Parma
0
Sampdoria
2
fine
(0-2)
Keystone
CALCIO
14.12.19 - 17:200
Aggiornamento : 19:31

Chapecoense, Neto lascia il calcio. Era sopravvissuto all'incidente aereo: «Non ce la faccio più»

Il difensore brasiliano ha deciso di abbandonare l'idea di giocare ancora a pallone. Troppi i dolori con i quali sta convivendo negli ultimi mesi

RIO DE JANEIRO (Brasile) - La sua storia aveva commosso il mondo intero. Nella tragedia aerea del novembre del 2016 - nella quale avevano perso la vita 71 persone - il difensore della Chapecoense Neto era riuscito miracolosamente a salvarsi. Quando ormai la speranza sembrava essersi affievolita i soccorritori l'avevano incredibilmente ritrovato vivo. Insieme a lui si erano salvati altri due compagni (Ruschel e Follmann).

In seguito a diverse operazioni (polmone, ginocchio, polso, schiena e cranio) il calciatore ha sempre sperato di tornare a giocare, ma oggi - a due anni di distanza - ha preso una decisione. Probabilmente la più logica... «Il mio corpo non ce la fa più - le parole del 34enne a "Globo Esporte" - I dolori sono più forti del piacere di giocare. Non ho problemi nella vita quotidiana, ma negli allenamenti intensi non riesco a sopportare il dolore al ginocchio e alla schiena. Da qui la decisione di chiudere con l’attività agonistica».

Neto ha raccontato come le priorità ora siano cambiate, affidando i suoi pensieri al libro: “Posso credere nel domani”.

CALCIO: Risultati e classifiche

Keystone
Guarda le 2 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Elisabetta Pezze 1 anno fa su fb
Saggio
Ilda Fantini 1 anno fa su fb
Ci credo poverino❤️
Potrebbe interessarti anche
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
PREMIER LEAGUE
49 min
«Eriksen? No grazie, mi ha deluso»
Finito ai margini nei nerazzurri, il danese resta sul mercato. Graham Roberts: «Inter? Voleva un'altra squadra»
HCL
5 ore
Il Lugano torna al successo, shutout di Zurkirchen
La truppa di Pelletier ha piegato il Rapperswil: 1-0 il risultato finale.
SUPER LEAGUE
5 ore
Successo e secondo posto: è un gran Lugano
Un rigore di Maric a 5’ dalla fine ha fatto gongolare i bianconeri.
SCI ALPINO
10 ore
Lara Gut-Behrami, vittoria da sballo
Per la ticinese è il secondo successo stagionale in superG dopo St. Anton.
SCI ALPINO
11 ore
Bis storico, Feuz re di Kitzbühel
Secondo successo consecutivo del bernese, padrone in Austria davanti a Clarey e Mayer.
HCAP
15 ore
«Costi, talento e attitudine: Perlini operazione super interessante»
Paolo Duca, ds biancoblù: «Abbiamo stretto i denti il più possibile, ma era arrivato il momento di intervenire»
SUPER LEAGUE
1 gior
Poker Zurigo, Lugano scavalcato
La squadra di Rizzo vince 4-1 a Basilea e si porta a quota 22 punti. Importante successo del Sion (1-0 sul Losanna)
SERIE A
1 gior
Il Milan crolla... ma è campione d'inverno
La squadra di Pioli è stata sconfitta 3-0 dall'Atalanta. Il pari dell'Inter (0-0 a Udine) lascia il Diavolo in vetta
HCAP
1 gior
L'Ambrì abbraccia Brendan Perlini!
L'attaccante 24enne, con alle spalle 239 partite in NHL (46 gol), si è legato ai biancoblù sino a fine stagione.
TENNIS
1 gior
«Gioco per soldi, fossi come Federer sarei rimasto a casa»
Trattamenti diversi agli Australian Open…
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile