TiPress
CALCIO
09.05.20 - 08:000
Aggiornamento : 10.05.20 - 09:34

«Ricominciare? Senza aiuti i club piccoli rischiano grosso»

Livio Bordoli si è espresso sulla possibile ripresa dei campionati: «Ognuno guarda il proprio orticello»

LUGANO - Il prossimo 29 maggio si terrà l'Assemblea che andrà a decretare la partenza (o più correttamente la ripartenza...) del nostro calcio. Cosa si deciderà di fare? I vari club, ovviamente, sono divisi. Come in ogni ambito della vita, ognuno guarda il proprio orticello. Difficile dunque prevedere oggi se, alla fine, sarà un sì oppure un no..

«Ognuno ha la propria ragione su cui farsi valere - il pensiero di Livio Bordoli - Capisco alcuni club che vogliono giocare: vedono nel prosieguo una possibilità d'incassare dei soldi. Ovviamente sto parlando di quelle squadre in piena lotta per i posti europei. Non giocando, inoltre, molte società potrebbero veder svanire l'opportunità di vendere i propri giocatori, visto che perderebbero di valore. Capisco però anche quelle squadre piccole che non vogliono chiudere il campionato: scendendo in campo, infatti, non avrebbero più diritto all'indennità per lavoro ridotto. Così facendo, senza un aiuto esterno, diventerebbe molto complicato per loro».

Qual è, dunque, la miglior strada da seguire? «Dal mio punto di vista sarebbe più logico annullare questo campionato e spedire in Europa le squadre secondo la classifica attuale. Il titolo non andrebbe assegnato, così come le retrocessioni sarebbero annullate».

Riprendere potrebbe avere effetti devastanti per alcuni club... «Sarebbe un quadretto triste. Le società più piccole andrebbero in chiara difficoltà: senza il lavoro ridotto, senza le entrate del pubblico, dove vanno a tirar fuori i soldi per pagare gli stipendi ai giocatori? Nel caso il Consiglio Federale dovesse dare l'ok definitivo il 27 maggio, di pari passo bisognerebbe pensare a fornire degli aiuti concreti. Altrimenti sarebbe troppo pericoloso...».

Contrariamente ad altri campi, lo sport sin qui ha ottenuto aiuti un po' più contenuti... «In politica, forse, c'è un po' di pregiudizio sul fatto che il calcio è ritenuto uno sport di privilegiati. È vero, ci sono tanti giocatori che guadagnano bene, d'altro canto bisogna pensare che nei vari club operano altre persone che hanno uno stipendio "normale". Il calcio - e lo sport in generale - dà tanto al nostro paese e, non da ultimo, fornisce tanti posti di lavoro».

CALCIO: Risultati e classifiche

TiPress
Ingrandisci l'immagine
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
albertolupo 2 mesi fa su tio
Anche andare a cavare patate può dare una mano al paese, in questo momento ce n’è bisogno.
Daniele Lanti 2 mesi fa su fb
Meno male si comincia a ragionare abolire sto sport non fa che fare vittime il calcio
LR4You 2 mesi fa su fb
Io quello che non capisco è che lunedì dovrò ritornare a scuola, ma la mia stagione calcistica come juniores è terminata. Io conosco la realtà dei piccoli club che la maggior parte degli introiti avviene tramite tornei giovanili e.........Io credo che tanti piccoli club scompariranno e tanti giovani come me si ritroveranno senza squadra. Io chiedo ad Alain Berset di non dimenticarsi del mondo dello sport 🌈❤️🇨🇭
albertolupo 2 mesi fa su tio
Ci sono tanti posti in agricoltura. Anche così si può fare qualcosa per il nostro paese.
Zarco 2 mesi fa su tio
Hai in parte ragione! Ci sono presidenti scellerati, che pagano emeriti brocchi in maniera vergognosa
Potrebbe interessarti anche
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
CHALLENGE LEAGUE
3 ore
«Obiettivo mancato, ma di certo non molliamo»
Mirko Salvi, portiere delle Cavallette: «Un club come il GC, insieme ai suoi grandi fans, non può restare a lungo in B»
EUROPA LEAGUE
5 ore
Basilea già pronto alla festa, Eintracht in cerca di miracoli
I renani sono vicini alla qualificazione alla final eight.
CICLISMO
14 ore
Caduta shock allo sprint: Jakobsen in coma farmacologico
Spaventoso e drammatico incidente nella volata della prima tappa del Tour di Polonia. Il 23enne è in pericolo di vita.
MOTOMONDIALE
16 ore
Valentino “gasato”, e a Brno ha già goduto
Una buona Yamaha e l’assenza di Marquez hanno fatto salire le quotazioni del Dottore.
FORMULA 1
20 ore
Guerra fredda in Ferrari: Vettel ignora Binotto
Intanto è sempre più vicino l’accordo con l’Aston Martin per il 2021.
SUPER LEAGUE
1 gior
«Ora c'è un po' di delusione, ma ci davano già per spacciati»
Simone Rapp affila gli artigli per lo spareggio: «Inutile piangersi addosso: dobbiamo dimostrare di essere più forti».
L’OSPITE - ARNO ROSSINI
1 gior
Eurocrucci e sorprese: i graffi di Conte e il Basilea
Tra grandi favorite e possibili outsider, l’Europa League torna a incantare.
TENNIS
1 gior
Nadal rinuncia agli US Open: «Casi di Covid ovunque, meglio non viaggiare»
La defezione del mancino di Manacor va ad aggiungersi a quella di altri campioni come Roger Federer e Stan Wawrinka
PREMIER LEAGUE
1 gior
Minacce zittite e accuse respinte: che rivincita per l’odiatissimo Granit
Per settimane parso sul piede di partenza, il centrocampista è tornato a essere un punto fermo dei Gunners.
FORMULA 1
1 gior
Calvario Vettel e dubbi su Leclerc: Marko getta benzina sul fuoco
Parole sibilline del dirigente della Red Bull, che punzecchia la Rossa: «Leclerc ha trovato velocità, Seb no...»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile