Keystone
SUPER LEAGUE
21.03.20 - 14:100
Aggiornamento : 19:10

Terremoto Sion: «Rifiuto dettato dal buon senso... poi il licenziamento via Whatsapp»

La parola a Doumbia e Djourou, tra i giocatori toccati dal drastico provvedimento del patron Christian Constantin

SION - Giovedì, un vero e proprio terremoto sportivo firmato Christian Constantin, ha scosso il mondo Sion. Il patron dei vallesani, con una soluzione draconiana, ha licenziato con effetto immediato nove giocatori. Il presidente aveva proposto a tutti i propri dipendenti una riduzione del salario, ma dopo il "no" dei cosiddetti ribelli ha agito in maniera drastica. Silurati di fatto Pajtim Kasami, Johan Djourou, Seydou Doumbia, Alex Song, Ermir Lenjani, Xavier Kouassi, Mickaël Facchinetti, Christian Zock e Birama Ndoye.

Come riportato dai colleghi de "Le Nouvelliste", l'attaccante ivoriano Seydou Doumbia ha detto la sua sui social, augurandosi innanzitutto la salute dei propri followers e provando poi a spiegare come si è arrivati a questa situazione.

«Martedì 17 marzo, verso le 17.00, abbiamo ricevuto una lettera in cui la società ci chiedeva di accettare o rifiutare una riduzione drastica del nostro stipendio, il tutto senza prospettive per il futuro. Alle 19 noi giocatori ci siamo consultati con una “riunione” d’emergenza (verosimilmente in teleconferenza, ndr). Tutti i giocatori professionisti hanno deciso di non accettare, vista la forma e la sostanza della proposta».

Il giorno dopo si è però arrivati alla resa dei conti. «Mercoledì ci è arrivata una lettera personale via Whatsapp, in cui si chiedeva di prendere una decisione definitiva. Il buon senso mi ha detto di non accettare una tale proposta via Whatsapp, e così meno di 30 minuti dopo ho ricevuto una lettera di licenziamento tramite lo stesso canale».

Doumbia conclude con una precisazione: «Da parte mia e dei miei compagni non c'è stata una mancanza di considerazione legata alla difficile situazione del coronavirus. In questo caso però non ci sono stati dialoghi o misure di accompagnamento. Niente di tutto ciò».

Molto chiara invece la posizione di Johan Djourou, che ha parlato al "Blick". «Non abbiamo rifiutato perché non vogliamo ridurci il salario: siamo disposti a fare dei sacrifici, è un nostro dovere... - ha spiegato il centrale - Abbiamo rifiutato perché al momento la disoccupazione parziale non è possibile per i contratti a tempo determinato come i nostri. Non volevamo commettere errori giuridici. Tre mesi senza stipendio non sarebberero la fine del mondo per la maggior parte di noi, ma abbiamo comunque dei diritti».

CALCIO: Risultati e classifiche

Keystone
Guarda le 2 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
El Jardinero 6 mesi fa su tio
Io personalmente sono contro i presidenti folli "stile Lotito" quindi non approvo per niente queste decisioni assurde. Mi piacerebbe che il campionato ricominciasse domani e cosi il Sion si troverebbe nei guai! Non sono metodi per licenziare i tuoi dipendenti.
Loki 6 mesi fa su tio
A me Costantin è sempre piaciuto. Scelte scellerate o meno, le ha sempre fatte per passione e non per speculazioni. Un pò come il nostro Angelo, ma elevato alla x potenza, perchè Ul Scior i soldi li ha davvero. Per questo dico: ha fatto bene, caspita se ha fatto bene. Volevano anche l'invito a cena sti Krumiri? Bravo Costantin
Potrebbe interessarti anche
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
CICLISMO
2 ore
«Quando ho guardato la gamba... ho capito»
Chloé Dygert è stata operata con successo dopo la caduta shock ai Mondiali di Imola: «Tornerò»
SERIE A
12 ore
«Chiediamo la Juve in B se ha truccato l'esame di Suarez»
Anche se al momento il club bianconero non risulta nemmeno indagato, fa rumore la richiesta del Codacons
SUPER LEAGUE
15 ore
«A Zurigo sarà una battaglia»
Maurizio Jacobacci, mister del Lugano, lancia la sfida del Letzigrund: «Serviranno grinta e umiltà».
CICLISMO
17 ore
Küng si prende il bronzo ad Imola!
Il rossocrociato ha chiuso al terzo posto la cronometro di 31,7 km vinta dall'italiano Ganna. Argento a Van Aert
MOTOMONDIALE
17 ore
Tom Lüthi si dovrà cercare un nuovo team
Il bernese lascerà il team IntactGP al termine del Mondiale 2020
CICLISMO
19 ore
Un caso di Covid-19 ai Mondiali di Imola
Positiva la 40enne Olga Zabelinskaya
FORMULA 1
22 ore
Hamilton a caccia del leggendario Schumi
La F1 fa tappa a Sochi per il GP di Russia. Il britannico, in vetta al Mondiale, può raggiungere quota 91 vittorie
SUPER LEAGUE
1 gior
A Zurigo per restare in alto: il Lugano ci prova
La truppa di Jacobacci aveva sconfitto all'esordio il Lucerna
SUPERCOPPA EUROPEA
1 gior
Il Bayern si prende anche la Supercoppa
La compagine bavarese ha piegato il Siviglia: 2-1 il risultato finale
EUROPA LEAGUE
1 gior
Il Basilea rischia ma avanza, out il San Gallo
I renani hanno sconfitto 3-2 l'Anorthosis e i biancoverdi sono caduti con l'AEK (0-1). Passa anche il Milan senza Ibra
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile