Parma
Napoli
12:30
 
TI-Press
+10
SUPER LEAGUE
25.05.20 - 14:150
Aggiornamento : 23:49

Tutte le perplessità di Mijat Maric

Ripresa difficile per i calciatori: corpo e mente messi alla prova.

«Tra quelli che prendono queste decisioni non so quanti siano stati calciatori professionisti».

LUGANO - Il primo allenamento è andato, ma con esso non sono svaniti timori e preoccupazioni. Di incertezze, anche paure, i giocatori del Lugano continuano infatti a viverne anche ora che è stata ridata loro la possibilità di muoversi insieme sul rettangolo verde.

A esprimere tutte le perplessità dello spogliatoio bianconero è stato Mijat Maric, che non ha nascosto irritazione per il modo in cui tutta l’emergenza è stata affrontata.

«L’allenamento, non certo normale dopo una pausa tanto lunga, è andato meglio del previsto - ha raccontato il 36enne difensore - Fa piacere essere tornati anche se con la testa non siamo molto tranquilli. Come potremmo, non sapendo cosa succederà? Cerchiamo di adattarci». 

I dubbi nascono da un futuro nebuloso e forse intensissimo.
«Non si sa ancora se si giocherà e quanto. Potremmo essere costretti a scendere in campo ogni tre giorni e questo, dopo un lungo stop, non sarà certo facile. Il rischio è che, dopo aver disputato magari cinque partite in 20 giorni, ci si ritrovi a camminare. E lo spettacolo? E le certezze? Perché si deve tener conto di tanti fattori: i contratti in scadenza, gli infortuni… tante partite ravvicinate, due stagioni in un unico anno, sono un rischio grandissimo. Non sono convinto di quel che ci vogliono far fare. Non so quanti, tra quelli che prendono queste decisioni, siano stati calciatori professionisti. Non so se queste persone sappiano cosa significhi essere un calciatore. Sotto l’aspetto fisico ma anche nervoso e mentale. Vogliono fare come in Germania, senza però avere la stessa organizzazione e le stesse infrastrutture. Noi atleti siamo l'ultima ruota del carro. Non ci hanno chiesto nulla fino all’ultimo, fino a quando non abbiamo alzato la voce. Anche così però…».

Marcare un avversario da vicino potrebbe essere pericoloso.
«Ci penso ora, non lo farò quando sarò in campo. Il punto è però un altro. Il nostro è stato tra i primi Paesi ad aver fermato tutto quando è cominciata l’emergenza; è un peccato ora ricominciare così, alla buona. I test andavano fatti a prescindere. Mi sembra sbagliato rischiare qualcosa quando c’era la possibilità di evitarlo. Fosse per me, non giocherei: ci sono troppe incognite rispetto alle certezze».

Tra le varie proposte da valutare ci sono la riapertura degli stadi ai tifosi e la Super League a 12 squadre.
«Io vorrei che il pubblico ci fosse. Ma si deve valutare se ne vale la pena e se il rischio è abbastanza basso da permetterlo. Per quanto riguarda il campionato a 12 squadre, io sono favorevole. Fosse per me lo farei addirittura a 14».

CALCIO: Risultati e classifiche

Ti-press (Samuel Golay)
Guarda tutte le 14 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
MILANO
31 min
«Reagisce agli stimoli visivi e sonori. Lo vedo già alle Olimpiadi»
Il Dottor Costa si è espresso in merito alle condizioni fisiche di Zanardi
SUPER LEAGUE
4 ore
«È una rete che mi aiuta a lavorare con maggior serenità»
Mattia Bottani ha fornito una grande prestazione nella prima uscita stagionale dei suoi
DERBY
13 ore
È tornato il derby: vittoria del Lugano
Gli uomini di Pelletier si sono imposti 3-2, grazie in particolare alle due reti del canadese.
SUPER LEAGUE
14 ore
«Sono orgoglioso di questo gruppo»
Il Lugano di Jacobacci ha rotto il ghiaccio come meglio non poteva nel nuovo campionato, battendo 2-1 il Lucerna
SUPER LEAGUE
15 ore
Lugano subito in palla: steso il Lucerna
A Cornaredo i bianconeri hanno battuto i ragazzi di Celestini per 2-1.
TENNIS
18 ore
Federer giocherellone: «Mi dice spesso "se solo fossi bello quanto te"...»
L'italiano ha raccontato quanto il basilese si diverta con i colleghi
BIASCA
19 ore
Rockets: parte della squadra in quarantena fino a venerdì
Uno dei giocatori dei rivieraschi era risultato positivo al tampone, causando l'interruzione dell'amichevole di giovedì
MOTOMONDIALE
21 ore
Viñales in pole, settimo Rossi
La prima fila sarà composta dallo spagnolo, da Miller e da Quartararo. Solo decimo il leader del Mondiale Dovizioso
NATIONA LEAGUE
1 gior
Nessuno vuole Mattia Hinterkircher: nemmeno i cadetti
L'ex attaccante dell'Ambrì non è stato preso in considerazione nemmeno dal La Chaux-de-Fonds
MOTO GP
1 gior
Morbidelli a Rossi: «Non sto bene. Scusa, ma sono al gabinetto»
Il pilota della Petronas ha mal di pancia. Il Dottore: «Non mi risulta che abbia fatto follie domenica dopo la vittoria»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile