52 min
Niente Mondiali ma... niente debiti
Il Comitato organizzatore restituirà a sponsor e privati i soldi spesi per l’edizione iridata 2020
L'OSPITE - STEFANO TOGNI
4 ore
«Nättinen scommessa alla Kubalik. Marha? Grande talento»
Stefano Togni ha commentato il mercato dell'Ambrì: «Manca ancora uno straniero, per il resto la squadra è completa»
SREIE A
14 ore
«Higuain? Litigo solo con lui...»
L'allenatore della Juventus Maurizio Sarri ha lanciato la sfida contro il Milan: «La squadra è in grandissima forma»
SIENA
17 ore
Dramma Zanardi, nuovo intervento al volto: «Fratture complesse»
Il campione paralimpico è stato sottoposto a un'operazione di 5 ore volta alla ricostruzione cranio-facciale
TENNIS
20 ore
King Roger è malinconico: «Wimbledon mi manca»
Esattamente 17 anni fa il tennista rossocrociato conquistò il primo Slam della sua carriera proprio sui prati londinesi
TENNIS
1 gior
Djokovic ci riprova: altra iniziativa
L’Adria Tour è stato un disastro. Nole però non vuole mollare.
SUPER LEAGUE
1 gior
L'YB non è granché ma Yao...
Le due autoreti del difensore hanno rovinato i piani dei bianconeri, mai realmente in difficoltà contro i bernesi.
SERIE A
1 gior
Ringhio ringhia ancora
Pesante successo per i partenopei, che hanno agganciato i giallorossi al quinto posto della classifica.
FORMULA 1
1 gior
«Felice di essermi girato solo una volta»
Pessimo esordio stagionale per il tedesco della Ferrari.
SUPER LEAGUE
1 gior
Due autogol di Yao affossano il Lugano
Due sfortunate autoreti dell'ivoriano condannano i bianconeri, battuti 3-0 dall'YB
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile